Covid, cosa si sa finora della nuova variante B.1.1.529?

toko / pab

26.11.2021

Immagine illustrativa: sequenziamento di campioni di coronavirus in un laboratorio svizzero: la diffusione di una nuova variante, probabilmente molto pericolosa, del coronavirus nell'Africa meridionale ha causato preoccupazione a livello internazionale.
Immagine illustrativa: sequenziamento di campioni di coronavirus in un laboratorio svizzero: la diffusione di una nuova variante, probabilmente molto pericolosa, del coronavirus nell'Africa meridionale ha causato preoccupazione a livello internazionale.
EPA/Nic Bothma/Keystone

La nuova variante del Covid, la B.1.1.529, sta causando grande preoccupazione tra i virologi di tutto il mondo. Diversi paesi hanno già limitato drasticamente i loro viaggi in Sudafrica. Perché la nuova variante è così pericolosa e cosa fa la Svizzera?

toko / pab

26.11.2021

La diffusione di una nuova variante del Covid, forse più pericolosa, in Africa meridionale ha causato preoccupazione internazionale. Diversi paesi hanno già imposto restrizioni di viaggio.

Si evocano già i ricordi della comparsa della variante Delta, quando si sono limitati i viaggi aerei in tutto il mondo.

I primi casi con la nuova variante sono già apparsi in Israele e Hong Kong, e venerdì pomeriggio il primo caso in Europa è stato registrato in Belgio, dove i politici erano già preoccupati in precedenza. «Dobbiamo guadagnare tempo. Niente c'è nulla di peggio di una nuova variante in un'ondata in corso», ha scritto l'esperto tedesco e possibile nuovo ministro della salute Karl Lauterbach su Twitter. 

Perché la nuova variante è così pericolosa e come sta reagendo la Svizzera? Le risposte alle domande più importanti:

Perché gli esperti sono così preoccupati?

La variante desta preoccupazione soprattutto per l'alto numero di mutazioni. Secondo i virologi, la B.1.1.529 ha 30 mutazioni della cosiddetta proteina Spike, rispetto a poco meno della metà della variante Delta globalmente dominante.

Per il ministro della salute sudafricano è già chiaro che la B.1.1.529 è di «seria preoccupazione». La variante è la causa dell'aumento esponenziale delle nuove infezioni in Sudafrica.

Ma non è solo il maggiore potenziale di infezione che preoccupa i ricercatori: è anche possibile che la nuova variante possa penetrare più facilmente lo scudo protettivo dei vaccini.

James Naismith, professore di biologia strutturale all'Università di Oxford, ritiene che i vaccini anti-Covid attualmente disponibili siano «quasi certamente» meno efficaci contro la nuova variante B.1.1.529. L'esperto britannico lo ha dichiarato al programma radiofonico BBC 4 Today venerdì mattina.

La scienziata Susan Hopkins dell'Imperial College di Londra ha descritto la nuova variante come «la più preoccupante che abbiamo mai visto». Hopkins ha detto alla BBC che il tasso di trasmissione, l'ormai «famoso» valore R, registrato in Sudafrica finora è 2, che è simile ai valori all'inizio della pandemia. Tuttavia, sono ancora necessari più dati.

Dove è stata scoperta la B.1.1.529?

Finora, circa 100 casi della nuova variante sono stati rilevati in Sudafrica, la maggior parte dei quali nella provincia più popolosa di Gauteng. Secondo gli scienziati, i risultati dei laboratori diagnostici indicano che si è diffuso rapidamente nel Gauteng e potrebbe già essere presente nelle altre otto province sudafricane.

Quattro casi della nuova variante sono stati rilevati anche nel vicino Botswana. Si tratta di cittadini stranieri che erano arrivati in Botswana in missione diplomatica e che da allora hanno lasciato nuovamente il paese.

Come reagisce l'OMS?

In risposta alla nuova variante B.1.1.529, l'organizzazione sanitaria dell'ONU, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), raccomanda misure e valutazioni del rischio scientificamente valide, ma attualmente nessuna restrizione di viaggio.

Il portavoce dell'OMS Christian Lindmeier ha detto venerdì a Ginevra che gli Stati potrebbero prendere una serie di misure per contenere la diffusione di nuove varianti anche senza tali restrizioni. I provvedimenti includono un attento monitoraggio dei modelli di infezione e l'analisi genetica dei casi di Covid emergenti.

«L'OMS sta monitorando da vicino la variante B.1.1.529», ha detto un portavoce. «Ci vorranno alcune settimane per capire quale impatto ha questa variante. I ricercatori stanno lavorando per capire di più sulle mutazioni e cosa significano potenzialmente per quanto sia trasmissibile o virulenta questa variante e come possono avere un impatto su diagnostica, terapie e vaccini», ha concluso.

