Russia Putin a Pyongyang, scontro con Stoltenberg sul nucleare

SDA

18.6.2024 - 09:00

Il presidente Vladimir Putin è atteso da domani per una visita di due giorni a Pyongyang.
Il presidente Vladimir Putin è atteso da domani per una visita di due giorni a Pyongyang.
KEYSTONE

Lunedì, il giorno dopo la chiusura della conferenza di pace del Bürgenstock, che per il Cremlino ha avuto «un'efficacia prossima allo zero», la Russia ribadisce le sue condizioni all'Ucraina per il cessate il fuoco e rilancia i suoi rapporti con la Corea del Nord, accusata dai Paesi occidentali di sostenere lo sforzo bellico di Mosca.

18.6.2024 - 09:00

Il presidente Vladimir Putin è atteso oggi, martedì,  per una visita di due giorni a Pyongyang, dove avrà un lungo faccia a faccia con il leader nordcoreano Kim Jong-un e potrebbe firmare un trattato per la «partnership strategica» bilaterale.

Il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, è però tornato a puntare il dito anche contro Pechino, affermando che «l'Occidente deve far pagare alla Cina l'aiuto alla Russia».

Quanto alla pace, essa può essere raggiunto solo attraverso «la consegna di nuove armi» a Kiev, ha detto il rappresentante dell'Alleanza atlantica, a Washington per incontrare il presidente statunitense Joe Biden.

Ma a provocare qualche allarme a Mosca è stata soprattutto un'intervista al Telegraph in cui Stoltenberg ha riferito di discussioni in seno alla Nato sull'opportunità di mettere in stand-by una parte delle testate nucleari del Patto atlantico.

«Un'altra escalation della tensione», ha risposto il portavoce del Cremlino, che non ha rinunciato a sferrare anche un colpo basso al segretario generale: «Quello che Stoltenberg ha detto, chiaramente non concorda con la stessa dichiarazione di ieri (alla Conferenza del Bürgenstock), che non tutti hanno firmato e che, se non erro, parla anche di inammissibilità di tale retorica», ha affermato Dmitry Peskov.

Mosca sorride dell'esito della Conferenza di pace in Svizzera

Mosca non nasconde la sua soddisfazione per gli esiti della conferenza in Svizzera, che ha visto 13 dei 93 Stati presenti negare il sostegno alla dichiarazione finale in cui veniva tra l'altro ribadita l'esigenza di garantire «l'integrità territoriale» dell'Ucraina nell'ambito di ogni iniziativa di pace.

Tra gli astenuti, Paesi del calibro di India, Brasile, Indonesia e Sudafrica. Mentre la Cina non ha partecipato. Pechino ha affermato lunedì che invece le sue richieste per il riconoscimento della «parità di partecipazione di tutte le parti» in conflitto e per una «discussione equa di tutti i piani di pace disponibili», è «sostenuta da oltre cento Paesi».

La conferenza ha confermato che è «impossibile risolvere il problema ucraino senza la Russia», ha commentato il consigliere di Putin per la politica estera, Yuri Ushakov. «In altre parole, non è chiaro cosa abbiano discusso là senza la Russia», ha aggiunto.

La «proposta di pace» del Cremlino resta

Per Mosca rimane valida la cosiddetta «proposta di pace» illustrata dallo stesso Putin la settimana scorsa, e già dichiarata irricevibile dai Paesi occidentali. Vale a dire il ritiro delle truppe ucraine dalle quattro regioni (Donetsk, Lugansk, Zaporizhzhia e Kherson) parzialmente controllate dai russi e l'impegno ufficiale di Kiev a non aderire alla Nato.

E se Kiev oggi non è d'accordo, le condizioni che dovrà accettare in futuro saranno ancora «più difficili e dure», ha avvertito Serghei Naryshkin, capo dell'intelligence per l'estero, accennando implicitamente, come aveva fatto Putin, alla piega sfavorevole che i combattimenti sul terreno sembrano avere preso per gli ucraini.

Putin continua intanto l'opera di riorganizzazione all'interno del ministero della Difesa, dopo la nomina dell'economista Andrei Belousov alla guida del dicastero, coincisa con una serie di arresti eccellenti di dirigenti per accuse di corruzione.

Ma questa volta i media dell'opposizione denunciano un caso di nepotismo, perché tra i quattro nuovi vice ministri nominati in sostituzione di altrettanti uscenti figura Anna Tsivileva, che secondo la testata online Meduza sarebbe la figlia di un cugino del presidente.

Tsivileva è oggetto di sanzioni da parte dell'Unione europea, che l'ha definita «una stretta parente» di Putin, e della Gran Bretagna, che l'ha indicata come sua «prima cugina».

SDA