Pandemia

Covid-19: in agosto il parere degli esperti dell'UFSP fu ignorato?

La Redazione di blue News

17.2.2021

La scorsa estate, Alain Berset avrebbe «silenziato» un rapporto dell’UFSP che imponeva di assumere misure più stringenti per evitare una seconda ondata epidemiologica.
La scorsa estate, Alain Berset avrebbe «silenziato» un rapporto dell’UFSP che imponeva di assumere misure più stringenti per evitare una seconda ondata epidemiologica.
Keystone

Lo scorso agosto, il ministro della salute non avrebbe tenuto conto di una nota d'allerta da parte degli specialisti dell’Ufficio della sanità pubblica (UFSP), come si è appreso da 24 Heures e La Tribune de Genève. Il documento raccomandava di adottare misure più stringenti per evitare una seconda ondata di Covid-19. Il rapporto non sarebbe mai pervenuto agli altri sei saggi.

Alain Berset ammette di essere stato «troppo ottimista» la scorsa estate autorizzando di nuovo le grandi manifestazioni, ma i giornali del TX Group, come il 24 Heures e la Tribune de Genève, hanno puntato i riflettori su alcuni particolari più concreti. L'UFSP avrebbe infatti consegnato al consigliere federale, il 6 agosto, un rapporto di 12 pagine, raccomandando un inasprimento delle misure per evitare la recrudescenza della pandemia di Covid-19.

I media precedentemente citati sono riusciti ad ottenere la nota interna dell’UFSP e ne menzionano alcuni estratti. Tra cui questo: «La priorità assoluta è di ridurre il più rapidamente possibile il numero di infezioni quotidiane e di stabilizzarle a un livello basso per evitare la comparsa di una seconda ondata dell’epidemia». Gli esperti dell'UFSP proponevano inoltre diverse azioni da valutare, come la chiusura dei ristoranti, alcune restrizioni negli spostamenti, o ancora l’obbligo di indossare la mascherina.

Non c’è trasmissione

Alain Berset doveva trasmettere il documento degli esperti dell'UFSP ai suoi colleghi del Consiglio federale sotto forma di «nota di discussione» in vista delle seguenti decisioni del collegio. Ma il fascicolo non sarebbe mai pervenuto agli altri membri. Sarebbe stato trattenuto dalla segreteria generale di Alain Berset.

Intervistata su questo punto, la portavoce del consigliere federale non ha indicato se fosse lo stesso Berset all’origine di questa decisione, come riportano i giornali citati precedentemente. La nota sarebbe stata bloccata perché «il pacchetto di misure proposte dall'UFSP doveva essere discusso prima con i Cantoni». La storia non dice se Alain Berset abbia discusso con gli altri consiglieri federali dell’allerta lanciata dagli specialisti.

Legame di causa effetto?

Durante la seduta del 12 agosto 2020, il governo alla fine ha deciso di autorizzare di nuovo le manifestazioni di più di 1000 persone a partire dal primo ottobre, «a condizione di rispettare alcune misure di protezione severe e di ottenere l’autorizzazione delle autorità cantonali».

Citato nelle colonne del 24 Heures e su altre testate, l’epidemiologo Christian Althaus, dell’Università di Berna, vede una relazione chiara tra il fatto che Berna abbia optato in quel momento per un allentamento delle misure e la comparsa di una seconda ondata: «Abbiamo perso un’occasione in estate, sottolinea. L’allentamento rapido delle restrizioni ha permesso al virus di propagarsi in tutto il paese. Poi, quando il clima si è raffreddato in autunno, siamo partiti da un livello molto più elevato della Germania, per esempio. Di conseguenza, il tracciamento dei contatti è rapidamente saltato, cosa che probabilmente ha favorito la risalita rapida dell’epidemia».

Tornare alla home page