Giornata delle ostetriche

La decana ticinese ha 101 anni e ha fatto nascere quasi 2'000 bambini

SwissTXT / red

5.5.2022

Comano: RTSI, asilo nido aziendale. Nella foto un momento dell'attività all'interno dell'asilo creato per i dipendenti della TSI a Comano con il cambio dei pannolini per un neonato.

©CER/Ti-Press / Benedetto Galli
Immagine d'illustrazione
archivio Ti-Press

Il 5 maggio si celebra la Giornata mondiale delle ostetriche. Un lavoro che Maria Pozzi, la decana delle levatrici ticinesi, conosce molto bene e che ha visto evolversi con il tempo. Nei suoi 30 anni di carriera ha fatto nascere ben 1'978 bambini.

SwissTXT / red

5.5.2022

Oggi Maria Pozzi - come si legge sul sito della RSI - ha quasi 102 anni, ma la passione per la sua professione non è tramontata. Classe 1920, dopo l’infanzia e la gioventù a Rodi si è lanciata nella nuova avventura su consiglio di un’altra ostetrica.

Ha preso il treno per San Gallo, dove ha passato tre anni alla Frauenklinik per la sua formazione, aiutando già a portare alla luce i primi bimbi. Tre anni senza mai tornare in Ticino, dato che non riceveva un salario e avrebbe dovuto pagare il biglietto del treno che allora costava -  ricorda sicura - 19 franchi.

Nel 1955 il ritorno in Leventina, dove si cercava una levatrice a Faido. Vi ha lavorato fino al 1971, impegnata in molti parti legati alla presenza dei lavoratori della Monteforno. Un lavoro che svolgeva da sola, salvo nei casi difficili, per i quali arrivava un medico da Bellinzona. E proprio nella capitale ha lavorato gli ultimi 10 anni prima di andare in pensione.

In 30 anni di carriera sono cambiate molte cose

Nella sua lunga carriera, trentennale, ha visto cambiare molte cose: dalla sala parto a San Gallo con spazio per quattro donne, separate solo da una tenda, dallo stetoscopio ostetrico di legno allo strumento elettronico che permette anche alla madre di sentire il battito del feto, fino all’arrivo delle prime ecografie.

Come Maria Pozzi ha fatto per lungo tempo, ogni giorno le ostetriche continuano ad assistere le mamme e i papà durante il momento magico della nascita. Lieti eventi che però negli ultimi decenni si sono fatti sempre più rari prima di conoscere una ripresa legata alla pandemia.