In calo l'immigrazione in Svizzera

ATS

4.8.2020 - 11:41

Nel primo semestre 2020 l'immigrazione in Svizzera è diminuita. Immagine d'archivio.
Source: KEYSTONE/ANTHONY ANEX

Nel primo semestre 2020 l'immigrazione in Svizzera è diminuita del 5,7% rispetto allo stesso periodo del 2019. L'emigrazione è invece diminuita del 14,4%, si legge in un comunicato odierno della Segreteria di Stato della migrazione (SEM).

Il saldo migratorio degli stranieri residenti a titolo permanente si è attestato a 25'995 persone, segnando un aumento di 1323 persone rispetto al primo semestre 2019. Quello dei cittadini UE/AELS/UK è aumentato di 2281 persone.

La pandemia di coronavirus e le misure di protezione adottate dalla Svizzera e dalla maggior parte degli altri Paesi hanno avuto un effetto considerevole sui moti migratori, sottolinea la SEM. Nei mesi di aprile e maggio il numero di persone immigrate in Svizzera rispetto all'anno scorso è diminuito rispettivamente del 28% (5132) e del 42% (4208). Anche in giugno le cifre sono inferiori rispetto al 2019 (6460, -8%).

Significativa la diminuzione per quel che riguarda l'emigrazione, con una contrazione in aprile del 34% (3800 persone) e in maggio del 19% (4212). Stesso discorso per il mese di giugno (5838, -10%). Il saldo migratorio leggermente attivo si spiega con il livello elevato dell'immigrazione tra gennaio e febbraio e con il calo dell'emigrazione in aprile e maggio, dovuto in particolare alla limitazione delle possibilità di spostamento.

I bisogni dell'economia

L'immigrazione di lavoratori dell'UE/AELS/UK, sottolinea ancora la SEM, ha contribuito a rispondere ai bisogni dell'economia svizzera. Dai dati emerge che i gruppi professionali che assicurano la disponibilità di beni e servizi essenziali sono stati esclusi dalle restrizioni. Ad esempio, il calo dell'immigrazione è stato più basso nell'agricoltura e nel settore sanitario che non nei settori edile, alberghiero o della ristorazione.

Sempre nel primo semestre, 16'363 persone sono entrate in Svizzera nel quadro del ricongiungimento familiare. Il numero di permessi rilasciati in questo contesto è sceso del 7,6% su base annua. A fine giugno vivevano in Svizzera a titolo permanente 2'128'812 stranieri, di cui 1'455'231 cittadini dell'UE/AELS/UK.

Tornare alla home page