Attivismo informatico

Wikileaks: Assange nomina nuovo direttore

ATS

27.9.2018 - 15:14

Kristinn Hrafnsson (a sinistra) ritratto insieme a Julian Assange.
Source: KEYSTONE/EPA/KERIM OKTEN

Julian Assange lascia, almeno per ora, la carica di direttore (editor in chief) di WikiLeaks. A scegliere il successore è stato lui stesso, indicando il giornalista investigativo Kristinn Hrafnsson, suo strettissimo collaboratore e già portavoce di Wikileaks.

La decisione è stata resa inevitabile dalla condizione attuale dell'attivista australiano, privato da mesi di connessione internet e di ogni possibilità di contatti telefonici o personali con figure esterne nell'ambasciata dell'Ecuador di Londra, in cui vive rifugiato da oltre 6 anni.

Assange l'ha formalizzata nelle scorse ore, affidandosi a un comunicato dell'organizzazione, nel quale definisce ancora una volta inaccettabile quella che considera ormai una sorta di "detenzione arbitraria".

"Io condanno il trattamento inflitto a Julian Assange che ha portato alla mia nomina", ha commentato l'islandese Hrafnsson, impegnandosi peraltro ad assicurare "la continuità del lavoro di Wikileaks nel rispetto dei suoi ideali".

Tornare alla home page

ATS