Green pass in Italia: via libera al nuovo decreto

SDA

16.9.2021 - 20:01

L'estensione del decreto interessa 23 milioni di lavoratori. Nella foto Palazzo Chigi a Roma, sede del governo italiano. (foto d'archivio)
Keystone

Il Consiglio dei ministri italiano ha dato il via libera all'unanimità al nuovo decreto legge per l'estensione del Green pass a tutti i luoghi di lavoro a partire da metà ottobre.

SDA

16.9.2021 - 20:01

«Con questo decreto estendiamo dal 15 ottobre l'uso del green pass a tutto il mondo del lavoro pubblico e privato, per due ragioni: per rendere questi luoghi più sicuri e per rendere più forte la campagna di vaccinazione.

L'utilizzo più estensivo del green pass ci aiuterà a spingere la campagna di vaccinazione», ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, in conferenza stampa al termine della riunione del governo.

«Toccato tutto il mondo del lavoro»

«La novità è che è una strategia universalistica, andiamo a toccare tutto il mondo del lavoro pubblico e privato e per il privato dipendente e autonomo, un insieme di 23 milioni di lavoratori», ha sottolineato il ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione Renato Brunetta.

Stando alla ministra per gli affari regionali Mariastella Gelmini «c'è stato un preventivo confronto» sulle misure del decreto legge «con la Conferenza Unificata: ringrazio i governatori, i sindaci e i presidenti delle Regioni, abbiamo accolto molte loro proposte. Condividiamo tutti l'impostazione del decreto, che riguarda il pubblico, il privato e le libere professioni. Vi è la consapevolezza che è strumento per tutelare gli spazi di libertà e garantire la salute e le attività economiche».

Sospesi i lavoratori senza certificato

In base al decreto, la sospensione dal lavoro per i lavoratori privati scatta subito, mentre per i dipendenti pubblici vale dopo cinque giorni. I lavoratori privati, se «comunicano di non essere in possesso della certificazione verde o qualora risultino privi al momento dell'accesso al luogo di lavoro, sono sospesi dalla prestazione lavorativa, al fine di tutelare la salute e la sicurezza dei lavoratori, e, in ogni caso, senza conseguenze disciplinari e con diritto alla conservazione del rapporto di lavoro. Per il periodo di sospensione non sono dovuti la retribuzione né altro compenso o emolumento».

Non bisognerà però più attendere 15 giorni dalla prima dose di vaccino anti-Covid per avere il green pass ma lo si otterrà subito dopo la prima somministrazione. I test antigenici saranno gratuiti solo per gli esenti previsti dalla circolare del ministero della salute. I test molecolari avranno validità per 72 ore.

SDA