Guerra in Ucraina

Missili russi su Kiev durante la visita di Guterres

SDA

28.4.2022 - 22:00

Raid russi hanno colpito Kiev mentre il segretario generale dell'Onu Antonio Guterres parlava in conferenza stampa insieme al presidente ucraino Volodymyr Zelensky, commentando la sua missione in Ucraina e la visita ai luoghi di eccidi alla periferia della capitale.
Keystone

Raid russi hanno colpito Kiev mentre il segretario generale dell'Onu Antonio Guterres parlava in conferenza stampa insieme al presidente ucraino Volodymyr Zelensky, commentando la sua missione in Ucraina e la visita ai luoghi di eccidi alla periferia della capitale.

SDA

28.4.2022 - 22:00

Due forti esplosioni nel quartiere di Podil, una zona del centro, seguite da colonne di fumo, che suonano come uno schiaffo agli sforzi diplomatici per far tacere le armi, due giorni dopo il faccia a faccia del numero uno delle Nazioni Unite con Vladimir Putin al Cremlino.

Un attacco che ha preso di mira una zona residenziale, cadendo nei pressi dell'ambasciata britannica e del ministero degli Esteri e provocando «vittime», secondo i primi soccorritori. Almeno tre persone sono rimaste ferite, ha reso noto il sindaco della città, Vitali Klitschko, secondo quanto riporta la BBC.

Klitschko ha detto che le esplosioni hanno avuto luogo nel distretto centrale di Shevchenko. Un missile ha colpito i piani bassi di un palazzo residenziale ferendo tre persone, che sono state trasportate in ospedale. Secondo la portavoce del Servizi statali di emergenza, Svetlana Vodolaga, il secondo missile ha colpito una struttura vicino al palazzo residenziale.

«Con questo efferato atto di barbarie la Russia dimostra ancora una volta il suo atteggiamento nei confronti dell'Ucraina, dell'Europa e del mondo», ha reagito il ministro degli Esteri di Kiev, Dmytro Kuleba, ricordando che in città c'era anche il premier bulgaro Kiril Petkov.

Borodyanka, Bucha, Irpin

La triste toponomastica delle stragi di civili nell'aggressione russa aveva puntellato la visita di Guterres, prima dell'incontro con Zelensky e delle bombe di Mosca. Una missione compiuta con l'obiettivo almeno di un cessate il fuoco per consentire l'evacuazione da Mariupol.

«Quando vedo questi palazzi distrutti, immagino la mia famiglia in una di queste case oggi annerite. Vedo le mie nipotine nel panico e in fuga. La guerra è un'assurdità, questa distruzione è inaccettabile nel XXI secolo», ha detto il capo del Palazzo di Vetro nella via principale di Borodyanka, davanti ai palazzi residenziali distrutti dalle bombe e dall'artiglieria e ai piedi del monumento a Taras Shevchenko.

Il lungo corteo di auto con il simbolo UN e quelle della sicurezza ucraina è poi volato a Bucha, quasi ignorando strade dissestate e ponti rattoppati alla bene e meglio, mentre ai lati scorreva la devastazione di case, negozi e carcasse di tank. Sul luogo del ritrovamento di decine di cadaveri nel giardino della Chiesa ortodossa di Sant'Andrea, Guterres ha lanciato un appello alla Russia affinché cooperi con la Corte penale internazionale dell'Aja sui crimini di guerra, individuati in «oltre 8 mila casi» dalla procura generale ucraina ma bollati come una «messinscena» da Mosca.

Infine a Irpin il numero uno dell'Onu ha ricordato che come in ogni altra guerra nel mondo «sono sempre i civili a pagare il prezzo più alto».

Il Consiglio di Sicurezza ha fallito

Cauto nelle dichiarazioni, Guterres non ha tuttavia mai puntato l'indice direttamente contro Putin. Anche se in un'intervista alla CNN ha amaramente constatato che «la guerra non finirà con le riunioni, la guerra finirà solo quando la Federazione Russa deciderà di finirla». Per poi in serata, accanto a Zelensky, affermare che il Consiglio di Sicurezza ha fallito e «non è riuscito a prevenire e a porre fine» alla guerra.

Intanto ha mandato a Zaporizhzhia, l'ultima città a est relativamente sicura prima della regione di Donetsk e quindi di Mariupol, la rappresentante delle Nazioni Unite in Ucraina, Osnat Lubrani, «per preparare un tentativo di evacuazione da Mariupol. L'Onu è pienamente mobilitata per aiutare a salvare vite ucraine e per assistere i bisognosi», ha scritto lei stessa su Twitter.

Sulla piazza di Borodyanka, all'ombra dei palazzi distrutti, è tornato il mercato settimanale, come tutti i giovedì. Banchi di salumi sottovuoto, pesce surgelato, pane e frutta secca dove fanno la spesa anche i residenti dei villaggi più lontani.

«La vita sta lentamente tornando alla normalità», ha detto il generale Oleksandr Pavliuk, capo dell'amministrazione militare regionale di Kiev, che ha accompagnato Guterres ritenendo «importante che vedesse con i suoi occhi» gli effetti dell'invasione russa. «Ma adesso il problema più grave sono le mine. Nella regione ci sono ancora 22 mila esplosivi lasciati dai russi. È un lavoro enorme».

SDA