Una crocetta su F importantissima

Swisstxtx / pab

15.1.2022

Immagine d'illustrazione
Immagine d'illustrazione
TI-Press / Ti-Press

Dal primo gennaio in Svizzera è possibile cambiare il proprio nome e sesso nel registro dello stato civile senza passare da un giudice. La testimonianza di Simona, che dopo una vita al maschile ha fatto la transizione a donna.

Swisstxtx / pab

15.1.2022

«Quella crocetta su F che non vede nessuno, per te è importantissima» dice ai microfoni della RSI Simona, che racconta della propria vita, dai primi dubbi sul suo genere al cambiamento ufficiale del sesso decenni dopo.

Simona, nonostante i dubbi in gioventù, si è adattata a quello che i aspettava la società e ha condotto una prima vita al maschile: servizio militare, lavoro da selvicoltore, un matrimonio di 28 anni e due figli. Ma sei mesi dopo la morte dell’amata moglie ha deciso di fare la transizione al femminile, racconta alla RSI.

Felice nella sua seconda vita da donna e finalmente in armonia con il suo corpo, Simona ricorda le sofferenze legate alla disforia di genere e il lungo percorso che ha dovuto fare, sotto il vecchio ordinamento, per il cambio ufficiale del sesso.

La nuova situazione, più semplice, per lei è benvenuta, ma non nasconde il timore che senza le difficoltà che ha dovuto affrontare, la decisione possa essere presa alla leggera, afferma alla RSI.

Importante per l'autodeterminazione delle persone

Andrea Büchler, presidente della Commissione di etica per la medicina umana, sottolinea alla RSI l’importanza di semplificare il passo ufficiale per l’autodeterminazione delle persone. La Commissione chiede alla Confederazione di fare un passo in più e permettere una terza opzione oltre a uomo o donna, in modo da tenere conto della pluralità delle identità sessuali.