S'infiamma il Kazakhstan, scatta lo stato d'emergenza

SDA

5.1.2022 - 21:26

Né la minaccia di una reazione «dura», né le promesse di ribassare i prezzi dei beni di prima necessità hanno convinto i dimostranti scesi in piazza da giorni in Kazakhstan a mettere fine alle loro proteste senza precedenti.

epa09667763 Riot police officers patrol in a street during rally over a hike in energy prices in Almaty, Kazakhstan, 05 January 2022. Protesters stormed the mayor's office in Almaty, as Kazakh President Kassym-Jomart Tokayev declared a state of emergency in the capital until 19 January 2022. EPA/STR
Agenti della polizia antisommossa pattugliano una strada durante una manifestazione per un aumento dei prezzi dell'energia ad Almaty, Kazakistan, 05 gennaio 2022. I manifestanti hanno preso d'assalto l'ufficio del sindaco di Almaty, mentre il presidente kazako Kassym-Jomart Tokayev ha dichiarato lo stato di emergenza nella capitale fino al 19 gennaio 2022. 
KEYSTONE/EPA/STR

SDA

5.1.2022 - 21:26

Il bastone e la carota esibiti dal presidente Kassym-Jomart Tokayev non hanno impedito che le manifestazioni si estendessero anzi a diverse città e che migliaia di persone prendessero d'assalto il municipio e la residenza presidenziale ad Almaty, cuore economico del paese, e arrivassero in serata ad attaccare l'aeroporto della città.

La crisi mette improvvisamente in discussione l'immagine di stabilità di questa ex Repubblica sovietica ricca di idrocarburi e retta da un regime autoritario che nei tre decenni seguiti alla fine dell'URSS ha attirato enormi investimenti nel settore energetico dalle principali compagnie petrolifere mondiali.

Statua abbattuta

Le proteste, innescate dal raddoppio del prezzo del Gpl (gas di petrolio liquefatto) in seguito alla cancellazione dei limiti imposti dal governo, sono dirette ormai contro l'intero establishment di un sistema fondato e guidato per tre decenni dall'ex presidente Nursultan Nazarbayev, dimessosi nel 2019 per passare la mano a Tokayev.

Una sua statua, riferisce l'agenzia russa Tass, è stata abbattuta nella città di Taldykorgan, nel sud-est del paese.

Stato d'emergenza proclamato per tutto il Paese

Tokayev si è visto costretto a proclamare lo stato d'emergenza su tutto il territorio nazionale, dopo che la misura era stata decisa ieri ad Almaty e nel Mangistau, principale provincia petrolifera affacciata sul Mar Caspio, nell'ovest del paese. Proprio da qui erano partite domenica le prime proteste, che si sono poi estese a macchia d'olio.

In primo momento il presidente ha cercato di calmare la piazza sciogliendo il governo guidato dal premier Askar Mamin e dando ordine di ripristinare i limiti non soltanto al prezzo del Gpl, ma anche sulla benzina, il diesel e altri generi «socialmente importanti». Ma né questo né i lacrimogeni e le bombe assordanti impiegate dai reparti della polizia anti-sommossa sono riusciti a fermare le migliaia di manifestanti.

Tokayev chiede l'intervento militare di Mosca

Tanto che a tarda sera, in un drammatico discorso televisivo alla nazione, Tokayev è arrivato a chiedere l'intervento militare di Mosca e degli altri paesi membri del Csto, l'Organizzazione del trattato per la sicurezza collettiva di cui fanno parte diverse Repubbliche ex sovietiche.

Il paese, ha affermato il presidente, è sotto attacco da parte di gruppi terroristici addestrati all'estero. Alcuni «terroristi», ha aggiunto, sono penetrati anche nell'aeroporto di Almaty impossessandosi di cinque aerei, di cui uno straniero.

Tokayev ha assunto anche i poteri di capo del Consiglio di sicurezza nazionale, carica che dopo le dimissioni di tre anni fa era stata mantenuta dall'ottantunenne Nazarbayev. Affermando che tra i manifestanti vi sono «banditi» che hanno attaccato le forze di sicurezza uccidendo alcuni agenti, il presidente ha avvertito che è pronto ad «agire nella maniera più ferma possibile».

In this handout photo taken from video released by Kazakhstan's Presidential Press Service, Kazakhstan's President Kassym-Jomart Tokayev speaks during his televised statement to the nation in Nur-Sultan, Kazakhstan, Wednesday, Jan. 5, 2022. Tokayev said that
Il presidente Kassym-Jomart Tokayev durante il suo discorso televisivo nella sera del 5 gennaio. 
KEYSTONE/Kazakhstan's Presidential Press Service via AP

Difficile verificare le cifre, internet oscurato

La polizia ha detto che ci sono anche oltre 500 feriti civili, presentati come vittime di aggressioni di «estremisti e radicali», e ha denunciato assalti a negozi e uffici. In realtà è impossibile appurare in modo indipendente quale sia il bilancio delle violenze, anche per un blocco quasi generale di Internet e della rete dei telefoni cellulari. Il ministero dell'interno parlava di 95 agenti feriti e 200 arresti fino alla sera di ieri.

La Russia, partner cruciale del Kazakhstan, è stata la prima a reagire, con una nota del ministero degli esteri in cui si auspica «una soluzione pacifica a tutti i problemi attraverso il dialogo», mentre il Cremlino mette in guardia altri paesi dall'interferire nelle vicende interne kazake.

Un riferimento apparentemente diretto agli Stati Uniti, che hanno reagito duramente parlando di «accuse assolutamente false» e chiedendo «moderazione» alle autorità kazake. Mentre l'Unione europea si è mostrata neutrale invitando tutte «le parti ad agire con responsabilità».

SDA