Pirati della strada

«La punizione degli eccessi di velocità ha un effetto preventivo»

Lukas Meyer

5.5.2021

È importante che la polizia tolga i pirati della strada dal traffico prima che si verifichino incidenti gravi. (Immagine simbolica)
È importante che la polizia tolga i pirati della strada dal traffico prima che si verifichino incidenti gravi. (Immagine simbolica)
Polizia cantonale Friburgo / archivio

Dodici persone sono state arrestate a Zurigo per eccesso di velocità. Questo tipo di reati sono in aumento, ma tuttavia i pirati della strada potrebbero presto essere puniti di nuovo meno severamente.

Lukas Meyer

5.5.2021

La polizia cantonale di Zurigo è riuscita a infliggere un duro colpo contro gli eccessi di velocità. Ha arrestato undici uomini e una donna che guidavano fino a 287 chilometri all'ora in gare illegali.

L'Ufficio del pubblico ministero ha aperto un procedimento penale per reati di eccesso di velocità in tutti e 12 i casi. Tre degli arrestati sono ancora in custodia, quindi non possono colludere. Le auto truccate sono state sequestrate.

Tali azioni inviano un segnale forte, conferma Mike Egle della Fondazione RoadCross Svizzera, che si occupa in prevalenza di prevenzione, in un'intervista a «blue News». «È molto importante, perché la punizione delle infrazioni per eccesso di velocità ha un effetto preventivo». Se un comportamento viene punito duramente, la gente ci pensa due volte, secondo Egle. Le leggi, insomma, hanno un effetto.

Gli incidenti a grande velocità di solito finiscono drammaticamente, aggiunge: «Spesso provocano morti e feriti gravi, mostrandone  l'insensatezza e trovano spazio sui media». Il che è una buona cosa, afferma, perché attira l'attenzione sul problema.

Infrazioni per eccesso di velocità in aumento

Le infrazioni per eccesso di velocità sono in aumento, ha detto il procuratore di Zurigo Michael Huwiler in una trasmissione della SRF. Quest'anno, per esempio, nel cantone di Zurigo sono già stati aperti 40 procedimenti per infrazioni d'eccesso di velocità, rispetto ai 25 dello stesso periodo dell'anno scorso. La polizia è più attiva con i controlli, ma il numero di casi di eccesso di velocità è probabilmente aumentato. È importante togliere dalla circolazione i pirati della strada prima che si verifichino incidenti gravi.

Anche a San Gallo la polizia cantonale ha notato un aumento di queste infrazioni negli ultimi dodici mesi rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, come hanno fatto sapere rispondendo a «blue News» le autorità sangallesi: «Questa osservazione è stata fatta in particolare durante il periodo della pandemia con volumi di traffico ridotti. Le strade parzialmente vuote invogliavano la gente a guidare più velocemente». Tuttavia, l'aumento può anche essere spiegato dal fatto che sono state create più risorse per indagare sulle infrazioni di velocità.

Il Parlamento vuole modificare Via Sicura

Secondo la legge, sono attualmente considerati pirati della strada coloro i quali guidano oltre i 70 orari in una zona limitata a 30 km/h o 100 sui 50 km/h nei centri abitati. Se il limite è di 60 km/h, si è un pirata della strada quando si superano i 140, e quando si vanno oltre i 160 km/h nelle zone limitate a 80 km/h.

Dall'introduzione del pacchetto di norme sulla sicurezza stradale di Via Sicura nel 2013, questi reati sono stati puniti con una sospensione della patente di almeno due anni e una pena detentiva minima di un anno con la condizionale.

Queste leggi sono basate sulle richieste dell'iniziativa popolare «Protezione contro i pirati della strada». RoadCross Svizzera l'aveva presentata nel 2011. Il Consiglio federale l'ha respinta, ma ha incorporato gran parte delle preoccupazioni nel suo pacchetto Via Sicura. Di conseguenza, l'iniziativa è stata ritirata.

Lo scorso dicembre si è concluso il processo di consultazione per un pacchetto di revisioni della legge sulla circolazione stradale, che include anche adeguamenti al pacchetto di misure di Via Sicura. Tra le altre cose, queste prevedono che i trasgressori della prima volta siano multati invece che imprigionati e che debbano rinunciare alla loro patente di guida solo per sei mesi.

Più poteri discrezionali ad autorità di esecuzione e tribunali

Lo scopo è di dare alle autorità di esecuzione e ai tribunali più poteri discrezionali. Il Consiglio federale prevede di presentare il relativo messaggio al Parlamento entro la fine dell'anno.

«Crediamo che questo comprometterebbe la sicurezza stradale», dice Mike Egle di RoadCross. «In questo modo l'effetto preventivo delle pene elevate potrebbe essere indebolito». Con questi aggiustamenti, gli incidenti gravi aumenterebbero, ha affermato al giornale «20 Minuten» anche Jürg Boll, che è diventato noto come un «cacciatore di pirati della strada».

«Con la proposta, non ci sarebbe praticamente alcuna distinzione tra una grave violazione delle regole del traffico e il reato di eccesso di velocità», ha detto l'ex procuratore di Zurigo. Il reato di eccesso di velocità sarebbe quindi secondo lui un esercizio di alibi.

Il consigliere nazionale ticinese dell'Alleanza di Centro Fabio Regazzi ha invece detto che l'attuale regolamento è «eccessivo, troppo severo e troppo rigido» e lascia ai giudici troppo poca discrezione. Anche se un palese eccesso di velocità non ha messo in pericolo nessuno e nessuno si è fatto male, sono minacciate severe sanzioni: «Il che è sproporzionato».

Gestione più flessibile delle sanzioni

Il Consiglio federale ha recentemente messo in consultazione due emendamenti che si applicherebbero solo alle infrazioni minori del traffico. Nel caso della sospensione della patente, la procedura sarà più rapida e in alcuni casi meno severa.

Nel caso di autisti privati, le autorità dovrebbero decidere entro dieci giorni se la licenza deve essere ritirata. I conducenti professionisti potrebbero, in certe circostanze, continuare a guidare nonostante la revoca della loro licenza. E questo con lo scopo di evitare che gli interessati rischino il loro posto di lavoro.

RoadCross Svizzera è piuttosto critica nei confronti dell'attuale consultazione. «Fondamentalmente, pensiamo che lo status quo sia buono», dice Mike Egle. Soprattutto nel caso di autisti professionisti, bisogna chiedersi se è giusto che a qualcuno venga ritirata la patente per un'infrazione, ma poi trasporti persone per professione: «Una persona così non dovrebbe avere una maggiore consapevolezza della sicurezza stradale?».