La vedova racconta Irascibilità e TV vietata, il leader dell'ISIS sottometteva la moglie?

dmu

18.6.2024

Il 30 ottobre, il Dipartimento della Difesa statunitense ha pubblicato questa foto dell'ex leader dell'IS Abu Bakr al-Baghdadi.
Il 30 ottobre, il Dipartimento della Difesa statunitense ha pubblicato questa foto dell'ex leader dell'IS Abu Bakr al-Baghdadi.
Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti/AP

Umm Hudaifa è stata la prima moglie di Abu Bakr al-Baghdadi, il defunto leader dell'ISIS. In un'intervista, la donna offre uno spaccato della vita familiare e si dipinge come una vittima.

dmu

18.6.2024

Hai fretta? blue News riassume per te

  • Umm Hudaifa era sposata con il defunto leader dell'ISIS Abu Bakr al-Baghdadi, morto nel 2019.
  • Si trova in una prigione irachena per il presunto coinvolgimento nella riduzione in schiavitù di ragazze yazidi.
  • In un'intervista, Hudaifa nega le accuse e afferma di essere stata lei stessa vittima del marito.

Nel 1999, Umm Hudaifa ha sposato un laureato dell'Università di Baghdad che aveva studiato legge islamica: Ibrahim Awad al-Badri. «Religioso, ma non estremista... Conservatore, ma di mentalità aperta», ha detto.

In seguito è diventato noto con il nome di Abu Bakr al-Baghdadi come leader dello «Stato Islamico», l'ISIS.

In un'intervista alla BBC, Umm Hudaifa fornisce ora una rara visione della sua vita con la figura rappresentativa dell'ISIS - e nega qualsiasi coinvolgimento nelle atrocità commesse dai terroristi. Si dice piuttosto una vittima che non è riuscita a sfuggire al marito criminale.

Secondo la radiotelevisione britannica, Hudaifa si trova in una prigione irachena. Le vittime yazidi la accusano di essere coinvolta nella riduzione in schiavitù sessuale delle donne e delle ragazze rapite, cosa che lei nega con veemenza.

Avrebbe scoperto le macchinazioni del marito in TV

Hudaifa spiega che sapeva poco delle attività del marito. Dice di aver dovuto guardare la TV di nascosto perché il marito le proibiva questa e altre tecnologie come i telefoni cellulari. Nel 2014, ha appreso dalla televisione come Baghdadi si sia dichiarato leader dell'ISIS in un discorso.

Non sapeva di questa apparizione: all'epoca credeva che stesse insegnando ai suoi figli a nuotare.

Hudaifa cita la sua cattura da parte delle truppe statunitensi nel 2004 come la chiave della radicalizzazione di Baghdadi, affermando che ha avuto contatti con i successivi leader dell'ISIS nel campo di prigionia di Camp Bucca.

Dopo il suo rilascio, ha osservato dei cambiamenti in suo martio: «È diventato irascibile e incline a scoppi d'ira». Hudaifa sospetta che sia stato torturato sessualmente durante la sua detenzione, ma non può provarlo.

Conoscenti di Baghdadi sostengono che fosse già entrato in contatto con Al-Qaida prima della sua incarcerazione. Hudaifa lo aveva avvertito: «Hai perso la tua strada». In seguito si sono spostati molto, hanno assunto false identità e lui ha sposato una seconda moglie.

Nonostante lei volesse il divorzio, è rimasta con lui per i figli.

«Hudaifa era responsabile di tutto»

Le atrocità commesse dall'ISIS, come le decapitazioni e il fatto di aver bruciato vivo un pilota, hanno sconvolto profondamente Hudaifa. Ha cercato di fuggire, ma è stata trattenuta da uomini armati.

I parenti delle ragazze yazidi rapite e ridotte in schiavitù però non accettano il ruolo di vittima di Hudaifa. È stata solo una messa in scena, sostengono: «Hudaifa era responsabile di tutto», dice la sorella di una delle vittime. Chiedono la pena di morte.

«Non nego che mio marito fosse un criminale», afferma la BBC, ma respinge le accuse contro di lei.

Abu Bakr al-Baghdadi è stato rintracciato dalle forze speciali statunitensi nel 2019 e si è fatto esplodere. Hudaifa viveva in Turchia sotto falso nome ed è stata arrestata nel 2018. È in custodia in Iraq dal febbraio 2024.