Proteste

Il giornalista della RTS in Cina: «Verrò portato in polizia dopo questo duplex»

Paolo Beretta

28.11.2022

In Cina, la tensione è al culmine e la polizia è all'erta da quando domenica sono scoppiate in diverse città le proteste contro la politica draconiana del regime «zero Covid». I giornalisti della RTS e della BBC ne hanno avuto un'amara esperienza.

Il giornalista della RTS ha vissuto una serata movimentata in Cina.
Il giornalista della RTS ha vissuto una serata movimentata in Cina.
Screenshot video RTS

Paolo Beretta

28.11.2022

Il corrispondente della RTS in Cina, Michael Peuker, ha avuto a che fare con la polizia di Pechino durante un intervenuto di domenica sera in diretta al «19:30», il telegiornale romando. «Qui la tensione è al culmine. Prova di questo è che ora sono circondato da tre poliziotti, verrò portato in una stazione di polizia dopo questo duplex», ha spiegato in diretta, prima di proseguire: «Le forze dell'ordine sono davvero all'erta. Vi lascio e li raggiungo al posto di polizia».

Fortunatamente, il giornalista svizzero è riuscito rapidamente a riconquistare la sua libertà, indica RTS sul suo sito web. Su Twitter, il corrispondente ha pubblicato i dettagli su quanto avvenuto.

Arrestato e picchiato il corrispondente della BBC

Il gruppo mediatico britannico BBC ha riferito domenica che uno dei suoi reporter in Cina, che stava seguendo le proteste a Shanghai contro la politica molto rigida del regime «zero Covid», è stato arrestato e «picchiato dalla polizia».

«La BBC è molto preoccupata per il trattamento del nostro giornalista Ed Lawrence che è stato arrestato e ammanettato mentre copriva le proteste a Shanghai», ha detto un portavoce del gruppo in una dichiarazione inviata all'AFP. Secondo lui, «è stato picchiato e colpito dalla polizia» mentre lavorava come giornalista accreditato nel Paese.

«Nessuna spiegazione ufficiale»

Centinaia di persone hanno manifestato questo fine settimana in Cina in diverse grandi città, tra cui Shanghai e Pechino, per protestare contro i confinamenti e le restrizioni imposte dalle autorità per combattere l'epidemia di SARS-CoV-2.

Il portavoce ha spiegato che la BBC, riguardo al trattamento del reporter, non ha avuto «nessuna spiegazione ufficiale o scuse da parte delle autorità cinesi, al di là di un'affermazione da parte di funzionari che successivamente lo hanno rilasciato, che lo avrebbero arrestato per il suo bene, nel caso avesse preso il Covid (nel mezzo) della folla».«Non la consideriamo una spiegazione credibile», ha aggiunto.

«Almeno un cittadino (cinese) è stato arrestato dopo aver cercato di impedire alla polizia di picchiarmi», ha twittato Lawrence lunedì. Il giornalista è poi tornato sul luogo delle proteste, secondo i video pubblicati sul suo account Twitter.

Pechino ha assicurato lunedì che Lawrence non si era identificato come giornalista. «Secondo quanto abbiamo appreso dalle autorità competenti di Shanghai, non si è identificato come giornalista e non ha presentato volontariamente il suo accredito stampa», ha detto Zhao Lijian, portavoce del ministero degli Esteri, domandando ai media stranieri di «rispettare le leggi e i regolamenti cinesi durante il loro soggiorno in Cina».