Spionaggio?

Arrestato in Vallese, una «miniera d'oro» per gli 007 statunitensi

Di Philipp Dahm

5.1.2022

L'uomo ricercato: dopo la richiesta di estradizione da parte degli Stati Uniti, Mosca ha cercato di far estradare Vladislav Klyushin - in Russia, naturalmente. Tuttavia, i funzionari responsabili hanno presumibilmente annaspato con le formalità e non hanno potuto impedire che fosse estradato negli Stati Uniti.
L'uomo ricercato: dopo la richiesta di estradizione da parte degli Stati Uniti, Mosca ha cercato di far estradare Vladislav Klyushin - in Russia, naturalmente. Tuttavia, i funzionari responsabili hanno presumibilmente annaspato con le formalità e non hanno potuto impedire che fosse estradato negli Stati Uniti.
Dominio pubblico

Dopo la sua estradizione dalla Svizzera, Vladislav Klyushin sarà processato in Massachusetts per insider trading. Ma le autorità statunitensi sperano in qualcosa di più dal russo vicino al Cremlino.

Di Philipp Dahm

5.1.2022

Quando le grandi politiche mondiali di diverse grandi potenze si scontrano diametralmente, la Svizzera è neutrale. Certo che lo è.

Ma la Svizzera è anche uno Stato di diritto e un centro finanziario internazionale. Quindi, se le autorità statunitensi chiedono a Berna di arrestare un cittadino russo per insider trading, la Svizzera si adegua, a condizione che siano soddisfatti i requisiti legali.

Vladislav Klyushin è arrestato all'aeroporto di Sion il 21 marzo 2021 dopo l'atterraggio del suo jet privato da Mosca. Sua moglie e i suoi cinque figli proseguono per Zermatt.
Vladislav Klyushin è arrestato all'aeroporto di Sion il 21 marzo 2021 dopo l'atterraggio del suo jet privato da Mosca. Sua moglie e i suoi cinque figli proseguono per Zermatt.
KEYSTONE

E così succede che il 21 marzo 2021, a Sion, in Vallese, viene arrestato un uomo che, secondo il suo avvocato, si trova nel paese con la sua famiglia per una vacanza sugli sci. L'Ufficio federale di giustizia fa arrestare Vladislav Klyushin e ordina la sua custodia cautelare. Il 24 giugno viene ordinata la sua estradizione, che viene effettuata il 18 dicembre.

Il 41enne viene prelevato all'aeroporto di Zurigo dagli investigatori statunitensi e portato negli Stati Uniti. Oggi, 5 gennaio, nel Massachusetts, la giudice Marianne Bowler aprirà il procedimento: lui e altri uomini sono accusati di aver hackerato informazioni e poi di averle usate per far soldi nel commercio di azioni. Gli imputati negano le accuse.

Il più grande pesce da molto tempo

Ma all'inizio del processo, non si parla quasi mai di quei presunti milioni avuti con la truffa. Di Klyushin, che è stato insignito di una medaglia d'onore da Vladimir Putin nel 2020, si dice sia «l'insider del Cremlino di più alto rango» su cui «la magistratura americana ha messo le mani in tempi recenti», si rallegra Bloomberg.

Mentre la moglie e i figli di Kljuschin sono in vacanza a Zermatt per dieci giorni, il padre della famiglia è tenuto in isolamento in Svizzera. Ma non è solo in isolamento: secondo
Mentre la moglie e i figli di Kljuschin sono in vacanza a Zermatt per dieci giorni, il padre di famiglia è tenuto in isolamento in Svizzera. Ma non è solo in isolamento: secondo Bloomberg, fino a dieci poliziotti «tengono compagnia» al russo.
KEYSTONE

La CNN aggiunge: «Un uomo d'affari russo con legami al Cremlino potrebbe essere una ‹miniera d'oro› per l'intelligence». In altre parole, si parla poco di accuse di insider trading. Le autorità statunitensi hanno però grandi speranze d'avere maggiori dettagli dagli accusati sulla guerra d'informazione che i politici americani accusano Mosca di condurre.

Klyushin possiede un'agenzia informatica a Mosca chiamata M-13, che consiglia anche le agenzie governative. «Bloomberg» sostiene di aver appreso da vari ambienti che questo fattore, coniugato con i suoi stretti legami con il Cremlino, lo rendono una «utile fonte di informazioni» per i servizi segreti a stelle e strisce, i quali sperano che l'uomo d'affari possa dire qualcosa non solo sulla manipolazione delle elezioni americane del 2016, ma anche su altri comportamenti d'influenza.

Tentativi di cattura da parte di agenti occidentali

L'Occidente molto probabilmente aveva quindi preso di mira l'uomo da qualche tempo: si dice che gli americani abbiano cercato di catturare Klyushin nel sud della Francia già nel 2019. I britannici hanno fallito un tentativo simile a Edimburgo, in Scozia, nel 2020. Nel marzo 2021, la Svizzera neutrale ha finalmente organizzato l'arresto dell'europeo dell'est.

Non c'è da stupirsi che l'avvocato svizzero di Kljuschin non sia affatto d'accordo con l'espulsione. Oliver Ciric ha definito il processo «sleale»: «La vera ragione per l'arresto del signor Klyushin e l'estradizione negli Stati Uniti è legata alla natura del suo lavoro e ai suoi contatti nel governo russo», diceva Ciric alla fine del 2021.

Ivan Ermakov sarebbe direttamente responsabile della manipolazione delle elezioni americane del 2016, secondo gli investigatori statunitensi.
Ivan Ermakov sarebbe direttamente responsabile della manipolazione delle elezioni americane del 2016, secondo gli investigatori statunitensi.
Pubblico dominio

Uno dei suoi coimputati in Massachusetts è Ivan Ermakov, che è accusato di essere stato un agente dell'intelligence russa e di aver avuto un ruolo nella manipolazione delle elezioni del 2016. L'arresto di Klyushin è quindi una potenziale «miniera d'oro», crede l'esperto di sicurezza Christopher Krebs.

Lo spionaggio sul suolo svizzero non è tollerabile

«Questa è una grande cattura per una serie di ragioni», dice alla CNN. «Se collabora, potrebbe essere in grado di confermare le teorie delle agenzie di intelligence sull'influenza russa nelle elezioni del 2016». Se invece non lo fa la sua condanna potrebbe inviare un messaggio esemplare, dice Krebs.

Holden Triplett, un ex agente dell'FBI, sospetta che l'estradizione di Klyushin causerà molti problemi a Mosca. «Quando uno così viene arrestato, qualsiasi operazione di cui è a conoscenza corre il rischio di diventare vittima del controspionaggio. Tutto quello in cui era coinvolto è ora sotto esame».

Cosa dicono i politici svizzeri sul caso? Sibel Arslan è un pezzo grosso della politica estera dei Verdi, ma non può commentare i dettagli del caso Kljuschin. «Non sono né l'avvocato né il giudice», dice la consigliera nazionale di Basilea. Tuttavia, le accuse di spionaggio sono serie - e il «principio di territorialità dei singoli paesi» deve essere rispettato.

Sibel Arslan al Consiglio nazionale a Berna.
Sibel Arslan al Consiglio nazionale a Berna.
KEYSTONE

«Se qualcuno non tiene conto di questo e fa spionaggio sul nostro suolo, questo non può essere tollerato», afferma Arslan a blue News. «Di conseguenza, bisogna aspettarsi delle conseguenze». D'altra parte, dice, le convenzioni devono essere rispettate: «Ho le mie riserve sulle estradizioni in paesi dove la pena di morte è ancora un problema».