Proteste «simili alla guerra civile»

Ora i mullah uccidono in Iran anche i bimbi come Kian

Di Philipp Dahm

21.11.2022

Le scatole contenenti le oltre 25.000 firme in solidarietà al popolo iraniano raccolte dagli attivisti di FREE IRAN Switzerland per il Consiglio federale il 15 novembre 2022, davanti alla Cancelleria federale a Berna.
Le scatole contenenti le oltre 25.000 firme in solidarietà al popolo iraniano raccolte dagli attivisti di FREE IRAN Switzerland per il Consiglio federale il 15 novembre 2022, davanti alla Cancelleria federale a Berna.
KEYSTONE

Un bambino di 10 anni è stato ucciso a colpi d'arma da fuoco, una ragazza di 17 è stata gettata dal tetto e uno di 20 è stato colpito alla testa: il regime iraniano uccide in modo mirato i bambini e i giovani.

Di Philipp Dahm

21.11.2022

Il suo nome è sulla bocca di tutti in Iran in questi giorni: Kian Pirfalak. Il 16 novembre, il bambino di 10 anni stava camminando per strada a Izeh quando un proiettile lo ha colpito al petto e lo ha ucciso. Le immagini su internet mostrano il corpo senza vita del bambino sull'asfalto.

In un commovente video, si può vedere il ragazzo dichiarare «in nome del Dio degli arcobaleni» che vuole essere un inventore. Kian guida una barca fatta da sé in una ciotola piena d'acqua.

Il bambino è stato seppellito venerdì mattina nella sua città natale. La rabbia delle persone in lutto a Izeh è palpabile: migliaia di persone si sono radunate e desiderano ardentemente la morte del loro capo di Stato: «Morte a Khamenei», grida la gente.

Un'immagine simile è arrivata venerdì mattina a Tabriz: «Morte al dittatore» e «Morte al regime che uccide i bambini» gridano gli iraniani mentre danno ad Aylar Haghi l'ultima scorta.

Come Kian, è morta il 16 novembre. Presumibilmente, i paramilitari hanno spinto la studentessa di medicina di 17 anni giù da un tetto nella sua città natale.

Come il regime uccida in modo mirato, lo mostra il caso di Hamidreza Rouhi. Il 20enne è stato colpito alla testa a Teheran il 17 novembre.

Il suo ultimo post su Instagram: «Se bloccano Internet per sempre, questo dovrebbe essere il mio ultimo post: Viva la donna. Viva la vita. Viva la libertà».

L'uso di Iinternet rimane limitato nel paese mentre le proteste antigovernative continuano due mesi dopo la morte di Mahsa Amini del 16 settembre. Ci sono state manifestazioni in decine di città il 17 novembre, con diversi morti: solo a Izeh, insieme a Kian, sono morti un 14enne e altre otto persone.

Scene «simili a una guerra civile»

I mullah stanno cercando di mascherare il massacro di Izeh come un «atto di terrorismo» da parte di ignoti, ma le famiglie delle vittime e i testimoni lo negano nettamente: additano come responsabili le milizie Basij e le Guardie rivoluzionarie.

A Teheran, dove ora gli agenti di polizia sparano ai manifestanti con proiettili veri, la resistenza è descritta come impavida, riferisce la Deutsche Presse-Agentur (dpa). E anche nelle province, secondo le descrizioni dei residenti, si stanno svolgendo scene di «guerra civile».

Nella metropoli centrale di Isfahan, gli ignoti avrebbero addirittura ucciso tre membri delle milizie Basij, secondo quanto riferito dai media statali. Non è chiaro quante vittime abbiano già causato i disordini a livello nazionale. L'organizzazione statunitense Human Rights Activists News Agency (HRANA) scrive di almeno 360 morti, di cui 56 minori e 46 forze di sicurezza.

15 anni di reclusione per un cartello con Mahsa Amini

L'ONG Iran Human Rights in Norvegia ipotizza almeno 342 morti, di cui 43 sarebbero bambini. Sembra che almeno 16.000 uomini e donne siano stati arrestati nel corso dei disordini. Almeno cinque persone sono state condannate a morte. Una ragazza di 26 anni che il 19 settembre a Teheran ha mostrato un cartello con il nome di Mahsa Amini è stata condannata a 15 anni di carcere.

Nel frattempo, tra i mullah crescono i timori che le forze di sicurezza o le loro famiglie possano prendere parte alle proteste. «Iran International» riporta una corrispondente lettera di un comandante di alto rango. Secondo la lettera di Hossein Safaralizadeh, ci sono membri della struttura di potere che simpatizzano con i manifestanti. Gli incidenti corrispondenti devono essere segnalati immediatamente, chiede il comandante.

Oltre alle forze di sicurezza, anche le istituzioni religiose sono sotto tiro. Khomeyn, la città natale dell'Ayatollah Khomeini, che a sua volta scatenò la Rivoluzione islamica nel 1979, è stata data alle fiamme. A Qom, le bottiglie molotov vengono persino lanciate nella facoltà di teologia della città.