Fine dell'obbligo del telelavoro

Il datore di lavoro può esigere che io faccia il test?

tsha

27.5.2021

L'obbligo del telelavoro è tramutato in forte raccomandazione a partire da lunedì per tutte quelle aziende che faranno test di massa.
L'obbligo del telelavoro è tramutato in forte raccomandazione a partire da lunedì per tutte quelle aziende che faranno test di massa.
KEYSTONE

L'obbligo del telelavoro diventa una raccomandazione: cosa significa per i dipendenti?

tsha

27.5.2021

Il Consiglio federale ha avviato la seconda fase delle riaperture. Un passo che ha anche implicazioni per molti dipendenti. Per esempio, l'obbligo di lavorare da casa sarà eliminato da lunedì prossimo e convertito in una forte raccomandazione, anche se solo per quelle aziende che forniscono ai loro dipendenti almeno un test anti-Covid a settimana.

Come funzionano i test?

I test nelle aziende riducono il numero di casi positivi di Sars-CoV-2 della metà, secondo il Governo. Il costo non deve essere sostenuto dai dipendenti o dai datori di lavoro, ma dalla Confederazione.

Devo fare il test?

Per Serge Gnos del sindacato Unia è chiaro: «Legalmente non è ammissibile rendere i test obbligatori». È vero che i datori di lavoro sono responsabili di garantire la protezione dei loro dipendenti, ha detto Gnos a «blue News». Allo stesso tempo, però, deve anche garantire i diritti personali dei suoi collaboratori.

Gnos ritiene che obbligare i dipendenti a essere vaccinati non sia generalmente ammissibile, tranne che per i piloti o i medici negli ospedali, per esempio. Nel caso dei test, tuttavia, si potrebbe fare una distinzione. «Più il test interferisce con la mia integrità personale, più è critico essere giudicato», dice Gnos.

Per esempio, i test che implicano il prelievo di tamponi dal naso sono «relativamente problematici e possono essere fatti solo volontariamente». I test con la saliva, d'altra parte, sono meno difficili, ma anche in questo caso «le aziende dovrebbero farli su base volontaria».

Se un datore di lavoro dovesse comunque esigere un test dai suoi dipendenti, questi potrebbero «rifiutarsi», secondo il portavoce di Unia.

Per quanto tempo si applica l'obbligo dei test?

Secondo il Consiglio federale, l'obbligo dei test sarà applicato fino a quando «tutte le persone che lo desiderano saranno state vaccinate». In altre parole, fino alla fine della seconda fase del modello a tre fasi adottato dal Governo. Solo allora potrebbero entrare in vigore ulteriori riaperture.

Quali misure si applicano sul posto di lavoro?

Oltre all'obbligo di test, le note misure precauzionali si applicano alle aziende. Secondo l'Esecutivo, questi includono l'uso di mascherine igieniche, la regolare ventilazione dei locali, la disinfezione e la pulizia delle superfici e delle mani e la separazione fisica dei vari gruppi di lavoro. 

Ecco come reagiscono i datori di lavoro

La decisione del Consiglio federale è accolta con favore da economiesuisse. L'organizzazione mantello dell'economia svizzera scrive in un comunicato che la riapertura arriva «non troppo presto». Anche l'Unione svizzera delle arti e mestieri (USAM) sostiene la decisione del Governo. I rappresentanti delle piccole e medie imprese chiedono un rapido «ritorno alla normalità».

Nonostante la loro gioia per le riaperture, tuttavia, entrambe le associazioni sono anche critiche nei confronti della decisione del Consiglio federale. Sia economiesuisse che l'USAM criticano l'obbligo di testare i dipendenti. Le associazioni avvertono di un alto carico burocratico per le aziende se i dipendenti sono testati una volta alla settimana per il Covid. 

Ci sarà ancora il telelavoro in futuro?

Anche se l'obbligo del telelavoro finisce lunedì prossimo, molti svizzeri continueranno probabilmente a lavorare tra le loro quattro mura anche in futuro. Non solo perché la raccomandazione del Governo di rimanere a casa quando possibile continuerà a essere applicata, ma anche perché pure i rappresentanti dell'industria credono che l'home office prevarrà anche a lungo termine.

Balz Stückelberger dell'Associazione dei datori di lavoro delle banche, per esempio, ha detto alla televisione svizzero tedesca SRF che molti dipendenti del suo settore rimarranno a casa almeno una parte del tempo in futuro. Allo stesso tempo, Stückelberger avverte: «Per le persone che lavorano principalmente a casa, gli svantaggi superano i benefici. Questo porta all'isolamento, al disimpegno e all'alienazione dal datore di lavoro».