L'analisi

Perché la Corea del Nord lancia così tanti missili?

ATS

29.1.2022

Una foto pubblicata dalla Central News Agency (KCNA) ufficiale della Corea del Nord mostra un missile lanciato da una ferrovia durante un'esercitazione di lancio di un reggimento di missili ferroviari tenutasi nella provincia di Pyonang settentrionale, Korea du Nord, il 14 gennaio 2022. (archivi)
Una foto pubblicata dalla Central News Agency (KCNA) ufficiale della Corea del Nord mostra un missile lanciato dai binari durante un'esercitazione di lancio di un reggimento di missili ferroviari tenutasi nella provincia di Pyonang settentrionale.
archivio KEYSTONE

La Corea del Nord ha iniziato il 2022 con un numero senza precedenti di test missilistici. Questo dispiegamento di forze, tuttavia, secondo gli esperti sarebbe più una questione di politica interna che una strategia diplomatica.

ATS

29.1.2022

Dopo un decennio al potere, il leader Kim Jong-un ha pochi motivi per festeggiare. Le sanzioni internazionali hanno messo in ginocchio la sua economia, la chiusura dei confini per proteggersi dal Covid-19 ha portato a carenze alimentari e i colloqui del regime con gli Stati Uniti si sono bloccati.

Questi elementi potrebbero spiegare perché la Corea del Nord ha effettuato sei test sulle armi nelle ultime tre settimane, ossia una spettacolare dimostrazione dell'abilità militare della nazione, dotata di armi nucleari, in vista di importanti anniversari nazionali.

«I missili e lo sviluppo di armi da guerra sono probabilmente gli unici successi che Kim Jong-un può vantare», ha affermato Ahn Chan-il, un disertore diventato ricercatore. «Al momento non ha molto da offrire al popolo nordcoreano».

«Dimensione» appropriata

Ciò è particolarmente importante, in quanto il Paese si prepara a celebrare l'80mo compleanno del padre di Kim, il defunto leader Kim Jong-il, a febbraio, e poi il 110mo compleanno di Kim Il-sung, il leader fondatore del Paese, ad aprile.

Nel sistema dinastico della Corea del Nord, celebrare i compleanni degli antenati con la «grandeur» appropriata è politicamente cruciale, afferma Cheong Seong-chang del Center for North Korea Studies del Sejong Institute.

Queste importantissime date sono un'opportunità per il regime di organizzare una parata militare destinata a sfoggiare le nuove armi che il Paese sta testando, permettendogli sia di dimostrare la propria capacità militare che di aggiungersi ai festeggiamenti generali, ha continuato.

Pyongyang non testa missili balistici intercontinentali o armi nucleari dal 2017, quando il Paese iniziò una serie di incontri diplomatici ad alto livello, anche con l'allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

«Evita di sembrare debole»

Ma la settimana scorsa il regime ha detto che stava considerando di riprendere queste attività temporaneamente sospese in risposta alle nuove sanzioni statunitensi imposte dopo i primi test all'inizio di quest'anno.

L'ultima volta che la Corea del Nord ha testato così tante armi in un mese è stato nel 2019, dopo l'interruzione dei colloqui di alto profilo tra Pyongyang e Washington.

Tra notizie di aumento dei prezzi dei generi alimentari e peggioramento della fame in Corea del Nord, Pyongyang all'inizio di questo mese ha riavviato il commercio transfrontaliero con la vicina Cina.

La recente decisione di Pyongyang di accettare gli aiuti cinesi, la prima dall'inizio della pandemia, potrebbe aver spinto le ultime dimostrazioni di forza militare «per evitare di apparire deboli», afferma Leif-Eric Easley, professore all'università Ewha di Seul.

«Dato che i nordcoreani hanno missili da testare per migliorare le loro capacità militari e inviare segnali prima delle elezioni presidenziali sudcoreane del 9 marzo, probabilmente dovrebbero farlo prima della cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici di Pechino il 4 febbraio», aggiunge Easley, spiegando che così non offenderebbe l'unico grande alleato.

Pechino vede la Corea del Nord come un utile «cuscinetto»

È anche improbabile che la recente serie di lanci fosse direttamente mirata a indurre l'amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden a impegnarsi in colloqui, aggiunge. Pyongyang non sembra «interessata alle trattative».

Il costo diplomatico dei recenti test è minimo, grazie al forte sostegno di Pechino, che vede la Corea del Nord come un utile «cuscinetto» in una regione con alleati statunitensi come Tokyo e Seul, afferma Yang Moo-jin, professore all'Università del Nord Studi coreani.

La Cina bloccherà qualsiasi tentativo di imporre nuove sanzioni per i test missilistici a corto raggio, ma se la Corea del Nord seguirà la sua minaccia di riprendere i test nucleari o a lungo raggio, dice, sarà «quasi impossibile» per Pechino aiutarla.