A Mendrisio una festa di laurea finita in rissa tra giovani e polizia

SwissTXT / pab

19.6.2021

Chiasso: evento
Immagine d'illustrazione
archivio Ti-Press

Una festa post-laurea trasformatasi in rissa. Un episodio che ha lasciato l'amaro in bocca a chi abita vicino all'Accademia di architettura a Mendrisio, dove nella notte su venerdì c'è stato uno scontro fra giovani e polizia conclusosi con due arresti e sette feriti (sei agenti e un giovane).

SwissTXT / pab

19.6.2021

I giovani, studenti universitari che a quanto pare stavano festeggiando la fine del semestre, si sarebbero visti intimare di spegnere la musica. Una richiesta a loro dire posta in maniera troppo autoritaria, secondo quanto riferito oggi da laRegione.

A quel punto sarebbe nata un'accesa discussione, una sorta di prova di forza tra ragazzi e agenti, che ha portato all'utilizzo da parte di questi ultimi anche di manganelli e spray al pepe. I giovani sono accusati di avere lanciato sassi e oggetti contro gli agenti, ma contestano questa versione dei fatti.

La polizia cantonale, intervenuta in un secondo momento a supporto degli agenti di Mendrisio, ai microfoni della RSI non ha voluto commentare i fatti, ricordando che c'è un'inchiesta aperta che dovrà stabilire le effettive responsabilità. Le autorità hanno tuttavia comunicato di aver rilasciato i due giovani arrestati, un 29enne romando e un 26enne francese.

I reati ipotizzati a carico dei giovani sono aggressione, rissa, lesioni semplici, vie di fatto, violenza o minaccia contro le autorità e i funzionari, nonché impedimento di atti delle autorità.

Quanto successo ha esasperato ancora una volta il vicinato. Un abitante del quartiere, ai microfoni del Quotidiano della RSI, ha testimoniato il suo malcontento e ha raccontato la sua versione dei fatti, auspicando maggiori controlli da parte delle autorità. Non si tratterebbe infatti della prima volta che urla e schiamazzi turbino la notte del quartiere...