Agricoltura sostenuta, ma non sempre

ATS

5.6.2020 - 12:09

L'agricoltura è ben sostenuta in Svizzera, ma vi sono sforzi ancora possibile a livello fiscale
Source: KEYSTONE/DPA/CARSTEN REHDER

Nonostante i pagamenti diretti e la protezione doganale, talune misure fiscali svantaggiano ancora l'agricoltura svizzera. È quanto emerge da un rapporto approvato oggi dal Consiglio federale in adempimento a un postulato del «senatore» Andrea Caroni (PLR/AR).

Nel documento si sottolinea che il settore primario è sostenuto con un'ampia gamma di misure. Gli strumenti principali sono i pagamenti diretti, per un importo annuale di 2,8 miliardi di franchi circa, e la protezione doganale, con un valore a livello dei prezzi alla produzione di 3,3 miliardi di franchi l'anno, si legge in una nota governativa odierna.

Inoltre, sulla base di due proiezioni e delle cifre concrete fornite da cinque Cantoni risulta che il vantaggio di una famiglia contadina rispetto a quella di un altro lavoratore indipendente ammonta a circa 2000-7000 franchi all'anno nei Cantoni considerati. La differenza è riconducibile soprattutto al minore onere fiscale risultante dal fatto che per i contadini il valore locativo calcolato è inferiore.

Dal rapporto emerge, tuttavia, che l'aliquota ridotta dell'imposta sul valore aggiunto (IVA) su determinati consumi intermedi, come ad esempio i concimi, e l'esenzione dall'IVA nella vendita di prodotti di produzione propria non comportano alcun vantaggio fiscale per gli agricoltori a causa della deduzione dell'imposta precedente.

Rispetto al resto dell'economia l'agricoltura è gravata, tra l'altro, da limitazioni per quanto riguarda determinate forme di persone giuridiche, il che riduce le possibilità al momento della pianificazione fiscale, precisa ancora il comunicato.

Tornare alla home page

ATS