Fuga di notizie sui caccia

«Il Consiglio federale dovrebbe sporgere denuncia»

Di Alex Rudolf

22.6.2021

Si dice che il jet F-35 abbia convinto il DDPS, secondo i media. (Immagine d'archivio)
Si dice che il jet F-35 abbia convinto il DDPS, secondo i media. (Immagine d'archivio)
KEYSTONE/AP/Ana Brigida

Il Consiglio federale annuncerà presto la sua scelta del jet da combattimento: secondo i media, sarà l'aereo F-35. Il fatto che il processo decisionale si svolga ora in pubblico allarma alcuni politici della sicurezza.

Di Alex Rudolf

22.6.2021

È stato l'argomento di conversazione oggi durante la pausa alla riunione della Commissione della politica di sicurezza (CPS), dice Priska Seiler Graf (PS/ZH).

La questione di come le informazioni segrete riguardanti l'acquisizione di nuovi jet da combattimento possano essere trapelate ai media è al centro delle preoccupazioni dei parlamentari. «L'indiscrezione deve provenire dallo stretto entourage di un consigliere federale», dice la consigliera nazionale. Non c'è altro modo per spiegarlo.

La presidente della CPS Ida Glanzmann (Il Centro/LU) definisce la fuga di notizie un disastro: «Il Consiglio federale presto non potrà più discutere di alcun affare fino alla sua conclusione senza che il pubblico lo scopra?».

«È un casino»

«Già nel periodo precedente alle sue decisioni sulle misure contro il Covid ci sono state numerose indiscrezioni, il che è una vergogna», dice il membro della CPS Erich Hess (UDC/BE). Il Consiglio federale deve trovare le fughe di notizie e presentare una denuncia contro ignoti.

La consigliera nazionale del PS di Zurigo Priska Seiler Graf alla presentazione delle firme del referendum contro l'acquisto di nuovi jet da combattimento l'anno scorso.
La consigliera nazionale del PS di Zurigo Priska Seiler Graf alla presentazione delle firme del referendum contro l'acquisto di nuovi jet da combattimento l'anno scorso.
KEYSTONE

Secondo i media, l'acquisto dell'aereo da combattimento, per il quale il popolo ha votato 6 miliardi di franchi in settembre, è stato discusso nell'ultima riunione del Governo. Dei quattro tipi di aerei ancora da selezionare, si dice che l'F-35 del produttore statunitense Lockhead Martin si sia comportato meglio.

Quale tipo scelga la Svizzera è una questione che riguarda il Consiglio federale nel suo insieme, ma i media riferiscono che ci sono membri del governo che preferiscono un modello europeo. 

Manca il contesto

In realtà, questa discussione sarebbe dovuta avvenire a porte chiuse, ma ora tutta la Svizzera è al corrente dello stato delle cose. «Il problema è che la gente ora sta discutendo dell'aereo da combattimento senza conoscere il contesto in cui si sono svolte le cose», dice Glanzmann. La persona che ha fatto trapelare l'informazione al pubblico probabilmente voleva che fosse così.

Il consigliere nazionale Erich Hess (UDC/BE) è scioccato dalle indiscrezioni. (Immagine d'archivio) sda
Il consigliere nazionale Erich Hess (UDC/BE) è scioccato dalle indiscrezioni. (Immagine d'archivio) sda
KEYSTONE

Seiler Graf è consapevole che, come critica verso i caccia, l'indiscrezione e il rapporto dell'ex capo dell'esercito André Blattmann giocano a suo favore. «Questo ci permette di presentare ancora una volta i nostri argomenti», dice. Ma se questo avrà un'influenza sulla decisione del governo è impossibile da dire. 

Il PS, i Verdi e la Società per una Svizzera senza esercito (GSoA) hanno chiarito da tempo che avrebbero lanciato un referendum se l'F-35 fosse stato scelto. 

Ida Glanzmann è membro del Consiglio Nazionale di Lucerna per Il Centro.
Ida Glanzmann è membro del Consiglio Nazionale di Lucerna per Il Centro.
KEYSTONE/ Gaetan Bally

Erich Hess ha anche difficoltà a prevedere le conseguenze della fuga di notizie per la decisione sui jet da combattimento. «Possiamo solo sperare che il Consiglio federale non si faccia distrarre da tutto il clamore mediatico e arrivi alla decisione migliore per la Svizzera».

«Come può il Governo prendere seriamente una decisione su un jet da combattimento se non sa nemmeno maneggiare i documenti segreti?», chiede retoricamente Glanzmann.

Anche nel referendum di settembre, i sostenitori dei caccia da combattimento avevano un vantaggio sottilissimo del 50,1%. E ora che anche l'ex capo dell'esercito Blattmann ha messo in discussione apertamente i fondamenti per l'acquisto di aerei da combattimento e il referendum della sinistra che ormai è quasi certo a venire, comprare un jet non sarà affatto un gioco da ragazzi.