Guerra I missili russi colpiscono il mercato di Kostiantynivka, strage di civili in Ucraina

SDA

6.9.2023 - 20:36

Le fiamme si alzano sulla scena di un attacco russo in un mercato a Kostyantynivka, nella regione ucraina del Donetsk.
Le fiamme si alzano sulla scena di un attacco russo in un mercato a Kostyantynivka, nella regione ucraina del Donetsk.
KEYSTONE/EPA/ALEX BABENKO

Ancora missili russi sull'Ucraina, ancora morti. Questa volta Mosca ha centrato un mercato nella città di Kostiantynivka, nel Donetsk, causando almeno 17 vittime e 32 feriti tra i civili. Anche un bambino è rimasto ucciso.

6.9.2023 - 20:36

Da est a ovest la guerra portata dal Cremlino non si ferma e, anzi, rischia ogni volta di sfuggire di mano visto che l'Ucraina confina con diversi membri della Nato e che i bombardamenti avvengono spesso anche in zone di confine. Allarma, quindi, ma non desta stupore che dentro i confini della Romania siano stati trovati dei detriti che apparterrebbero a un drone di Mosca.

Se l'indagine avviata da Bucarest confermasse l'ipotesi denunciata dal ministero della Difesa, si tratterebbe di una «situazione del tutto inammissibile» e di una «grave violazione della sovranità e dell'integrità territoriale della Romania, uno Stato che fa parte della Nato», ha ammonito il presidente Klaus Iohannis, che fino ad oggi aveva negato il ritrovamento di frammenti di cui aveva parlato Kiev.

I resti sono stati recuperati martedì sera nella zona di Plauru, un villaggio sull'altra sponda del Danubio, di fronte al porto ucraino di Izmail, preso di mira dalle forze russe da metà luglio, ovvero da quando Mosca ha deciso di uscire dall'accordo sul grano. Bucarest ha informato gli alleati durante la riunione odierna del Consiglio Atlantico, con l'Alleanza che ha espresso «forte solidarietà» al Paese.

La visita di Blinken a Kiev

Gli attacchi russi però non si limitano a prendere di mira bersagli militari. Era già successo al teatro di Mariupol o, più recentemente, con i missili su un ristorante di Kramatorsk. Stavolta l'obiettivo è stato un mercato: un'azione di una «disumanità assoluta», l'ha definita il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. La condanna è arrivata unanime anche dall'Unione europea, dalla Casa Bianca, da Parigi e da Berlino, che ha parlato di «attacco all'umanità».

Il raid si è consumato tra l'altro proprio nelle ore in cui a Kiev è arrivato il segretario di Stato americano Antony Blinken, per la terza volta nel Paese. Un blitz a sorpresa nel quale il capo della diplomazia americana ha annunciato un altro miliardo di dollari in aiuti, che secondo il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov dimostrerebbero la volontà degli Usa di continuare la guerra «fino all'ultimo ucraino».

In arrivo da Washington nuove forniture d'armi a Kiev

Durante la visita il segretario di Stato americano ha elogiato i «buoni progressi» della controffensiva di Kiev. La lenta ma costante avanzata delle forze ucraine è merito anche delle armi che in questi mesi sono arrivate dagli alleati occidentali, specialmente a stelle e strisce.

Tank, F-16, bombe a grappolo e, probabilmente, anche le controverse munizioni perforanti all'uranio impoverito, già inviate dalla Gran Bretagna.

La notizia che anche gli Stati Uniti si apprestano a fornirle, anticipata qualche giorno fa dai media, è stata confermata oggi dal Pentagono. L'equipaggiamento potrebbe aiutare Kiev ad affrontare quello che Zelensky ha prospettato come «un inverno difficile» per il suo Paese.

Sul campo la controffensiva ucraina prosegue bene

Sul campo comunque le cose sembrano andare meglio per l'Ucraina. Dopo giorni in cui l'esercito di Kiev rivendicava la presa dello strategico villaggio di Robotyne, sul fronte meridionale nella regione di Zaporizhzhia, oggi è stata la Russia ad ammettere la sconfitta su questo territorio.

Ovviamente l'ha fatto a modo suo, giustificando la ritirata come una scelta «tattica». Trincerarsi qui non sembrava «un'opzione praticabile» e per questo avrebbero deciso di spostare le truppe sulle alture attorno.

Gli ultimi successi, per il nuovo ministro della Difesa ucraino Rustem Umerov, rappresentano solo l'inizio. Dopo essere stato proposto da Zelensky, Umerov è stato nominato oggi dal parlamento ucraino che lo ha sostenuto con una maggioranza di 338 deputati su 450. Umerov, 41 anni di origine tatara crimeana, ha promesso che Kiev si riprenderà «ogni centimetro dell'Ucraina». Compresa ovviamente la sua Crimea.

SDA