Accordo quadro fallito

«Cassis ha certamente fatto qualche errore da principiante»

Di Philipp Dahm

28.5.2021

Il consigliere federale Ignazio Cassis a Berna a fine aprile: da una parte nel suo passato ci sarebbero errori da principiante, dall'altra nessun handicap politico per il futuro.
Il consigliere federale Ignazio Cassis a Berna a fine aprile: da una parte nel suo passato ci sarebbero errori da principiante, dall'altra nessun handicap politico per il futuro.
KEYSTONE

Molte domande rimangono senza risposta dopo che la Svizzera ha deciso di non firmare l'accordo quadro con l'Unione europea. Anche in termini di politica interna: cosa significa  questa decisione unilaterale per la politica svizzera in generale, per il PLR nel suo insieme e per Cassis e Keller-Sutter in particolare?

Di Philipp Dahm

28.5.2021

Sean Müller è un professore dell'Università di Losanna, specializzato in federalismo svizzero e comparato, politica territoriale e democrazia diretta. Gli abbiamo chiesto al telefono la sua valutazione degli annunci  politici di mercoledì a Berna. L'attenzione si è concentrata sulla politica interna e sul PLR in particolare.

Signor Müller, quando è stato chiesto al consigliere federale Cassis se il fallimento dei negoziati fosse anche il suo, Guy Parmelin ha risposto che il Consiglio federale è responsabile collettivamente. Anche lei la vedi così?

Questa è una domanda difficile. Le decisioni sono ovviamente prese dal Consiglio Federale, ma tutto il lavoro di preparazione viene fatto nei dipartimenti. A questo proposito, bisognerebbe sapere esattamente fino a che punto le singole persone erano responsabili e quando il collegio è stato coinvolto in maniera collettiva. Fondamentalmente è così: tutte le decisioni sono formalmente prese da tutto il Governo. Per questo sono d'accordo con Parmelin: ora non si può incolpare un solo consigliere federale per questo fiasco.

Uno per tutti, tutti per uno: il presidente del Consiglio federale Guy Parmelin (a destra) e il consigliere federale Ignazio Cassis a Berna in aprile.
Uno per tutti, tutti per uno: il presidente del Consiglio federale Guy Parmelin (a destra) e il consigliere federale Ignazio Cassis a Berna in aprile.
KEYSTONE

Pensa che il risultato sarebbe stato lo stesso se Karin Keller-Sutter fosse stata a capo del Dipartimento degli affari esteri (DFAE)?

No, non credo che la decisione sarebbe stata diversa se qualcun altro avesse tirato i fili. Il modo in cui l'intera faccenda è concepita strutturalmente, con negoziati bilaterali, era in realtà una preoccupazione dell'UE e non della Svizzera. E anche nell'UE ci sono voci che hanno poca comprensione per il fatto che ora si deve trovare una nuova struttura, anche se questa viene ora presentata in modo diverso.

Come viene presentata?

Come se tutta l'UE si fosse unita dietro questo accordo. È semplicemente difficile trovare una soluzione in un settore così emotivo, che è così complesso e allo stesso tempo molto tecnico. Non c'è quasi altro modo che negoziare come Consiglio federale e coinvolgere il parlamento e i cantoni nel processo. Non posso immaginare cosa sarebbe successo di diverso con qualcun altro, perché le opinioni sono le stesse: sarebbe stato impossibile trovare qualcos'altro.

Amichevolmente fianco a fianco: Karin Keller-Sutter e Ignazio Cassis alla prima riunione del Consiglio federale il 15 gennaio 2020 a Berna.
Amichevolmente fianco a fianco: Karin Keller-Sutter e Ignazio Cassis alla prima riunione del Consiglio federale il 15 gennaio 2020 a Berna.
KEYSTONE

Karin Keller-Sutter condurrà ora il dossier UE da sola?

Dovrete chiederlo a Karin Keller-Sutter (ride). No, non si fa mai niente da soli in Svizzera, tutti sono sempre coinvolti. Cassis ha certamente fatto qualche errore da principiante. Questo è dovuto in parte alla sua inesperienza, ma anche al suo stile, perché non ha coinvolto abbastanza le parti sociali. Ma non credo che questa sia stata la ragione principale della forte opposizione dei lavoratori.