«In questa fase, ci sono riserve sulle restrizioni di viaggio», ha detto Lindmeier durante una conferenza stampa, riferendosi alle corrispondenti raccomandazioni dell'OMS fino ad oggi, secondo cui le misure anti Sars-CoV-2 non dovrebbero ostacolare inutilmente il traffico internazionale e i viaggiatori non dovrebbero essere automaticamente classificati come casi sospetti.

Secondo l'OMS, ci vogliono diverse settimane per determinare la trasmissibilità della variante B.1.1.529 e l'efficacia dei vaccini. «Non ne sappiamo ancora molto», spiega la loro esperta Maria van Kerkhove. «Quello che sappiamo è che la variante ha un gran numero di mutazioni».

C'è preoccupazione, dice, che questo possa influenzare il comportamento del virus. Quindi l'OMS non ha ancora deciso se classificare o meno il nuovo virus come una variante preoccupante. Finora, l'OMS ha identificato quattro «varianti di preoccupazione»: Alfa, Beta, Gamma e Delta.

Cosa dice l'Agenzia del farmaco europea?

«È prematuro» prevedere al momento se per la nuova variante sudafricana del Covid sia necessario un adattamento dei vaccini. È quanto dichiara Ema, l'Agenzia del farmaco europea.

«Le informazioni attuali – hanno spiegato all'agenzia itaiana ANSA fonti dell'Ema – sono insufficienti per determinare se questa variante si diffonderà in modo significativo e fino a che punto potrebbe eludere l'immunità ricevuta con i vaccini» .

Al momento è «prematuro prevedere la necessità di un vaccino adattato con una composizione diversa per affrontare questa variante emergente. Se si dimostrasse che una nuova variante mutata elude l'immunità e si diffonde rapidamente nei luoghi in cui la variante Delta è predominante – proseguono dall'Agenzia – diventerebbe rilevante avviare le attività relative all'aggiornamento dei vaccini».

Cosa stanno facendo l'Europa e il mondo?

Molti paesi, come Italia, Spagna e Regno Unito hanno già limitato drasticamente i viaggi in Sudafrica e nei paesi circostanti. La Germania, per esempio, permetterà alle compagnie aeree di far rientrare i cittadini nel paese solo a partire da sabato. 

Gli Stati Uniti potrebbero anche imporre presto delle restrizioni sui viaggi: «È certamente qualcosa a cui si sta pensando e per cui ci si sta preparando», ha detto il consigliere del presidente alla CNN.

La Commissione dell'UE vuole mantenere al minimo assoluto i viaggi dall'Africa meridionale. L'autorità di Bruxelles proporrà agli Stati dell'UE di attivare il freno d'emergenza previsto per questo scopo al fine di sospendere il traffico aereo, la presidente della Commissione UE Ursula von der Leyen lo ha annunciato su Twitter.

Cosa sta facendo la Svizzera?

L'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ha detto venerdì mattina che la situazione attuale è stata «analizzata». Secondo l'UFSP, la valutazione dell'OMS sulla variante del Covid e la sua pericolosità avrà anche un'influenza sull'ulteriore linea d'azione della Svizzera.

Secondo la Task force scientifica della Confederazione, il potenziale di sfondare le difese della vaccinazione è maggiore. Tuttavia, il numero di casi in Sudafrica è ancora piuttosto basso, anche se la B.1.1.529 sembra guadagnare terreno contro la Delta. Per ora se la variante si stia diffondendo più velocemente della Delta non è ancora chiaro. La velocità di diffusione potrebbe anche dipendere dalla copertura vaccinale.

Secondo Neher Stellen, esperto di varianti della task force, molti di questi cambiamenti riguardano la proteina a cui si legano gli anticorpi. È quindi concepibile che la variante sia «altamente trasmissibile e che sfugga a parti della risposta immunitaria».

Vietati i voli diretti dall'Africa australe

In serata la Svizzera ha deciso di vietare tutti i voli diretti dall'Africa australe da oggi alle 20.00 per evitare la diffusione della variante. L'Ufficio federale dell'aviazione civile può concedere permessi eccezionali per il rimpatrio di cittadini svizzeri o di persone che hanno un permesso di soggiorno in Svizzera.

I viaggiatori provenienti dalla regione del Sudafrica e da altri paesi dove la variante è stata già rilevata, come Hong Kong, Israele e Belgio, devono presentare un test Covid 19 negativo al momento dell'imbarco e dell'ingresso in Svizzera, anche se sono vaccinati o guariti. Una quarantena di 10 giorni è imposta a tutti coloro che arrivano da questi paesi.

Redatto con materiale delle agenzie DPA, ATS e AFP.