Russia Putin dice a sorpresa che si ricandiderà, è stato preso alla sprovvista? 

SDA

8.12.2023 - 20:46

La simbologia non poteva essere più potente e significativa. Rispondendo alla domanda di un pluridecorato combattente filorusso del Donbass, padre di un caduto, nella giornata degli Eroi della Madrepatria, Vladimir Putin ha annunciato che il prossimo 17 marzo correrà per un quinto mandato da presidente della Russia, deciso a rimanere almeno fino al 2030 al comando del Paese in quella che vede come una sfida esistenziale con l'Occidente, sicuramente la più grave dalla crisi dei missili a Cuba nel 1962.

Il presidente russo Vladimir Putin partecipa alla cerimonia di consegna delle medaglie con la Stella d'Oro agli Eroi della Russia alla vigilia della Giornata degli Eroi della Patria presso la Sala San Giorgio del Grande Palazzo del Cremlino, a Mosca, Russia, venerdì 8 dicembre 2023. 
Il presidente russo Vladimir Putin partecipa alla cerimonia di consegna delle medaglie con la Stella d'Oro agli Eroi della Russia alla vigilia della Giornata degli Eroi della Patria presso la Sala San Giorgio del Grande Palazzo del Cremlino, a Mosca, Russia, venerdì 8 dicembre 2023. 
KEYSTONE/Sergei Guneyev, Sputnik, Kremlin Pool Photo via AP

SDA

8.12.2023 - 20:46

Hai fretta? blue News riassume per te

  • Vladimir Putin ha annunciato che il prossimo 17 marzo correrà per un quinto mandato da presidente della Russia.
  • È avvenuto nella sontuosa cornice della sala Georgievsky del Cremlino, dove Putin aveva appena consegnato alcune onorificenze.
  • Sebbene la data ufficiale delle presidenziali sia il 17 marzo, la responsabile della Commissione elettorale centrale Ella Pamfilova ha detto che le votazioni cominceranno in realtà fin da venerdì 15 e dureranno tre giorni.

Il tutto è avvenuto, all'improvviso, nella sontuosa cornice della sala Georgievsky del Cremlino, dove Putin aveva appena consegnato alcune onorificenze.

Artyom Zhoga, già a capo di una milizia della Repubblica di Donetsk, che nel 2022 ha perso un figlio nella guerra e quest'anno è diventato capo del Parlamento della regione annessa alla Russia in seguito alle elezioni dello scorso settembre, si è rivolto al presidente sotto gli occhi delle telecamere.

«Grazie alle sue azioni abbiamo ottenuto la libertà e il diritto di scegliere, ma c'è ancora molto lavoro da fare, dobbiamo procedere con l'integrazione, e vorremmo farlo sotto la sua guida», ha affermato Zhoga.

Per poi concludere: «Abbiamo bisogno di lei, la Russia ha bisogno di lei». Al che Putin ha ringraziato e ha risposto: «Ho avuto diversi pensieri su questo argomento, ma oggi capisco che non c'è altra scelta. Ecco perché mi candiderò a presidente della Russia».

Rielezione certa

Una candidatura che equivale alla certezza della rielezione, non solo per la repressione del dissenso, accentuatasi dall'inizio dell'intervento militare in Ucraina, ma pure per il vasto sostegno di cui, anche secondo sondaggi indipendenti, il comandante in capo continua a godere oltre 21 mesi dopo l'inizio del conflitto.

La narrazione che vuole la Russia impegnata in una guerra per la sopravvivenza contro un Occidente intento a smembrarla funziona. 

È vero che da una recente ricerca effettuata dal Centro statistico Levada emerge che oltre il 50% dei russi vorrebbe una soluzione negoziata al conflitto, ma senza concessioni umilianti.

Navalny non si arrende

Molti osservatori si aspettano inoltre che a sfidare Putin saranno ammessi, pro forma, soltanto candidati di movimenti politici considerati di sistema, come il Partito liberaldemocratico e quello comunista.

Ma il team di Alexei Navalny, il più noto oppositore, in carcere da quasi tre anni, non si è dato per vinto e ha indetto una campagna denominata 'Una Russia senza Putin' in cui si invita ogni cittadino a votare per i candidati avversari del presidente e a convincere almeno altre dieci persone a fare altrettanto.

Sebbene la data ufficiale delle presidenziali sia il 17 marzo, la responsabile della Commissione elettorale centrale Ella Pamfilova ha detto che le votazioni cominceranno in realtà fin da venerdì 15 e dureranno tre giorni.

Un'usanza introdotta con la pandemia da Covid e diventata ormai comune, ma che secondo gli oppositori del Cremlino rende più difficili i controlli su eventuali brogli.

Putin è stato preso alla sprovvista?

Se tutto sembra ormai deciso, qualche dubbio resta sulle modalità dell'annuncio odierno. Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha assicurato che il tutto si è svolto in modo spontaneo e non programmato.

Ma anche il sito dell'opposizione Meduza afferma di aver saputo da proprie fonti che Putin avrebbe dovuto comunicare la notizia in occasione della conferenza di fine anno e della linea diretta con i cittadini in programma il 14 dicembre.

Secondo il sito, dunque, il presidente sarebbe stato colto alla sprovvista e avrebbe risposto senza pensarci troppo, cosa che sarebbe confermata dalla voce sommessa che gli è uscita.

La cosa che conta, comunque, è che Putin diventerà con solo un anno di svantaggio rispetto a Stalin il secondo leader più longevo della Russia moderna: 30 anni, contro i 31 del predecessore sovietico, e ben di più dei 18 anni di Leonid Brezhnev.

SDA