La torre della batteria ticinese è davvero così super?

Philipp Dahm

5.11.2021

Il progetto Energy Vault in Ticino: la gravità come forza motrice.
Il progetto Energy Vault in Ticino: la gravità come forza motrice.
Energy Vault

Una torre alta 120 metri viene presentata come una nuova «super batteria»: che cos'è l'innovazione ticinese? E che dire delle energie rinnovabili in Svizzera? Le spiegazioni di un esperto.

Philipp Dahm

5.11.2021

La conferenza delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico, iniziata domenica a Glasgow, è in pieno svolgimento, ma è già chiaro che stiamo affrontando tempi burrascosi. In questa situazione, le soluzioni che proteggono l'ambiente sono benvenute. Le energie rinnovabili, il solare e l'eolico hanno però in comune una cosa: dipendono dai fattori meteorologici. Cosa fare se non c'è vento o non c'è sole? 

Non c'è da stupirsi quindi che la televisione svizzero tedesca, la «SRF», sia così elettrizzata. Perché? Perché una «super batteria ticinese» sta suscitando interesse in tutto il mondo, sta progettando un'entrata in borsa a New York e sta addirittura scatenando «euforia» tra gli addetti ai lavori: stiamo parlando di un progetto della società ticinese Energy Vault.

L'azienda di Lugano sta costruendo dal 2019 ad Arbedo-Castione una torre alta 120 metri in grado di immagazzinare l'energia in eccesso. «Abbiamo impilato i blocchi di cemento della torre, che pesano diverse tonnellate, con l'elettricità quando c'è sovrapproduzione nella rete», spiega il CEO Robert Piconi. Abbassandoli, usando la forza di gravita, l'energia immagazzinata viene rilasciata di nuovo e quindi è disponibile per essere distribuita. 

Il profano si chiede: questo principio è davvero così nuovo dopo che l'acqua, per decenni, quando il consumo è basso, è ripompata dai bacini inferiori a quelli superiori per poterla riutilizzare come fonte di produzione nel processo? L'esperto, il professor Anton Gunzinger, risponde a questa domanda e fa luce su altri aspetti dell'energia verde in Svizzera.

Il professor Anton Gunzinger
Il professor Anton Gunzinger
Domino pubblico

Anton Gunzinger di Welschenrohr (Soletta) è un ingegnere elettrico. Il professore dell'ETH Zurigo ha fatto ricerche sui processori, ha vinto diversi premi e ha avviato la propria attività nell'industria dei computer. Nel 2015, il 65enne ha pubblicato il libro «Kraftwerk Schweiz. So gelingen die Energiewende» («Centrale elettrica Svizzera: come realizzare con successo la svolta energetica»).

L'idea dell'Energy Vault non è poi così nuova?

L'idea che l'immagazzinamento dell'elettricità possa essere fatto con la gravità esiste da un bel po' di tempo. C'è stato un progetto in Germania per sollevare un blocco di cemento molto grande con l'acqua e quindi immagazzinare energia in modo simile a una centrale di pompaggio. In Svizzera, l'immagazzinamento di energia con la gravità è relativamente facile grazie alle montagne. La situazione è diversa nelle zone pianeggianti. In Germania, per esempio, un sistema di stoccaggio come quello proposto da Energy Vault ha senso. 

Quanto è efficace il nuovo deposito ticinese?

In termini di efficienza, l'approccio Energy Vault è paragonabile alle centrali di pompaggio e quindi superiore all'80%. Possono immagazzinare 35 megawattora per 8 milioni di franchi svizzeri. Questo li rende circa quattro o cinque volte più economici della batteria domestica di oggi. Ma attenzione: i prezzi delle batterie domestiche stanno scendendo rapidamente.

Principio ben noto: la diga di Muttsee dell'impianto di pompaggio di Limmern a Linthal, nel canton Glarona.
Principio ben noto: pompare l'acqua dai bacini inferiori a quelli superiori, come qui nella diga di Muttsee dell'impianto di pompaggio di Limmern a Linthal, nel canton Glarona.
KEYSTONE

Quali sono le tendenze attuali del mercato dell'energia?

Produzione decentralizzata con fotovoltaico sul tetto e batterie come stoccaggio decentralizzato. Questo permette di spostare la produzione diurna alla notte. Se guardiamo lo sviluppo delle batterie nelle automobili, possiamo supporre che in cinque anni la batteria domestica sarà probabilmente competitiva rispetto all'approccio di Energy Vault. Dipende sempre anche dall'infrastruttura: se hai una rete forte, un approccio centralizzato come quello che abbiamo in Ticino può avere senso. E anche Energy Vault può diventare più economico.

E se l'infrastruttura è scarsa?

Se non si dispone di una rete forte, come avviene in molti paesi in via di sviluppo, la batteria è un vantaggio.

Qual è il suo giudizio sull'innovazione ticinese?

Penso che sia un prodotto di nicchia. Non risolverà il grande problema dello stoccaggio - cioè il passaggio stagionale dall'estate all'inverno - ma aiuta. A lungo termine, la batteria è il mezzo più economico, e può anche essere utilizzata in modo decentralizzato. In molti casi ha ancora il grande vantaggio di poter alleggerire la rete. È possibile assorbire le fluttuazioni del consumo con le batterie, ed è per questo che vedo la batteria decentralizzata come il concorrente più forte.

