«Molta gente muore e alla fine non si saranno fatti passi avanti»

Andreas Fischer

13.5.2021

I recenti attacchi missilistici e aerei hanno ucciso finora più di 50 persone in Israele e nella Striscia di Gaza.
I recenti attacchi missilistici e aerei hanno ucciso finora più di 50 persone in Israele e nella Striscia di Gaza.
KEYSTONE

Razzi in una direzione, attacchi aerei nell'altra: l'escalation di violenza tra Israele e i palestinesi è dichiarata, dice Roland Dittli. L'esperto di Medio Oriente teme un ulteriore spargimento di sangue. Quale è il ruolo della Svizzera?

Andreas Fischer

13.5.2021

La violenza è ancora più feroce di quella della guerra di Gaza del 2014: dall'inizio della settimana, Israele e Hamas si stanno combattendo con tutte le loro forze. Più di 1'000 razzi sono stati lanciati dalla Striscia di Gaza verso Israele, e l'aviazione israeliana risponde con attacchi di rappresaglia. Il bilancio di mercoledì pomeriggio: più di 50 morti, centinaia di feriti. E nessuna fine del conflitto in vista.

In un'intervista a «blue News», l'esperto di Medio Oriente Roland Dittli della fondazione per la pace Swisspeace spiega quanto sia complicata la situazione, perché è più probabile che il conflitto si intensifichi e perché la Svizzera è uno dei pochi paesi a mantenere contatti con Hamas. 

Roland Dittli
Roland Dittli
zVg / Swisspeace

Roland Dittli ha studiato storia europea a Berna. Alla «Fondazione svizzera per la pace - Swisspeace», il ricercatore sui conflitti dirige il programma di analisi e di impatto per la costruzione della pace. Uno dei punti focali del suo lavoro sono i territori palestinesi occupati. Swisspeace è un istituto di ricerca e promozione della pace con sede a Basilea. È indipendente, associato all'Università di Basilea e promuove il trasferimento di conoscenze tra ricercatori e professionisti.

Perché il conflitto tra Israele e i palestinesi si sta intensificando in questo momento?

Ci sono sempre diversi fattori scatenanti. In generale, tuttavia, la situazione è stata così tesa per molto tempo che c'era da aspettarsi un'escalation. La polveriera aveva solo bisogno di una scintilla per esplodere. Tutte le persone coinvolte ne erano consapevoli. Quella scintilla è stata provocata a Gerusalemme.

Cosa è successo a Gerusalemme?

Alla fine del Ramadan la polizia israeliana ha cercato, in modo piuttosto insensibile e miope, di istituire nuove misure di controllo con barriere alla Porta di Damasco, l'ingresso principale alla parte araba della Città Vecchia di Gerusalemme, e di impedire grandi raduni. Molti giovani hanno protestato in modo non organizzato, ma molto veemente.

In parallelo, ci sono gli sgomberi forzati di appartamenti palestinesi nel quartiere di Sheikh Jarrah. Questa strisciante presa di potere del distretto da parte di gruppi ebrei nazionalisti di destra è stata una ferita aperta per molti anni.

Combinate questo con la situazione dettata dal Covid come terza ragione: tutti soffrono nella pandemia, ma i palestinesi un po' di più. C'è molta disperazione da parte palestinese a causa della crisi prolungata.

Perché non c'è stata una de-escalation sul lato politico?

Da parte israeliana non c'è una maggioranza stabile da due anni, e in generale non c'è stata alcuna volontà politica degli Stati Uniti, durante l'amministrazione Trump, di risolvere a lungo termine il conflitto con i palestinesi. In più i palestinesi sono anche privi di una leadership legittima da molto tempo. Così, politicamente e diplomaticamente, è difficile organizzare misure efficaci per la costruzione della pace. Così tutte le parti coinvolte sono intrappolate nello status quo.

L'escalation sta aiutando il leader di Fatah Mahmoud Abbas e il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu? Possono fare qualcosa per porre fine al conflitto?

Abbas non aveva necessariamente un interesse nell'escalation. Né Netanyahu avrebbe dovuto avere alcun interesse in proposito. Ma ora che l'escalation è un fatto, gli conviene di più se la calma non ritorna così rapidamente. Soprattutto perché c'è un numero crescente di morti da parte israeliana, deve presentarsi come un uomo forte e attivo. Tanto più che il conflitto sta distraendo l'attenzione dallo stallo seguito alle ultime elezioni e dalla sua incapacità di formare una maggioranza di governo. Da non dimenticare che c'è ancora una causa legale contro di lui.

D'altra parte, Abbas ha recentemente rinviato le elezioni: in che misura questo ha contribuito ad aggravare la situazione?

