Elettricità: consumo 2018 sceso dell'1,4%

18.4.2019 - 11:18, ATS

Malgrado lo sviluppo economico (PIL +2,5%) e la crescita demografica (+0,7%), il consumo elettrico in Svizzera nel 2018 è diminuito grazie all'aumento dell'efficienza energetica e alle condizioni meteorologiche più clementi.
Source: KEYSTONE/ARNO BALZARINI

Il consumo di elettricità in Svizzera nel 2018 è stato inferiore dell'1,4% rispetto all'anno precedente. La contrazione corrisponde al consumo annuo di circa 167'200 economie domestiche. In totale è stato di 57,6 miliardi di chilowattora (mia kWh).

Nonostante lo sviluppo economico (PIL +2,5%) e la crescita demografica (+0,7%), il consumo elettrico è diminuito grazie all'aumento dell'efficienza energetica e alle condizioni meteorologiche più clementi (circa il 10% dell'elettricità è impiegato per i riscaldamenti), sottolinea un comunicato odierno dell'Ufficio federale dell'energia (UFE).

La produzione nazionale (al netto del consumo delle pompe di accumulazione) è stata di 63,5 miliardi di kWh. Le centrali idroelettriche hanno generato il 55,4% dell'elettricità, quelle nucleari il 36,1% e le centrali termiche convenzionali e rinnovabili l'8,5%.

L'eccedenza delle esportazioni si è attestata a 1,6 mia kWh e lo scambio con l'estero ha registrato un bilancio positivo di 277 milioni di franchi. Nel 2017 c'era invece stata un'eccedenza dell'import di 5,6 mia kWh, con un disavanzo della bilancia commerciale di 217 milioni di franchi.

Secondo l'Amministrazione federale delle dogane (AFD), i proventi dell'export sono stati di 2,067 miliardi di franchi (6,13 ct./kWh). Le importazioni sono costate 1,790 miliardi (5,52 ct./kWh).

Tornare alla home page

Altri articoli