Ucraina

La testimone: «Ora qui nessuno è più al sicuro»

Di Gil Bieler

24.2.2022

La gente in Ucraina si è svegliata giovedì con una nuova realtà: ad ovest, al confine con la Polonia, la paura è improvvisamente aumentata. La testimonianza di una residente di Lviv.

Di Gil Bieler

24.2.2022

L'offensiva notturna delle truppe russe ha cambiato tutto - non solo per la gente nelle zone sotto assedio nell'estremo est del paese. Lo spiega l'esempio delle esperienze della 34enne Ivanna*. Vive a Lviv, nell'estremo ovest del paese, a soli 70 chilometri dal confine polacco.

«La regione è considerata la più sicura di tutta l'Ucraina», ha scritto mercoledì sera contattata da blue News. «Non ci sentiamo super-sicuri, ma più sicuri della gente del centro o dell'est del paese».

Poche ore dopo, un tono molto diverso: «Nessuno è più al sicuro», ha scritto Ivanna giovedì mattina. «Tutta l'Ucraina è sotto attacco, gli edifici militari vengono distrutti». L'attacco delle truppe russe, a terra e dall'aria, l'ha sconvolta.

«Ci rendiamo conto che non finirà presto»

Le scuole e gli asili sono stati chiusi a Lviv, dice, e si consiglia alla popolazione di rimanere a casa e guardare i notiziari. Il presidente Volodymyr Zelensky ha dichiarato lo stato di guerra per tutto il paese. «Non c'è esattamente il panico a Lviv, ma tutti sono molto più preoccupati di mercoledì», ha detto Ivanna. «Ci rendiamo conto che non finirà presto».

Anche prima della recente escalation di violenza, c'erano misure di sicurezza per la gente di Lviv. Ivanna ha preso precauzioni per le emergenze e ha preparato uno zaino. Dentro: documenti importanti come passaporto e patente, medicine, torcia, acqua, la lista dei contanti. In modo da non doverli cercare in caso di emergenza. Inoltre, ogni edificio ha un rifugio, riferisce: «Ho già scoperto dov'è e come arrivarci».

Mentre molti svizzeri si rendono conto solo ora della guerra, essa è stata reale per le persone in Ucraina per anni: le province di Lugansk e Donetsk nell'Ucraina orientale sono in uno stato di conflitto dal 2014, dove l'esercito ucraino sta combattendo i separatisti filorussi. Gli scontri hanno da tempo un impatto sulle altre parti del paese. «Molte persone dell'est sono state reinsediate, anche a Lviv. Lavoro con alcuni di loro», spiega Ivanna.

Inoltre, tutti ormai conoscono persone che hanno dovuto presentarsi per il servizio militare, sono state ferite o addirittura uccise. «A Lviv non siamo stati coinvolti militarmente negli ultimi otto anni, ma il conflitto ha influenzato le nostre vite anche in questo modo».