Iran: Riad non crede a nostro coinvolgimento

ATS

21.9.2019 - 09:49

Il ministro degli esteri Mohammad Javad Zarif
Source: KEYSTONE/AP/ACHMAD IBRAHIM

L'attacco saudita di ieri al porto yemenita di Hudayda sul Mar Rosso, è secondo il ministro degli Esteri iraniano un segnale che i sauditi stessi non crederebbero al coinvolgimento iraniano negli attacchi alle strutture petrolifere saudite dello scorso 14 settembre.

In un messaggio su Twitter, Mohammad Javad Zarif sottolinea: «dato che il regime saudita ha incolpato l'Iran, senza alcun fondamento, per gli attacchi, è curioso che si stanno vendicando contro Hudayda, rompendo un cessate il fuoco delle Nazioni Unite. È chiaro che anche i sauditi stessi non credono alla finzione del coinvolgimento iraniano».

Zarif, in un'intervista all'agenzia Irna, ha anche affermato che le sanzioni Usa contro la Banca centrale iraniana e il Fondo di sviluppo nazionale indicano la «frustrazione» statunitense e la «fine incombente» della sua politica di «massima pressione». L'«inaccettabile» misura Usa rivelerebbe il tentativo di ostacolare la consegna di generi alimentari e medicine al popolo iraniano. «Questa misura viola tutti gli impegni internazionali, non solo l'accordo sul nucleare del 2015, ma anche i riconosciuti principi internazionali sull'immunità delle banche centrali», ha sottolineato.

Tornare alla home page

ATS