Bellicismo nel Pacifico

La Russia trama per «intimidire il Giappone»

Di Philipp Dahm

29.3.2022

L'arcipelago delle isole Curili sono un territorio conteso tra la Russia e il Giappone.
Ministero della Difesa giapponese

Nonostante la guerra in Ucraina, la Russia vuole dimostrare che ha ancora riserve sufficienti per mantenere una presenza militare nel Pacifico: il Cremlino sta infatti attuando delle manovre alle Isole Curili, un territorio conteso con il Giappone dalla Seconda Guerra Mondiale.

Di Philipp Dahm

29.3.2022

La Russia è in guerra. Non solo con l'Ucraina, ma anche con il Giappone: dopo la Seconda Guerra Mondiale i due Stati non hanno mai ufficialmente fatto pace.

La ragione è la disputa in corso per l'arcipelago delle isole Curili: il Giappone rivendica le quattro isole meridionali Etorofu (in russo: Iturup), Kunashiri (Kunashir), Shikotan (Schikotan) e il gruppo Habomai, che da allora ha occupato, e designa le isole come territori settentrionali del Giappone.

La Russia non è d'accordo e ritiene l'arcipelago un legale successore dell'Unione Sovietica. Nessuna sorpresa: il territorio garantirebbe a Mosca l'accesso al Pacifico.

I giapponesi residenti delle isole sono stati espulsi da tempo, ma Tokyo non può rinunciare alle sue pretese: l'area è troppo vicina all'isola principale di Hokkaido che militarmente è una spina nel fianco per potenziali difensori.

«Intimidire il Giappone»

La settimana scorsa il Cremlino non solo ha interrotto i negoziati diplomatici per le isole, a causa delle sanzioni imposte a seguito della guerra in Ucraina, con grande rabbia del Giappone, ma ha anche aumentato massicciamente la sua presenza militare in loco – e ora sta mostrando ulteriore forza con una manovra.

Nell'esercitazione si dice che siano coinvolti solo 3'000 soldati, tuttavia è lo scopo dell'operazione che innervosisce Tokyo: la manovra è stata esplicitamente utilizzata per respingere gli sbarchi nemici con l'uso di jet, unità navali e razzi. L'intera faccenda è stata definita «un'intimidazione per il Giappone», riassume l'«EurAsian Times» indiano-canadese.

Ciò è dovuto al pacchetto che l'esercito russo ha messo insieme nell'area e di cui ha informato il governo di Tokyo: 3'500 soldati sono già di stanza nelle isole. Il moderno sistema antiaereo S-300V4 costruisce uno schermo nello spazio aereo.

Per evitare che le formazioni della flotta si avvicinino troppo, devono essere utilizzati il K-300P Bastion-P e il 3K60 Bal, che sparano i missili P-800 Oniks e Kh-35 Bal.

L'ombrello dei missili russi

Il primo è un missile antinave con una portata di 300 chilometri che vola a velocità supersoniche, tra Mach 1 e Mach 3. Il Kh-35 è anche un missile antinave, ma ha una portata di soli 130 chilometri circa, vola a Mach 0,8 e dovrebbe distruggere barche piccole e agili.

Come mostrano i grafici dell'esercito giapponese, Mosca può efficacemente impedire a Tokyo di entrare in questa regione con le armi.

Le gamme dei missili russi di stanza nelle Isole Curili. Tor-M2 e Muk-M-1 sono usati contro gli aerei.
Ministero della Difesa giapponese

Il Cremlino si è assicurato ulteriori vantaggi militari posizionando droni da ricognizione Orlan-10 e lanciarazzi multipli Smerch. L'artiglieria ha una portata massima di 70 chilometri. A completare la prontezza della difesa russa ci sono i missili Iskander, i jet basati su Etorufu, i sottomarini di classe Borei e le corvette di classe Steregushchi.

Le basi militari russe vicino alla principale isola giapponese.
Ministero della Difesa giapponese

Lo scorso dicembre, il Giappone ha annunciato un budget record per la difesa per l'ottava volta consecutiva: Tokyo sta spendendo 47,2 miliardi di dollari per la sicurezza.

Per fare un confronto, Washington spende $778 miliardi e la Cina spende $252 miliardi. La Russia è al quarto posto dopo l'India con 61,7 miliardi di dollari e il Giappone è il nono al mondo in termini di spesa in armi.