Caso Navalny: il 55% dei russi non crede all'avvelenamento

ATS

2.10.2020 - 18:08

Un terzo dei russi (33%) crede che l'oppositore russo Alexiei Navalny sia stato avvelenato ma più della metà (55%) non crede che le cose siano andate in questo modo
Source: KEYSTONE/AP/PAVEL GOLOVKIN

Un terzo dei russi (33%) crede che l'oppositore russo Alexiei Navalny sia stato avvelenato ma più della metà (55%) non crede che le cose siano andate in questo modo: è quanto emerge da un sondaggio del centro demoscopico Levada.

Stando alla ricerca, il 77% di coloro che hanno risposto al sondaggio ha sentito del malore di Navalny e il 18% segue con attenzione gli sviluppi della vicenda.

Tra coloro che ritengono che Navalny sia stato avvelenato, il 30% pensa che dietro ci siano le autorità russe, l'8% sospetta che il responsabile sia qualcuno colpito dalle inchieste anticorruzione del dissidente e un altro 8% crede che sotto ci siano i servizi segreti occidentali.

Per quanto riguarda l'attività di Navalny, il 20% dei rispondenti la appoggia e il 50% la disapprova, mentre il 18% dice di non aver mai sentito parlare dell'oppositore.

Tornare alla home page

ATS