Domande e risposte

Cosa fa la Svizzera per combattere il vaiolo delle scimmie?

tafi

28.5.2022

This 2003 electron microscope image made available by the Centers for Disease Control and Prevention shows mature, oval-shaped monkeypox virions, left, and spherical immature virions, right, obtained from a sample of human skin associated with the 2003 prairie dog outbreak. Monkeypox, a disease that rarely appears outside Africa, has been identified by European and American health authorities in recent days. (Cynthia S. Goldsmith, Russell Regner/CDC via AP)
Questa immagine al microscopio elettronico mostra i virioni maturi di vaiolo delle scimmie di forma ovale, a sinistra e i virioni immaturi sferici, a destra, ottenuti da un campione di pelle umana (foto d'archivio).
KEYSTONE/Cynthia S. Goldsmith, Russell Regner/CDC via AP

Gli esperti non si aspettano che l'ondata di vaiolo delle scimmie finisca presto. Nei primi Paesi colpiti dal virus ci sono vaccinazioni e lunghi periodi di quarantena. La Svizzera è ancora tranquilla, ma si sta preparando.

tafi

28.5.2022

Il vaiolo è stato a lungo una delle malattie più pericolose per l'uomo. I vaccini sono venuti in soccorso e dal 1980 il mondo è stato liberato dal vaiolo. Un agente patogeno correlato, ma più innocuo, è ora però responsabile di un insolito aumento delle infezioni.

Che cosa significa questa maggiore incidenza di infezioni causate dal vaiolo delle scimmie? Esiste un vaccino? È imminente una nuova pandemia? Ecco le domande e le risposte più importanti.

Cos'è il vaiolo delle scimmie?

Il vaiolo delle scimmie (ufficialmente il virus Monkeypox, MPV) negli esseri umani è una malattia virale che si trova comunemente in Africa. I virus appartengono a una sottofamiglia dei comuni poxvirus e probabilmente hanno la loro fonte nei roditori, ma possono anche essere trasmessi all'uomo.

Le scimmie, da cui gli agenti patogeni hanno preso il nome, sono considerate solo come cosiddette «ospiti accidentali». Il virus può anche innescare una malattia simile al vaiolo negli esseri umani, che di solito è lieve.

Quali sono i sintomi del vaiolo delle scimmie?

I sintomi includono: insorgenza improvvisa di febbre, forte mal di testa, mal di schiena, mal di gola, tosse e spesso anche ingrossamento dei linfonodi. È anche tipica l'eruzione cutanea da vaiolo che si diffonde dal viso al corpo. La cecità e le cicatrici deturpanti si verificano raramente come danni permanenti.

Perché ora il vaiolo delle scimmie è più comune?

Gli esperti non lo sanno ancora. Tuttavia, sono d'accordo sul fatto che l'attuale focolaio sia sorprendente. Le catene di infezione tra le persone sono insolite e devono essere attentamente monitorate.

Finora le infezioni da vaiolo delle scimmie negli esseri umani insorgevano principalmente dalle regioni dell'Africa occidentale e centrale. I casi rilevati recentemente sono infatti atipici, perché la maggior parte delle persone colpite non ha viaggiato nell'Africa occidentale o centrale, secondo una dichiarazione di Hans Kluge, direttore regionale per l'Europa all'OMS.

L'OMS ha chiesto un tracciamento rigoroso di tutti i contatti delle persone colpite. Gli ospedali e la popolazione devono essere informati che se insorge un'eruzione cutanea insolita questa sia esaminata dal personale specializzato. Se si sospetta si tratti di vaiolo delle scimmie, i pazienti devono essere isolati.

Sono stati rilevati oltre 100 casi in tutto il mondo e, a causa del lungo periodo di incubazione che arriva fino a tre settimane, gli esperti si aspettano un gran numero di ulteriori infezioni.

Quanti casi si conoscono in Svizzera?

Anche in Svizzera è stato confermato sabato un primo caso di vaiolo delle scimmie. Il caso si trova nel Canton Berna, come annunciato lo scorso sabato dal Dipartimento cantonale della sanità. Questo è stato segnalato il venerdì e confermato dopo il test di laboratorio.

Un secondo caso è stato confermato martedì sera a Ginevra, mentre il terzo giovedì sera a Zurigo.

Quanto è pericoloso il vaiolo delle scimmie?

Secondo le autorità sanitarie di vari paesi, il virus di solito causa solo sintomi lievi, ma può anche avere un decorso grave. «Attualmente valutiamo il rischio come basso, ma i dati epidemiologici sono ancora limitati», afferma Céline Gardiol, capo della sezione sulle Sezione Raccomandazioni di vaccinazione e misure di lotta dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), citata dalla SRF.

Esiste un vaccino contro il vaiolo delle scimmie?

Secondo l'UFSP, non esiste un vaccino specifico contro il vaiolo delle scimmie. Tuttavia, i vaccini convenzionali contro il vaiolo di prima e seconda generazione fornirebbero già una protezione efficace. Sono stati somministrati nell'ambito del programma di eradicazione del vaiolo in Svizzera fino al 1972.

