Epidemia Wuhan aggiunge altri 1290 morti, a 3869

ATS

17.4.2020 - 09:55

La città di Wuhan
La città di Wuhan
Source: KEYSTONE/AP/Sam McNeil

La città di Wuhan, il focolaio del Covid-19, ha rivisto a sorpresa i numeri di contagi e decessi aumentandoli, rispettivamente, di 325 unità a 50'333 e di 1290 unità a 3869 totali.

Il quartier generale municipale impegnato nella prevenzione e controllo del virus ha spiegato in una nota, secondo i media locali, che la «revisione è conforme a leggi e regolamenti, e al principio di essere responsabili verso la storia, le persone e i defunti». La mossa è destinata a dare altro slancio alle polemiche sull'affidabilità dei dati forniti.

Allo scopo di non lasciare alcun caso di Covid-19 non documentato, le autorità hanno lavorato per raccogliere informazioni dalle strutture legate alla pandemia, comprese cliniche, ospedali ufficiali e improvvisati, siti di quarantena, comunità con casi di infezione e siti speciali sotto l'amministrazione di autorità giudiziarie, di pubblica sicurezza e degli affari civili come carceri, centri di detenzione e centri di assistenza agli anziani.

Le discrepanze nei dati, si legge nella nota, «sono dovute ai seguenti motivi: in primo luogo, un numero crescente di pazienti nella fase iniziale dell'epidemia ha travolto le risorse e la capacità di ricovero delle istituzioni mediche». Poi, alcuni decessi sono accaduti a casa in assenza di cure negli ospedali. Terzo, a causa di un rapido aumento di ospedali designati per il trattamento delle infezioni – tra quelli amministrati dai ministeri, dalla provincia dell'Hubei, dalla città di Wuhan e dai suoi distretti, non tutti collegati «alla rete di informazioni sull'epidemia» – non tutti sono riusciti a comunicare i loro dati in tempo.

Infine, «le informazioni registrate di alcuni decessi erano incomplete e c'erano ripetizioni ed errori nelle segnalazioni».

Tornare alla home page

ATS