Svizzera La Confederazione invia un agente di collegamento per i colloqui con l'Eritrea

sifr, ats

23.6.2024 - 08:51

"Non molliamo e siamo in costante dialogo", ha spiegato la segretaria di Stato Christine Schraner Burgener nell'intervista.
"Non molliamo e siamo in costante dialogo", ha spiegato la segretaria di Stato Christine Schraner Burgener nell'intervista.
Keystone

La Confederazione intende inviare nuovamente in Africa un ufficiale di collegamento per colloqui con l'Eritrea. La disponibilità del Paese a riammettere i propri cittadini è un prerequisito per ulteriori trattative, ha detto la segretaria di Stato per la migrazione.

23.6.2024 - 08:51

La Svizzera è pronta a negoziare un accordo con l'Eritrea, ha affermato Christine Schraner Burgener in un'intervista al «SonntagsBlick». Finora Asmara non ha autorizzato rimpatri forzati da nessun Paese. «Ma non molliamo e siamo in costante dialogo», ha spiegato la segretaria di Stato.

Attualmente in Svizzera ci sono circa 260 richiedenti asilo eritrei respinti che dovrebbero essere rimpatriati. L'ufficiale di collegamento sarà di stanza nella capitale keniota Nairobi e si recherà regolarmente in Eritrea.

Un accordo di transito con un Paese terzo non cambierebbe la posizione dell'Eritrea, ha spiegato la Schraner Burgener. Tuttavia, la Segreteria di Stato per la migrazione (SEM) esaminerà tale richiesta politica.

Il rimpatrio attraverso un Paese terzo

Questo mese le Camere federali hanno approvato una mozione che chiedeva di rimpatriare i richiedenti asilo eritrei respinti dalla Svizzera attraverso un Paese terzo.

Dal momento che un partenariato migratorio o un accordo di riammissione con l'Eritrea non è all'orizzonte, la maggioranza del Consiglio nazionale ha sostenuto che è necessario fare maggiore pressione. Ha inoltre chiesto una rappresentanza responsabile per le questioni migratorie nella regione.

La SEM sta anche valutando la possibilità di esternalizzare le procedure di asilo in Paesi terzi, ha proseguito la segretaria di Stato nell'intervista. Ciò significherebbe rinunciare alla sovranità sulle decisioni in materia di asilo. «Non dobbiamo mai dimenticare che dobbiamo rispettare i diritti umani e anche mostrare solidarietà», ha sottolineato.

Procedure di accoglienza alle frontiere è un buon approccio

A suo avviso, il piano dell'Unione europea di effettuare procedure di accoglienza alle frontiere esterne per i richiedenti asilo con una bassa quota di protezione è un approccio «molto buono». La Svizzera ha sostenuto questa riforma, che dovrebbe esser avviata tra due anni, ha detto la Schraner Burgener.

Fino ad allora quest'ultima avrà lasciato la SEM. Come appreso un mese fa, si trasferirà al Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE). Questo perché, come lei stessa ha dichiarato, desidera un posto in un'organizzazione internazionale.

Il DFAE stava cercando qualcuno che si candidasse per questa posizione e le aveva chiesto di farlo. La 60enne non ha voluto commentare ulteriormente l'incarico, che sarà bandito l'anno prossimo.

sifr, ats