Come viene sorvegliata la gente in Svizzera

Jennifer Furer

15.9.2020 - 17:04

Il tasso di riuscita delle ricerche assistite da telecomunicazioni è alto, afferma un poliziotto della polizia cantonale di Berna.
Keystone

In Svizzera la sorveglianza in tempo reale è consentita, tuttavia nel rispetto di severe condizioni. La dimensione della sorveglianza locale è ora evidente in un rapporto di recente pubblicazione.

Il soggetto è in viaggio sulla A1 da Berna in direzione Zurigo. Lascia l’autostrada in Argovia. Il segnale si interrompe, l’obiettivo ha spento il cellulare. Il comando operativo della polizia cantonale di Berna segnala che il soggetto si muove di nuovo. Il percorso conduce ad est.

Lì, sul raccordo anulare di Zurigo, il traffico è intenso. Gli investigatori segnalano la propria presenza tramite la sirena e la luce blu per assicurarsi il contatto con l’obiettivo. Questo è diretto verso la Svizzera orientale. L’auto si ferma infine nel parcheggio di un ristorante di Gams, nel Canton San Gallo.

Gli investigatori della polizia cantonale di Berna intervengono. «Era stupito di vederci», afferma uno di loro.

L’evento descritto è reale ed è riportato nel rapporto annuale pubblicato di recente dal Servizio Sorveglianza della corrispondenza postale e del traffico delle telecomunicazioni (Servizio SCPT). Il rapporto mostra come la polizia dà la caccia ai criminali in una società digitale.

5'000 sorveglianze retroattive

A differenza dei tempi di Sherlock Holmes – l’archetipo del detective perfetto – oggi la lotta contro il crimine non si concentra più solo sugli indizi analogici. Oggi le tecnologie digitali rivestono un ruolo importante nelle indagini su un ricercato.

Secondo il Servizio Sorveglianza della corrispondenza postale e del traffico delle telecomunicazioni (Servizio SCPT), lo scorso anno sono state effettuate circa 1'500 sorveglianze in tempo reale, circa 5'000 sorveglianze retroattive e quasi 1'500 ricerche per zona di copertura dell’antenna. Lo dimostrano le cifre pubblicate di recente nel rapporto. Si noti che spesso chi commette il reato utilizza numeri di targa e dispositivi diversi – quindi per ogni colpevole possono essere emessi diversi ordini di sorveglianza.

Che cos’è una ricerca per zona di copertura dell’antenna?

La ricerca per zona di copertura dell’antenna è finalizzata a identificare le celle radio o i punti di accesso WLAN pubblici. Vengono registrati tutti i tentativi di comunicazione, le comunicazioni avvenute e gli accessi alla rete di un dato intervallo temporale.

Le misure di sorveglianza nelle telecomunicazioni riguardano anche le ricerche d’emergenza di persone o quelle di condannati. «Se conosciamo il numero di targa di un fuggitivo, prima o poi lo troveremo», dice nel rapporto SCPT uno degli investigatori che ha arrestato il colpevole a Gems nel Canton San Gallo. Il tasso di successo nelle operazioni di ricerca supportate dalle telecomunicazioni è alto – addirittura molto alto, afferma.

L’impiego della sorveglianza in tempo reale è disciplinato da norme rigide. Quindi deve sussistere un reato previsto dal codice di procedura penale – ad esempio la presa di ostaggi, la rapina o il mettere in pericolo la vita – affinché questa sia possibile. Qualsiasi sorveglianza richiede anche un’autorizzazione del tribunale cantonale competente per le misure coercitive.

Prima di marzo 2018, la situazione era diversa. Ad eccezione dei procedimenti di assistenza giudiziaria internazionale, le autorità penali non potevano disporre una sorveglianza del traffico delle telecomunicazioni al di fuori dei procedimenti penali.

Nel Canton Vaud il numero più alto di controlli è stato effettuato nel 2019.
Rapporto annuale del SCPT

La situazione è cambiata con la revisione della legge federale sulla sorveglianza della corrispondenza postale e del traffico delle telecomunicazioni. Ora è possibile anche disporre la sorveglianza del traffico delle telecomunicazioni «al fine di trovare una persona condannata a una pena detentiva con sentenza definitiva esecutiva o per la quale è prevista una misura privativa della libertà.»

