Discriminazioni

Segre, sono pronta a guidare Commissione

ATS

22.11.2019 - 09:27

Liliana Segre si è espressa oggi in un'intervista al Corriere della Sera
Source: KEYSTONE/EPA ANSA/MATTEO BAZZI

«La tentazione di abbandonare il campo ogni tanto si affaccia. Se a quasi 90 anni finisci bersagliata da insulti, sotto scorta, senza più la vita semplice e riservata di prima, credo sia normale chiedersi 'ma chi me l'ha fatto fare?'.

Parla così Liliana Segre in un'intervista rilasciata oggi al Corriere della Sera.

La senatrice a vita italiana si dice stanca per la «troppa esposizione, troppo odio, troppe polemiche, troppa popolarità», ma comunque pronta a guidare la commissione anti-odio. «Se me la propongono, sono dell'idea di dire sì. Sono stata in dubbio e certo il calendario degli anni non va indietro. Ma io credo in questa Commissione, dunque spero di reggere».

A chi definisce un «bavaglio» la Commissione, Segre risponde che «sembra una barzelletta: 'Qual è il colmo per un'ebrea sefardita? Diventare il capo dell'Inquisizione spagnola'. Ma figuriamoci!«. E poi spiega: «La Commissione che ho proposto non può giudicare né censurare nessuno e non può cambiare le leggi. Si tratta di studiare un fenomeno, di avanzare proposte su un problema per cui tutti, anche gli esponenti dell'opposizione quando parlano a telecamere spente, si dichiarano allarmati».

A una domanda sull'incontro col leader leghista Matteo Salvini, si limita a rispondere: «ci siamo impegnati entrambi alla riservatezza per evitare strumentalizzazioni politiche». Infine, quanto alle polemiche su Sesto San Giovanni e Biella, osserva: «avere creato imbarazzo a quelle giunte mi dispiace. Il caso di Biella è stato però l'occasione di ricevere un fiore raro come il gesto di Greggio, che è molto più di una cittadinanza».

Tornare alla home page

ATS