Cadavere ritrovato nella pensione di Viganello, inchiesta chiusa

SwissTXT / pab

30.11.2020

Due persone restano dietro le sbarre
Due persone restano dietro le sbarre
Ti-Press

Il Ministero pubblico ha chiuso l'inchiesta sul caso di Via Merlina a Viganello, dove il 17 dicembre del 2019, nella camera di una pensione, venne ritrovato il cadavere di un 35enne svizzero del Bellinzonese.

La procuratrice pubblica Valentina Tuoni ha prospettato la promozione dell'accusa (per le ipotesi di reato di assassinio, omicidio intenzionale, omissione di soccorso, infrazione e contravvenzione alla legge federale sugli stupefacenti) nei confronti di un 34enne cittadino austriaco domiciliato nel Luganese.

L'imputato ha tempo ora fino all'11 dicembre per presentare eventuali istanze probatorie.

Per la morte del 35enne svizzero - ricordiamo - oltre al 34enne austriaco era finito dietro le sbarre pure un 43enne del Mendrisiotto, deceduto in aprile.

Tornare alla home page