Secondo il rapporto annuale SCPT, nel 2019 sono state effettuate quasi 50 ricerche di fuggitivi presso la polizia cantonale di Berna. In quattro di questi casi, i collegamenti video sono stati monitorati a seguito della nuova base giuridica.

Le ragioni della sorveglianza sono molteplici. Nel 42% dei casi, i reati contro il patrimonio costituiscono la base dell’indagine, nel 26% dei casi si tratta di reati legati a stupefacenti. Al terzo posto si collocano lesioni e omicidi che nel 10% dei casi costituiscono motivo di sorveglianza.

Rapporto annuale del SCPT.

Non tutti i cantoni sfruttano la possibilità di effettuare sorveglianza con la stessa frequenza. Questa viene esercitata maggiormente nel Canton Vaud e poi nei Cantoni Zurigo e Ginevra. Segue al quarto posto il Canton Berna.

Nonostante la revisione della legge, gli ostacoli per poter sorvegliare una persona continuano a essere molti, come conferma Urs Hubmann, procuratore capo federale presso la Procura di Zurigo in un’intervista con «Bluewin».

Signor Hubmann, quando è consentito sorvegliare le telecomunicazioni di qualcuno? Si tratta di una violazione piuttosto grave dei diritti individuali.

Poiché si tratta effettivamente di una violazione notevole dei diritti delle persone, il legislatore ha previsto varie restrizioni. Le autorità inquirenti possono intervenire solo se vi è il forte sospetto di una grave infrazione al codice di procedura penale (ai sensi dell’art. 269 del Codice di procedura penale) e se altre misure investigative non portano a risultati positivi. Inoltre, l’ordine di sorveglianza delle autorità inquirenti deve essere approvato da un tribunale.

Cosa rivelano esattamente i dati sulle telecomunicazioni e come aiutano le autorità inquirenti?

Durante la sorveglianza delle comunicazioni vengono registrate le conversazioni e i messaggi. Ciò include anche i cosiddetti metadati. Si tratta di informazioni sui mezzi di comunicazione utilizzati come ad esempio il numero di telefono e i dati di localizzazione. Nei procedimenti penali, questi dati sono uno dei tanti pezzi del puzzle che possono essere utilizzati come prove e possono portare all’identificazione del colpevole. Oltre che nei processi penali, la sorveglianza delle comunicazioni aiuta ad esempio nella ricerca di persone scomparse – la cosiddetta ricerca d’emergenza con cui è possibile determinare la posizione di un escursionista precipitato e/o ferito e avviare rapidamente i soccorsi.

In quali circostanze la sorveglianza del traffico delle telecomunicazioni ha dei limiti?

Se le misure autorizzate dalla legge non sono tecnicamente attuabili, ad esempio perché vi sono lacune nella copertura del cellulare o difficoltà di decrittazione.

Viene effettuata anche una sorveglianza preventiva?

Secondo il codice di procedura penale, la sorveglianza presuppone un forte sospetto di reato grave. Nell’ambito della prevenzione, le misure conformi alla legge federale sulle attività informative.

Cosa succede ai dati che vengono raccolti su una persona?

I dati raccolti valgono come prove in un processo penale e il loro trattamento è disciplinato dal codice di procedura penale. Una volta concluso il procedimento penale, si applicano le norme pertinenti della legge sulla protezione dei dati.

Per quanti e quali reati il sistema ha dato i suoi frutti?

Le misure di sorveglianza forniscono un importante contributo – a volte anche decisivo – alle indagini su reati particolarmente riprovevoli come ad esempio omicidi, criminalità organizzata, reati di gruppo gravi (per esempio la tratta di esseri umani, traffico di stupefacenti, crimini informatici) o reati sessuali gravi (compresi quelli a danno di minori). Le misure di sorveglianza sono uno strumento importante che aiuta le autorità inquirenti a scoprire la verità. Ciò è dimostrato anche dal fatto che le misure di sorveglianza hanno già portato a scagionare dalle accuse le persone inizialmente sospettate.

Tornare alla home page