Un Paese celebra la libertà, e con lui festeggia anche la Delta 

DPA

23.7.2021

La gente festeggia dopo la riapertura di un club a Londra il 19 luglio 2021.
La gente festeggia dopo la riapertura di un club a Londra il 19 luglio 2021.
KEYSTONE

L'Inghilterra sta facendo una scommessa rischiosa: la parte britannica del Paese fa affidamento sull'alto tasso di vaccinazione e ha in gran parte eliminato le misure di lotta contro il Covid-19. Il numero di casi sta già salendo alle stelle.

DPA

23.7.2021

Cosa succede quando un virus altamente contagioso si diffonde in un Paese e non c'è più alcun tentativo di fermarlo? L'Inghilterra sta provando proprio questo e festeggia la sua nuova libertà. Ma non senza aspetti negativi.

L'esperimento è in corso. Notte dopo notte, i bassi rimbombano nei club inglesi, per le strade e sulle spiagge la gente fa baldoria in grandi gruppi, a distanza ravvicinata, nella calura estiva. 

Anche nella bolla della politica e dei media della capitale le persone si incontrano di nuovo alle feste. Dopo la revoca, lunedì, di quasi tutte le regole contro il Covid, l'Inghilterra sta vivendo la sua prima settimana di libertà, che si rivela essere una festa anche per il nemico chiamato Delta.

Il fatto che la variante altamente contagiosa del virus stia causando cifre di infezione che continuano a salire è tenuto nascosto il più possibile. «Quando, se non ora?» è il nuovo slogan di libertà del primo ministro Boris Johnson. La protezione fornita dalle vaccinazioni eviterà il peggio.

E pazienza se l'incidenza di sette giorni in Gran Bretagna sia recentemente salita a 488 (al 17 luglio) e se gli esperti avvertano giorno dopo giorno di numerose morti, milioni di persone con danni a lungo termine e nuove mutazioni pericolose nonostante gli alti tassi di vaccinazione.

«Proviamo ora»

«Siamo stati in isolamento per così tanto tempo. Proviamo ora», dice il pensionato Alan Adams, passeggiando per Brick Lane nella zona est di Londra, in un pomeriggio di sole, con un vecchio compagno di scuola. «Abbiamo fatto due iniezioni. Quindi dovremmo essere a posto», pensa. Il suo amico David Conlon non è così convinto. «Almeno lo speriamo», dice, dichiarandosi poi infastidito dal fatto che molti nella metropolitana londinese non indossino più la mascherina.

Poiché il sindaco Sadiq Khan e non Boris Johnson è responsabile in questo ambito, la metropolitana è in realtà uno dei pochi posti dove la mascherina è ancora obbligatoria, anche se non tutti rispettano questo obbligo. «Di fronte a me, un uomo senza protezione ha iniziato a tossire come un cane», racconta Conlon. «Sono sceso alla fermata successiva e sono salito su un'altra carrozza».

In Inghilterra è arrivato il momento della responsabilità personale. Dove pochi giorni fa le regole legali governavano la convivenza, ora ogni individuo deve decidere quanto rischio vuole correre. E di solito non solo per se stesso, ma anche per gli altri.

«È un po' irresponsabile», dice Emily O'Dell, 16 anni, a proposito del fatto che praticamente siano cadute tutte le misure restrittive. Non essendo ancora adolescente, nessuna vaccinazione contro il Covid è prevista per lei, anche se dice che si sentirebbe molto più a suo agio se potesse farla.

Il fatto che il concetto di grande libertà inglese non funzioni davvero, nel mezzo di una violenta terza ondata, è diventato evidente il primo giorno: dopo un incontro con il suo ministro della salute infetto, Boris Johnson ha parlato al suo popolo, attraverso un video dalla quarantena, a proposito del «Freedom Day».

1,7 milioni di britannici devono isolarsi

Si stima che circa 1,7 milioni di britannici devono attualmente isolarsi perché hanno contratto il Covid-19 o hanno avuto contatti con persone infette.

Questo include non solo altri rappresentanti di spicco della squadra di governo con il ministro della salute Sajid Javid e il ministro delle finanze Rishi Sunak, ma anche gran parte della forza lavoro dei supermercati, delle aziende di logistica, delle strutture di assistenza o dei servizi di raccolta dei rifiuti. In altre parole, tutti coloro che dovrebbero far andare avanti la vita quotidiana.

Mentre la discussione su chi deve andare in quarantena, quando e a quali condizioni, è in pieno svolgimento, sta diventando evidente su tutti i fronti cosa significa in realtà quando il virus costringe così tanti nelle proprie quattro mura.

Gli scaffali dei supermercati si svuotano e non possono essere riforniti abbastanza velocemente. I bidoni della spazzatura vengono lasciati pieni. I pub devono chiudere di nuovo perché non c'è più nessuno dietro ai banconi a spinare la birra.

«Estate del caos» o «Grande estate britannica»

Avere un virus altamente contagioso che spazza il paese, e allo stesso tempo vivere come se niente fosse, sembra quasi impossibile solo per ragioni logistiche, come è già evidente nei primi giorni dell'esperimento su larga scala. Il governo ha quindi frettolosamente introdotto un'esenzione per i lavoratori del settore alimentare alla fine della settimana. Ma ci sono dubbi sul fatto che questo sarà sufficiente per evitare le carenze.

Sarà dunque un'«estate di caos» per l'Inghilterra, come ha recentemente avvertito il leader dell'opposizione Keir Starmer? O una «Grande Estate Britannica» dopo tutto, come i ministri Tory al potere amano evocarla? In questi caldi giorni di luglio, le due cose sembrano esistere quasi in parallelo.

La 26enne Kelsey, che passeggia in un mercato londinese di street food con un'amica, non è ancora preoccupata, anche se lavora in ospedale e il numero di casi è di nuovo in aumento. «Forse tra una settimana o due dovrai affrontare di nuovo la realtà. Ma non ancora».