Il premier svedese: «Bisogna prepararsi a migliaia di vittime»

ATS

4.4.2020 - 21:36

il premier svedese Stefan Lofven ha ribadito di non voler sovraccaricare il sistema sanitario, ma ha ammesso che bisogna «prepararsi a migliaia di vittime».
Source: KEYSTONE/EPA/Jonas Ekstromer/TT

In Svezia l'epidemia di coronavirus cresce più rapidamente che altrove in Scandinavia (oltre 6400 contagi e 333 morti) e sul governo ci sono pressioni affinché abbandoni la linea morbida.

Scuole, ristoranti e bar sono infatti aperti, e per ora le autorità hanno dato solo semplici raccomandazioni a limitare i contatti, affidandosi alla responsabilità dei singoli.

«Ognuno decide come procedere»

In un'intervista al quotidiano Dagens Nyheter il premier Stefan Lofven ha ribadito di non voler sovraccaricare il sistema sanitario, ma ha ammesso che bisogna «prepararsi a migliaia di vittime». Per il leader socialdemocratico la crisi andrà avanti mesi e quindi «è importante avere disciplina», ad esempio non visitare i parenti più anziani o lavarsi spesso le mani.

E sulle restrizioni degli altri paesi: «Ognuno decide come procedere per il distanziamento sociale e per rafforzare il sistema sanitario. Noi lo facciamo in un modo diverso. Certe volte dipende anche dal fatto che siamo in una fase diversa».

Le immagini del giorno

Tornare alla home page

ATS