Gli emigranti tedeschi raccontano «La Svizzera è una miniera d'oro: qui regnano condizioni paradisiache»

vab

18.6.2024

Niklas Nowak viene dalla Germania e da anni lavora e vive in Svizzera. Le condizioni ideali per lui.
Niklas Nowak viene dalla Germania e da anni lavora e vive in Svizzera. Le condizioni ideali per lui.
Youtube/ZDFheute

L'emittente germanica ZDF ha mostrato in un recente reportage i cittadini tedeschi che lavorano in Svizzera. Nel servizio si vede anche come si sentono gli abitanti delle regioni di confine e come la Germania tragga vantaggio dagli svizzeri che fanno acquisti nel loro territorio.

vab

18.6.2024

Hai fretta? blue News riassume per te

  • In un reportage, l'emittente ZDF mostra come i tedeschi lavorano nelle regioni di confine e quanto sia più redditizio per loro avere un lavoro in Svizzera.
  • Più di 300.000 tedeschi vivono attualmente nella Confederazione. A questi si aggiungono 65.000 frontalieri.
  • Niklas Nowak, che lavora da anni a Zurigo e si definisce un «Fränklijäger» («un cacciatore di franchi») ne è convinto: «La Svizzera è una miniera d'oro».
  • Stefanie Brenzel è un'infermiera e guadagna di più con un lavoro a metà tempo in Svizzera che con un lavoro a tempo pieno in Germania.

Vivere nella regione di confine tra Svizzera e Germania non è per tutti facile, ma per Niklas Nowak una cosa è chiara: se si vuole lavorare molto e guadagnare un ottimo stipendio, la Svizzera è l'ideale, come ha dichiarato il 28enne in un servizio dell'emittente tedesca ZDF.

Niklas è uno degli oltre 300.000 tedeschi che si sono trasferiti in Svizzera. E attualmente ci sono 65.000 frontalieri germanici.

Il giovane tedesco vive e lavora a Zurigo da diversi anni ed è convinto di fare tutto bene. Nel programma della ZDF descrive la Svizzera come «una piccola oasi o un paradiso in Europa». «La Svizzera è una miniera d'oro», dice il germanico, che lavora al banco del check-in in aeroporto.

Nowak lavora all'aeroporto di Zurigo.
Nowak lavora all'aeroporto di Zurigo.
Youtube/ZDFheute

Nowak si definisce un «cacciatore di franchi». Dato che l'euro è diventato debole e il franco forte, lui insegue la moneta elvetica. Per lui questa è la «vibrazione di Zurigo» o lo «stile svizzero».

Il confronto mostra la nuda verità: in Germania Nowak guadagnava in media solo 1.800 euro netti per lo stesso lavoro, mentre qui in Svizzera dice di guadagnare fino a 6.000 franchi netti nei mesi di punta.

Tuttavia chi viene nella Confederazione per lavorare deve essere consapevole di questo: qui si lavora sodo. «In Svizzera si dà molto valore al rispetto, alla discrezione e al trattamento professionale dei clienti. In fondo, anche questi sono valori e qualità elvetici», spiega il 28enne alla ZDF.

Per i tedeschi al confine è più redditizio lavorare in Svizzera

Per il giovane tedesco la Svizzera realizza i suoi sogni. Per Stefanie Brenzel, anche lei tedesca, che lavora nel reparto oncologico dell'ospedale universitario di Basilea, il lavoro transfrontaliero lascia un retrogusto amaro in bocca.

Per alleviare i suoi sensi di colpa, come si vede nel servizio della ZDF, una volta alla settimana dà una mano al servizio infermieristico della sua città natale, Schopfheim.

Ma nello Stato elvetico la donna guadagna di più con un impiego a metà tempo che con uno a tempo pieno in Germania. Inoltre ha più tempo per i suoi pazienti e la pressione è minore.

