«Dopo due settimane di tempo normale, sarà tutto dimenticato»

Di Gil Bieler

22.7.2021

Lago Bienne
Anche il livello dell'acqua del lago di Bienne ha raggiunto un livello critico la settimana scorsa.
KEYSTONE

Le recenti tempeste possono essere state violente - ma una nuova ondata verde nella politica svizzera è ancora improbabile, secondo il politologo Thomas Milic. E rende attenti i Verdi da aspettative eccessive.

Di Gil Bieler

22.7.2021

Le recenti tempeste reinseriranno la questione del cambiamento climatico nell'agenda politica?

Il cambiamento climatico è stato uno dei temi dominanti per molto tempo, ma nell'ultimo anno e mezzo è stato superato dalla pandemia di Covid. Le forti piogge e le inondazioni dell'ultima settimana avranno fatto ripensare ad alcune persone alla politica climatica. Ma realisticamente parlando, è probabile che rimangano incidenti isolati.

Anche se sono state le intemperie più gravi degli ultimi anni?

Nonostante la loro gravità, le intemperie erano locali e spesso limitate nel tempo. Quando seguono due settimane di tempo estivo «normale», la maggior parte delle persone se ne dimentica rapidamente, come sappiamo per esperienza pratica. Inoltre, possono venire rapidamente alla ribalta altri problemi. Ci sono sempre altre questioni che sono più immediate nella percezione di molte persone. Questo è un primo punto.

Il politologo
Il politologo Thomas Milic ricorda il voto sull'iniziativa per l'immigrazione di massa:
Istituto del Liechtenstein

Thomas Milic è un politologo e lavora all'Istituto di Scienze Politiche dell'Università di Zurigo e all'Istituto del Liechtenstein.

E l'altro?

Affinché ci sia un cambiamento d'opinione sul tema del mutamento climatico, si deve prima vedere una connessione causale tra queste tempeste e il surriscaldamento causato dall'uomo. E ancora di più, farsi la domanda: cosa possiamo fare per contrastare il fenomeno? Credo che questa connessione sarà fatta solo da coloro i quali ritenevano già prima come fondamentale la questione della protezione dell'ambiente. Altri probabilmente non faranno questo legame.

Sui loro canali di social media, i Verdi stanno ora cercando di fare proprio questo collegamento.

È chiaro. E i loro successi elettorali dimostrano che stanno facendo alcune cose giuste: i Verdi sono stati in grado di ottenere risultati spettacolari nelle elezioni del Consiglio nazionale del 2019, anche se principalmente hanno rubato elettori al PS. Tuttavia, penso che non sia realistico credere che un periodo burrascoso porterà a un drammatico sconvolgimento del panorama politico. Gli atteggiamenti verso la politica ambientale sono troppo radicati perché ciò accada e il nostro sistema politico in generale è semplicemente troppo stabile.

Quindi esclude una nuova ondata verde?

Naturalmente non si possono escludere conquiste di voti a breve termine. Ma non è probabile che queste tempeste cambino troppo la situazione politica generale, soprattutto in termini di quota di elettori. Ci vorrebbe più di questo. Anche la pandemia di Covid, che è un evento che ha colpito direttamente e immediatamente tutte le persone nella loro vita quotidiana, difficilmente ha portato a grandi cambiamenti nelle elezioni in tutta Europa. Nel caso di un incidente locale e limitato nel tempo, questo effetto si esaurisce abbastanza rapidamente.

Recentemente, i Verdi hanno dovuto accettare più sconfitte, per esempio nelle votazioni sulla legge sul CO2 e sulle iniziative sui pesticidi. Cosa c'è che non va?

Bisogna fare attenzione: il partito dei Verdi è ormai alla pari con l'Alleanza del Centro in Svizzera, è uno dei cinque grandi partiti del Paese. Allo stesso tempo, però, è lontano dal raggiungere una quota di elettori del 50%. Anche se si include il PS, che spesso prende la stessa posizione sulle questioni ambientali, il campo della sinistra-verde è una minoranza. In questo senso, è già un successo per gli ecologisti se ottengono poco meno del 40% dei voti a favore delle iniziative sui pesticidi. Anche se questo può sembrare un fallimento , forse a causa di aspettative esagerate.

Quindi non vede i Verdi in crisi?

Dipende sempre da cosa si usa come metro di misura: la quota di elettori dei Verdi a livello nazionale, che è del 13,2%, o le aspettative? A volte queste ultime sembrano essere esagerate. Non voglio fare un rimprovero ai media, ma sulla base della copertura mediatica si potrebbe pensare che, ad esempio, i giovani siano uniti dietro tutte le richieste del movimento per la protezione del clima. Tuttavia, i primi sondaggi sulla legge sul CO2 mostrano che il comportamento di voto dei giovani è stato diverso, e che soprattutto l'affluenza è stata piuttosto sobria.

Cosa ci dice questo?

Che ci sono ovviamente molti giovani che non sono particolarmente interessati alla questione climatica. I dati dei registri di varie città e cantoni mostrano che più della metà dei giovani non si è recata alle urne per dire la sua appunto sulla legge sul CO2. Quello che voglio dire con questo è che il movimento per il clima probabilmente non è così grande in termini di numeri come a volte viene fatto credere. Ecco perché, tuttavia, i risultati di voto per le questioni ecologiste appaiono deludenti nonostante percentuali di sì del 40-45%, anche se realisticamente parlando non lo sono.

Essendo ora uno dei cinque grandi partiti, si discuterà di nuovo di un seggio per i Verdi in Consiglio federale?

I Verdi hanno già rivendicato un seggio in Consiglio federale dopo le elezioni del 2019. All'epoca, sapevano che le loro possibilità di vincere erano scarse fin dall'inizio. Per ottenere un seggio in Governo nel nostro Paese si deve contare principalmente sulla buona volontà degli altri partiti, il che è una peculiarità svizzera.

La tendenza degli altri partiti era quella di voler aspettare e vedere se i Verdi potevano confermare il loro successo elettorale nel 2023. Se gli ecologisti ce la faranno, dipenderà anche da chi saranno i perdenti alle prossime elezioni e da chi dovrebbe rinunciare a un seggio. A nessuno piace farlo. E se fosse il PS, dal momento che i Verdi guadagnano principalmente voti dal campo socialista? Questo potrebbe portare a una prova di forza nel campo della sinistra. Ma questi, adesso, sono solo delle supposizioni.

Supponiamo che i Verdi possano avere successo di nuovo nel 2023...

... allora la richiesta di un seggio dei Verdi in Consiglio federale diventerà ancora più forte. E le possibilità che lo ottengano saranno certamente maggiori che nel 2019.