Proteste in Iran

La rabbia per il regime si sta trasformando in uno tsunami

Di Philipp Dahm

26.9.2022

La gente in uno scontro con la polizia durante una protesta dopo la morte di Mahsa Amini, a Teheran, il 21 settembre 2022.
La gente in uno scontro con la polizia durante una protesta dopo la morte di Mahsa Amini, a Teheran, il 21 settembre 2022.
KEYSTONE/EPA/STR

Per la decima notte consecutiva, i gravi disordini scuotono l'Iran. Da allora sono morte almeno 41 persone. E una conclusione sembra essere lontana.

Di Philipp Dahm

26.9.2022

Il regime di Teheran sta facendo di tutto per reprimere le voci dell'opposizione. I critici sono trattati con brutale severità, ma la soppressione delle voci che chiedono la destituzione non ha successo. E anche se gli oppositori del governo non possono raggiungere il grande pubblico attraverso i mezzi di comunicazione di massa, l'informazione viene trasmessa di nascosto nei bazar del Paese.

Come con le cassette. Stiamo parlando del 1979, quando il governo cercava disperatamente di vietare a un certo Ayatollah Khomeini di parlare. Tuttavia, ciò non ha impedito la rivoluzione islamica. Oggi la situazione è esattamente la stessa, ma completamente diversa: ora sono i mullah a lottare per mantenere il loro potere. Censurano i social media e internet per prevenire una controrivoluzione laica e femminile.

L'attuale regime di Teheran ha dispiegato tutto il proprio repertorio. Ma il movimento popolare, che si cimenta nell'insurrezione, brucia le bandiere iraniane e il Corano, si sta diffondendo. E il governo sta cercando di organizzare delle contro-manifestazioni tramite dei messaggi di massa e annunci pubblici.

Almeno 41 morti

Domenica 25 settembre i fedeli del regime si sono radunati in protesta anche contro i paesi stranieri che si dice incitino all'opposizione. La colpa deve essere di qualcun altro. Il presidente iraniano Ebrahim Raisi ha promesso di intraprendere un'azione «decisa» contro coloro che sono scesi in piazza per l'assassinio della buoncostume del 16 settembre di Mahsa Amini.

L'indignazione e la resistenza hanno nel frattempo attanagliato non solo 139 città in tutte le 31 province iraniane. Finora le proteste hanno causato almeno 41 vittime: si dice che le forze di sicurezza stiano usando proiettili veri. Il gruppo Iran Human Rights in Norvegia conta addirittura almeno 54 morti.

La rabbia si diffonde anche all'estero: domenica sono state lanciate delle pietre durante le proteste davanti all'ambasciata iraniana a Londra. La polizia afferma che un «gruppo considerevole» in una grande folla voleva creare problemi. Sono stati richiesti rinforzi e cinque manifestanti sono stati arrestati. Alcuni agenti sono rimasti feriti, ma non in modo grave. Ci sono state proteste anche a Parigi, Colonia, Oslo, Stoccolma e Zurigo.

L'Iran nomina un ambasciatore

Il Ministero degli esteri iraniano ha convocato il 24 settembre, secondo proprie indicazioni, l'ambasciatore britannico Simon Shercliff, per lamentarsi della copertura dei media in lingua persiana a Londra. I loro rapporti hanno interferito negli affari interni dell'Iran, violato la sua sovranità e creato un'atmosfera ostile che ha provocato disordini e violenze, ha affermato il Ministero.

Anche l'ambasciatore norvegese è stato convocato e il governo iraniano avrebbe protestato aspramente contro le critiche del presidente del Parlamento norvegese, Masud Gharahkhani. Gharahkhani è nato a Teheran e ha incitato alle proteste contro le azioni delle forze di sicurezza iraniane.

Anche Washington è stata pesantemente criticata da Teheran dopo che gli Stati Uniti hanno allentato le restrizioni per internet. Poiché la Casa Bianca sta mantenendo allo stesso tempo la «massima pressione» sull'Iran, è la prova che Washington sta «cercando di raggiungere i propri obiettivi» nel Paese, ha affermato Nasser Kanaani, portavoce del Ministero degli Esteri iraniano.

Il «mercenario straniero» è il colpevole

Sono ancora una volta i «mercenari stranieri» a dover essere i responsabili di tutto. Dovrebbe essere la spiegazione dei peggiori disordini in Iran in tre anni. Tuttavia, non spiegherebbe le fratture multiple del cranio mostrate nell'immagine della TAC cerebrale di Mahsa Amini, secondo «Iran International».

Non sono gli aizzatori stranieri i responsabili del fatto che quest'anno Teheran abbia già giustiziato 414 cittadini, due dei quali minorenni. E non sono nemmeno gli stranieri, che si possono vedere protestare sui vari video che nonostante la censura hanno trovato la loro strada sul web.

La rabbia per il regime si sta trasformando in uno tsunami. Non è ancora chiaro se avrà la forza di spazzare via la dittatura dei mullah, in vigore dal 1979.

Redatto con materiale d'agenzia.