Nella vicina Germania spesso aveva dieci o più sedute di chemioterapia al giorno, mentre oggi ne svolge due in una giornata normale. Le condizioni di lavoro svizzere sono semplicemente «paradisiache» per l'infermiera rispetto al passato.

Stefanie Brenzel proviene dalla regione di confine intorno a Basilea. Per l'infermiera, lavorare in Svizzera è più redditizio e le condizioni di lavoro sono migliori rispetto alla Germania.
Stefanie Brenzel proviene dalla regione di confine intorno a Basilea. Per l'infermiera, lavorare in Svizzera è più redditizio e le condizioni di lavoro sono migliori rispetto alla Germania.
Youtube/ZDFheute

Sul versante tedesco c'è un'enorme lacuna nell'offerta di personale infermieristico: «Naturalmente le persone vogliono anche sostenere la Germania, ma come possono farlo? Tutto è sempre più costoso e i soldi scarseggiano. È semplicemente più redditizio», ammette Brenzel alla ZDF.

Il 75% dei clienti proviene dalla Svizzera

Gli affari nelle regioni di confine sono redditizi anche per i rivenditori specializzati. Dopotutto i turisti dello shopping svizzeri portano una pioggia di soldi.

Alexander Müller è il direttore della filiale Edeka nel Rhein Centre di Weil am Rhein in Germania. E lui lo sa bene: «Il nostro negozio qui non sarà il più grande in termini di superficie, ma in termini di vendite siamo il numero uno a livello nazionale».

Grazie ai turisti dello shopping svizzeri, il negozio Edeka del Rhein Centre di Weil am Rhein, in Germania, è il numero uno a livello nazionale in termini di vendite, come spiega il direttore del negozio Alexander Müller.
Grazie ai turisti dello shopping svizzeri, il negozio Edeka del Rhein Centre di Weil am Rhein, in Germania, è il numero uno a livello nazionale in termini di vendite, come spiega il direttore del negozio Alexander Müller.
Youtube/ZDFheute

Con il 75% dei clienti provenienti dal Paese vicino, gli svizzeri sarebbero naturalmente «il punto di riferimento» per le vendite. La ZDF fornisce persino le cifre: gli elvetici generano 8,5 miliardi di euro all'anno di vendite al dettaglio nella regione tedesca di confine.

Secondo Müller, chi vuole avere il meglio di tutti i mondi vive nella regione di confine vicino a Basilea in Francia, fa shopping in Germania e lavora in Svizzera.

Anche Ahmet Dogan apprezza molto gli acquirenti svizzeri del Rhein Centre. Molti di loro sono clienti abituali da molti anni e contribuiscono al suo sostentamento. Il kebabbaro è l'anima buona del centro commerciale.

Ahmet Dogan gestisce un chiosco di kebab nel centro commerciale. È convinto che oggi la Svizzera sia una Germania migliore.
Ahmet Dogan gestisce un chiosco di kebab nel centro commerciale. È convinto che oggi la Svizzera sia una Germania migliore.
Youtube/ZDFheute

Per la generazione di Dogan, un tempo la Germania era la terra dei sogni. Oggi però molte cose sono cambiate in questo senso, dice nel reportage della ZDF: «La Germania era un Paese modello. Tutto era così giusto, così disciplinato». La Svizzera è ora una Germania migliore.

«La Svizzera è un'isola di denaro»

Sebbene il livello dei salari sia più alto in Svizzera, molti dei protagonisti concordano sul fatto che non bisogna dimenticare che le persone pagano molto di più per i costi della vita.

E Nowak afferma: «Gli orari di lavoro sono più lunghi, da 42 a 25 ore settimanali, l'attenzione è rivolta al lavoro». Si è in Svizzera per fare davvero il proprio lavoro. Il divertimento passa in secondo piano.

«La Svizzera è un'isola di soldi, anche se non è un'isola: l'unica cosa che manca qui sono le spiagge», aggiunge ridendo Matthew Hua, un amico di Nowak, massaggiatore neozelandese, alla ZDF.