In che modo?

Hanno semplicemente usato la situazione come un gancio per far entrare meglio la loro posizione nello spazio mediatico. La loro posizione non è quella che è a causa di Cassis. Penso che il ticinese abbia semplicemente fornito loro un punto di partenza attraverso il quale possono mettersi sotto i riflettori della cronaca e fare le vittime.

Entrambi i consiglieri federali PLR possono mantenere il loro posto?

Dovremo vedere cosa succede: mancano ancora due anni alle elezioni per il rinnovo del Parlamento. È raro che i consiglieri federali in carica vengano destituiti. Ci sono stati solo quattro casi dal 1848: due nel XIX secolo, gli altri due hanno coinvolto Christoph Blocher. Fondamentalmente, gli ostacoli per il voto sono molto alti e ovviamente bisogna aspettare i risultati delle prossime elezioni del Consiglio degli Stati e del Consiglio Nazionale.

Cosa significa il risultato per il PLR? Cassis ha perso terreno rispetto a Keller-Sutter?

Nella Svizzera francese, il PLR non ha perso molto terreno, e forse riuscirà a presentarsi come un partito liberale, neutrale e responsabile nella crisi. Dipende anche dal voto sulla legge CO₂: il PLR si è effettivamente esposto con la sua nuova mano di verniciatura verde. Quindi scorrerà ancora molta acqua sotto i ponti da qui a dicembre 2023. Non credo che questo dossier costerà a Cassis l'elezione. Al contrario: l'UDC ora pensa di essere di nuovo grande, grazie a lui hanno potuto interrompere l'esercizio.

Quindi non crede che la questione avrà un grande impatto sulle elezioni per il rinnovo nel 2023?

No, le questioni individuali non hanno una grande influenza sulle elezioni. Sono le relazioni di partito, i seggi conquistati nelle due camere, le quote di voto in tutta la Svizzera e le animosità personali o le amicizie che esistono tra i parlamentari e i membri del Consiglio federale. Di regola sono molto vicini, si incontrano spesso, i membri del Parlamento e del Governo. Non si destituisce qualcuno semplicemente perché ha opinioni leggermente diverse, la questione dell'Europa non è così importante. Ma forse dovrebbe esserlo.

Il cancelliere austriaco Sebastian Kurz sulla scena europea a Bruxelles nel luglio 2020: il politologo Müller ritiene che il tema dell'UE non giocherà un ruolo importante nelle future elezioni in Svizzera.
Il cancelliere austriaco Sebastian Kurz sulla scena europea a Bruxelles nel luglio 2020: il politologo Müller ritiene che il tema dell'UE non giocherà un ruolo importante nelle future elezioni in Svizzera.
KEYSTONE

A cosa pensa in questo contesto?

Ci sono proposte di riforma che dicono che il Governo dovrebbe essere meglio composto in vista di aspetti tematici, ma questo non è stato il caso della Svizzera finora, e questo non cambierà per altri due anni. I partiti, le persone, la lingua e l'equilibrio tra i sessi sono molto più importanti per la composizione e la coesione del Consiglio federale che le singole opinioni politiche.

Perché solo il Consiglio federale decide su una questione così importante e non il Parlamento?

Questa è la divisione del lavoro: il Consiglio federale è responsabile della politica estera, mentre il Parlamento è principalmente responsabile della politica interna. Si può metterlo in discussione e lanciare un'iniziativa. L'UDC ha lanciato un certo numero di iniziative relative alla politica estera, per esempio sulla libera circolazione delle persone o sulla Convenzione dei diritti umani.

Quindi questo vale anche per gli accordi con l'UE?

Si potrebbe anche lanciare un'iniziativa per mettere in votazione l'accordo quadro o per farlo rinegoziare dal Consiglio federale. Ma l'attuale approccio del Governo è legale. Certo, ci si può chiedere se sia legittimo che decida da solo quando le commissioni parlamentari hanno dato il mandato di continuare a negoziare e anche i cantoni vogliono continuare a farlo. Attualmente, però, tutti devono essere consultati solo dal Consiglio Federale, che prende le decisioni da solo. Se si vuole cambiare, si deve modificare la Costituzione.