Covid

Covid: terapie intensive vuote sia in Ticino che nei Grigioni

Swisstxt

6.6.2021 - 11:22

Migliora la situazione pandemica in Ticino e nei Grigioni dove non vi sono più pazienti in cure intense a causa del Sars-CoV-2 e dove non si registrano nuovi morti.

Lugano: Pasqua in Città, turismo e restrizioni Covid-19, obbligo di portare la mascherina. Nella foto turisti sul lungolago. © Ti-Press / Francesca Agosta
Immagine d'illustrazione /archivio
© Ti-Press 

Swisstxt

6.6.2021 - 11:22

In Ticino, nelle ultime 24 ore sono stati registrati 12 nuovi casi di contagio dovuti al Covid-19. Non vengono invece segnalati ulteriori decessi.In totale i le infezioni sono 33'128 da inizio pandemia mentre le persone decedute sono 995.

Continua a migliorare anche la situazione negli ospedali, dove si segnalano una dimissione e nessun nuovo ricovero. Al momento risultano quindi ospedalizzate 3 persone, nessuna delle quali nei reparti di terapia intensiva.

In base ai dati di venerdì, finora nel cantone sono state effettuate 235'749 vaccinazioni. In 93'606 casi (o il 26,6% del totale) sono state somministrate le due dosi.

Terapie intensive vuote nei Grigioni

Nei Grigioni sono state registrate 7 nuove infezioni dovute alla malattia nelle ultime 24 ore. Sabato i casi erano 21. Anche oggi, domenica, non viene segnalato nessun nuovo decesso. Il loro totale rimane quindi a 191 da inizio pandemia.

In cura nei nosocomi retici a causa della pandemia ci sono attualmente 4 persone; nessuna di loro in terapia intensiva.

Nel Cantone, secondo le cifre delle autorità retiche, ad oggi vi sono 176 persone in quarantena e 87 in isolamento. Le zone più colpite sono quelle del Plessur, di Viamala e dell'Albula.

Swisstxt