In Prettigovia letti quasi tutti occupati con pazienti Covid

SwissTXT / pab

26.10.2021

Un paziente ricoverato a Roma
Immagine d'illustrazione
KEYSTONE/EPA/MASSIMO PERCOSSI

In Prettigovia, nel canton Grigioni, la situazione pandemica rimane critica. Nella regione, infatti, sono concentrati 76 dei 258 casi di Covid attivi relativi a tutto il Cantone.

SwissTXT / pab

26.10.2021

Inoltre, i 12 letti della stazione pandemica di Schiers sono quasi tutti occupati. La struttura ha raggiunto i propri limiti di capacità, anche perché 10 collaboratori sono stati contagiati, mentre tra il personale è stato introdotto l'uso di mascherine FFP2.

Un aumento di casi che la medica cantonale, Marina Jamnicki, attribuisce anche al livello più basso di immunizzazione. «In Prettigovia la percentuale di persone vaccinate è più bassa rispetto al resto del cantone e della Svizzera», spiega ai microfoni della RSI.

l sindaco di Schiers, Ueli Thöny, aggiunge che «l’abitante della Prettigovia è un po’ primitivo e non è aperto ai cambiamenti, un po’ montanaro si può dire ed è più scettico riguardo questa situazione. E quando succede qualcosa di grosso è piuttosto un tipo che aspetta».

Per evitare che i casi aumentino ancora con l’inizio delle scuole il cantone ha suggerito di indossare la mascherina e testare allievi e docenti più volte alla settimana. E se queste misure non dovessero bastare, le autorità cantonali stanno considerando ulteriori provvedimenti.

«Stiamo valutando di vietare alcune manifestazioni nei paesi dove si creano affollamenti», fa sapere Jamnicki. Una scelta che però non piace al sindaco di Schiers: «Una scelta simile bisogna argomentarla bene. A pochi chilometri da qui lo scorso week end c’è stato il Big air con migliaia di spettatori. E qui non si potrebbero fare delle manifestazioni con 60-70 persone? È una questione che si dovrebbe discutere».