Linda Nartey, la vicedirettrice dell’UFSP, ha affermato che le persone che sono state precedentemente vaccinate con il vaccino contro il vaiolo «probabilmente hanno una certa immunità» anche al vaiolo delle scimmie. «Non posso dire quanto sia buona questa immunità al momento». L'UFSP sta esaminando l'acquisto di un vaccino. Tuttavia le autorità non vedono motivo di farsi prendere dal panico. 

Il fatto che in Svizzera non ci sia per ora alcun vaccino approvato contro il vaiolo delle scimmie è perché «la malattia era stata eradicata, non c'erano più vaccinazioni e le aziende si sono astenute dall'approvare i farmaci approvati anni fa», spiega il portavoce dei media di Swissmedic Alex Josty interpellato da blue News.

Nell'UE è stato approvato un vaccino contro il vaiolo di terza generazione (MVA-BN/Imvanex), che fornisce anche protezione contro il vaiolo delle scimmie, per l'immunizzazione contro il vaiolo negli adulti. Secondo l'UFSP però, questo vaccino non è disponibile né approvato in Svizzera.

Perché il nuovo vaccino non è approvato in Svizzera?

Tutti i vaccini sono approvati da Swissmedic. L'autorità farmaceutica però non agisce da sola, ma solo su richiesta dei produttori. «Swissmedic non ha ricevuto al momento né negli ultimi anni alcuna domanda interna per l'approvazione di medicinali per combattere il vaiolo delle scimmie», riferisce Alex Josty.

Ciononostante, i professionisti sanitari possono, con determinate autorizzazioni e condizioni, «importare medicinali per il trattamento del vaiolo delle scimmie che non sono approvati in Svizzera senza un'autorizzazione di Swissmedic». Ciò si basa sull'articolo 49 dell'Ordinanza sulle autorizzazioni nel settore dei medicamenti

In linea di principio in Svizzera sarebbe quindi consentito l'off-label use di vaccini o medicinali provenienti da Paesi limitrofi. «La base giuridica per questo – così come il controllo sulla pratica medica – è di competenza dei Cantoni», afferma Swissmedic.

Come viene trattato il vaiolo delle scimmie?

Di solito vengono trattati i sintomi e le possibili infezioni batteriche secondarie. Nell'UE esiste un'opzione di terapia antivirale per il vaiolo delle scimmie sotto forma del farmaco Tecovirimat, che però non è approvato in Svizzera.

Quali precauzioni speciali bisogna adottare?

Le persone che tornano da una zona a rischio (Africa occidentale e centrale) dovrebbero monitorare il proprio stato di salute e consultare un medico specialista in caso di sintomi. 

Se si entra in contatto con una persona infetta, ricorda l'UFSP, bisogna proteggersi. Come per tutte le malattie infettive, l'igiene è particolarmente importante: ci si deve lavare e disinfettare le mani più spesso.

Sul suo sito web, l'UFSP raccomanda anche di isolare e testare i casi sospetti.

Quanto è contagioso il vaiolo delle scimmie rispetto al Covid?

Considerando l'attuale aumento di infezioni, le catene dettagliate di contagio non sono ancora chiare. Per ora la trasmissione del vaiolo delle scimmie non sembra avvenire attraverso l'aerosol, (quindi per via aerea) affermano gli esperti. «Sulla base di ciò che si sa sul virus, si può presumere che sia meno trasmissibile del Covid», afferma Nartey alla SRF.

La trasmissione da persona a persona è possibile solo con uno stretto contatto, ma può avvenire anche attraverso il contatto con fluidi corporei o croste di persone infette.

Le persone infette devono mettersi in isolamento?

I primi Paesi colpiti dal virus stanno iniziando con le vaccinazioni e stanno già fissando dei lunghi periodi di quarantena. L'autorità sanitaria britannica UKHSA raccomanda un periodo di quarantena di tre settimane per chi ha avuto contatti stretti con delle persone infette.

Le autorità belghe stanno ordinando un isolamento di 21 giorni per le persone infette, ha confermato lunedì un portavoce del ministero della salute. Questo non si applica alle persone di contatto, a cui si consiglia solo di prestare particolare attenzione. Non ci sono ancora raccomandazioni simili in Germania, ma sono in arrivo.

È in arrivo la prossima pandemia?

Nel complesso, il vaiolo delle scimmie sta gradualmente acquisendo un'importanza globale, affermano i ricercatori. Al momento non è possibile prevedere però se il virus occupi la nicchia liberata dall'eradicazione della malattia del vaiolo.

Al momento non ci sono indicazioni che «siamo di fronte a una nuova pandemia», afferma Nartey ai microfoni della SRF. Ma la situazione deve essere monitorata. Per il professore di infettivologia Jan Fehr, questa sensibilizzazione è importante per «avere un buon futuro». Ci saranno più malattie del genere, «almeno questa è la mia prognosi».

Redatto con materiale delle agenzie di stampa Keystone-ATS e DPA.

Immagine d'illustrazione
Eruzione cutanea sulla mano di un bambino causata dal vaiolo delle scimmie (foto d'archivio).
Keystone