La cancellazione delle elezioni ha privato i palestinesi di una prospettiva. In realtà ci si aspettava che Abbas avrebbe promosso l'idea di un governo di unità dopo averle cancellate. Tuttavia, ha solo accennato a questo scenario senza essere specifico. È probabile che questo abbia rafforzato Hamas, che non è contrario all'escalation, nel suo modo di pensare. Ora può presentarsi come un partito attivo che difende i diritti dei palestinesi, con tutto quello che ha. E nella sua mente, questo include i razzi.

Come ha fatto Hamas a costruire il suo apparentemente enorme arsenale?

Armi di più alta tecnologia, come i missili anticarro, arrivano da reti di contrabbando dal Sinai alla Striscia di Gaza attraverso tunnel che continuano a esistere. I canali esatti di origine sono difficili da identificare, ma si conoscono gli interessi dell'Iran e di Hezbollah nel fornire Hamas come forza amica a Gaza. Aggiungete a questo il fatto che i palestinesi hanno anche una produzione locale di armi. Tuttavia, molti dei proiettili prodotti lì sono tecnologicamente di basso livello e molto imprecisi, il che naturalmente non riduce la loro pericolosità.

Quanto è violento questo conflitto, anche rispetto alle escalation precedenti?

La situazione politica in Israele suggerisce che la vite dell'escalation continuerà a essere avvitata per ripristinare il potenziale deterrente di Israele. Al momento, sembra che la situazione stia sviluppando un proprio slancio. Truppe e carri armati israeliani sono attualmente spostati al confine con Gaza. In realtà sappiamo come finirà: molte persone moriranno, la distruzione sarà massiccia, e alla fine non si avranno fatti passi avanti. Le guerre precedenti lo hanno già dimostrato. Sono piuttosto pessimista sul fatto che le cose si calmeranno a breve termine.

I palestinesi potrebbero rispondere con una terza intifada?

Penso che sia improbabile che ci sia una grande conflagrazione in Cisgiordania. I palestinesi non hanno al momento una leadership legittima che possa invocare in modo credibile una rivolta. Tuttavia, c'è un nuovo elemento negli ultimi giorni di escalation: la politicizzazione dei palestinesi israeliani. Alle manifestazioni e ai disordini a Gerusalemme hanno partecipato molti palestinesi di Israele. E le manifestazioni non erano solo a Gerusalemme, ma anche in altre città arabe in Israele.

Che ruolo ha avuto il corso chiaramente pro-israeliano perseguito dagli Stati Uniti sotto Donald Trump negli ultimi anni?

Da parte palestinese, questo corso ha, almeno per una volta, portato chiarezza. Hanno bruciato tutti i ponti e tagliato tutti i canali ufficiali di comunicazione con l'Amministrazione Trump. Con Joe Biden, si associa poi inizialmente la speranza di potersi sedere di nuovo al tavolo. Abbas aveva originariamente annunciato le elezioni a gennaio, il che doveva essere inteso anche come un segnale che si è pronti a tornare a un dialogo costruttivo. Tuttavia, non credo che Biden sia ora completamente impegnato nel conflitto. Anche questo gli fa guadagnare delle critiche: non tutti a Washington sono entusiasti della sua politica del «giù le mani».

Cosa si può, si dovrebbe, si deve fare per pacificare il conflitto ora?

Da un lato, i paesi che hanno forti relazioni amichevoli con Israele devono dissuadere il paese dalla sua politica di ripristino della deterrenza militare. Tuttavia, non sono ottimista sul fatto che questo possa avere successo. D'altra parte, Hamas si presenta come garante della calma, ma anche della forza. Con gli attacchi missilistici, ora ha fatto capire di essere armato per ulteriori escalation, ma sta anche inviando segnali che può muoversi nell'altra direzione, quella pacifica. Questi passi dovrebbero essere sostenuti. E questo è un problema perché moltissimi attori diplomatici si rifiutano di mantenere contatti con Hamas. La Svizzera ufficiale è una lodevole eccezione.

Che tipo di relazione ha la Svizzera con Hamas?

La Svizzera e la Norvegia sono gli unici paesi in Europa che non aderiscono alla politica del «no contact». Il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) ha canali di comunicazione aperti con esponenti di Hamas, il che non deve essere inteso come un qualsiasi tipo di sostegno politico. Per poter promuovere la pace e mediare, bisogna essere in grado di parlare con gli attori sul terreno.

Si può dunque sperare nella Svizzera che si trovi una soluzione al conflitto?

Non me lo aspetterei necessariamente per questo round di escalation immediato. La Svizzera è meno coinvolta in questo conflitto in fasi così calde e in escalation, ma ha una prospettiva più a lungo termine. Tutto ciò che riguarda la sicurezza e l'esercito, per esempio, quando si deve negoziare un cessate il fuoco, è più il dominio dell'Egitto, dell'ONU o degli Stati Uniti.