La centrale di controllo del modulo batteria EKZ in funzione di prova a Volketswil ZH: con una potenza di 18 megawatt e una capacità di stoccaggio di 7,5 megawattora, questa è la più grande batteria in Svizzera che stabilizza la rete elettrica nell'aprile 2018.
La centrale di controllo del modulo batteria EKZ in funzione di prova a Volketswil ZH: con una potenza di 18 megawatt e una capacità di stoccaggio di 7,5 megawattora, questa è la più grande batteria in Svizzera che stabilizza la rete elettrica nell'aprile 2018.
KEYSTONE

Anche le aziende svizzere sono coinvolte nello sviluppo delle batterie?

Leclanché gioca un buon ruolo nel mercato. C'è anche un'azienda a Stabio, chiamata FZSonick, che produce batterie al sale. Lo svantaggio di queste batterie è che sono piuttosto pesanti rispetto, per esempio, a una batteria per auto agli ioni di litio. Il vantaggio della batteria ticinese, invece, è che può essere realizzata con materiale degradabile al 100%. Questa è una storia interessante, naturalmente: per una casa, una soluzione del genere sarebbe certamente buona.

Ci sono altri concorrenti sul mercato?

C'è Belimo, uno spin-off dell'ETH di Zurigo, in cui Nicolas Hayek Jr. ha una partecipazione. Ho sentito da addetti ai lavori che stanno lavorando su una batteria che dovrebbe essere più economica di quella di Tesla. Stanno lavorando con nanotubi a base di carbonio. Un grande vantaggio di questa batteria è che è degradabile al 100%. Potrebbe essere una storia molto interessante.

Visto l'aumento dei prezzi del petrolio e del gas, non dovremmo essere contenti che il mix energetico in questo paese sia così diversificato?

Nel mio libro, ho proposto di affidarsi interamente alle energie rinnovabili. Per raggiungere questo obiettivo, sarebbe importante espandere gli impianti fotovoltaici ed eolici su larga scala. Ma in Svizzera hanno difficoltà a farlo.

Quanto potenziale avrebbe l'energia eolica?

Ho scritto che 3000 MW di energia eolica sono possibili. L'Austria ha già raggiunto questo obiettivo, e non si può dire che l'Austria abbia condizioni topografiche così diverse dalla Svizzera. Certo, la pianura del Danubio sotto Vienna è un'eccezione, ma molte turbine eoliche sono state costruite anche in montagna. La Svizzera ha gestito solo 75 MW fino ad oggi, rispetto ai 3000 MW di energia eolica in Austria. Il fatto che non sfruttiamo abbastanza il vento è uno dei grandi problemi.

Il Ticino punta sulle energie rinnovabili - qui durante la costruzione di un parco eolico sul passo del Gottardo nell'agosto 2020.
Il Ticino punta sulle energie rinnovabili: qui durante la costruzione di un parco eolico sul passo del Gottardo nell'agosto 2020.
KEYSTONE

E le altre fonti di energia rinnovabile?

Nel fotovoltaico, siamo quasi in coda in Europa. Non dovrebbe essere così: i soldi ci sono e non è che non ci sia il sole in Svizzera. In montagna, il rendimento è estremamente ragionevole, soprattutto in inverno.

Perché il fotovoltaico fa così fatica?

Nel caso del fotovoltaico, ho la sensazione che i politici e la popolazione non si siano resi conto di quanto sia economica questa energia. Nella mente di molte persone, i prezzi sono quelli che erano 20 anni fa. È simile alle pompe di calore. Ma molte cose sono cambiate.

Pannelli solari su una barriera antirumore sulla A1 vicino a Safenwil, nel canton Argovia.
Pannelli solari su una barriera antirumore sulla A1 vicino a Safenwil, nel canton Argovia.
KEYSTONE

Per favore, lo spieghi.

Rispetto all'energia nucleare, il fotovoltaico è da tre a quattro volte più economico. Chiunque voglia ancora investire nell'energia nucleare sta sprecando denaro. Non c'è nemmeno bisogno di essere un ambientalista per rendersene conto: basta fare i conti.

E le pompe di calore?

Se si costruisce una casa oggi e non si installa una pompa di calore, non si capisce l'economia: una pompa di calore è semplicemente la soluzione più economica oggi, quando si calcolano tutti i costi. Se si affitta una casa, i costi di investimento per un sistema di riscaldamento a olio sono molto più bassi. Potrebbe costare 10.000 o 20.000 franchi, mentre una pompa di calore costa 80.000 franchi. Nel calcolo completo dei costi, tuttavia, la soluzione costosa è più economica a lungo termine, perché abbiamo bisogno da tre a sei volte meno energia. Il proprietario-occupante deve optare per una pompa di calore per ragioni economiche.

Più ecologico e più economico a lungo termine: installazione di una pompa di calore il 14 ottobre 2021 a Zurigo.
Più ecologico e più economico a lungo termine: installazione di una pompa di calore il 14 ottobre 2021 a Zurigo.
KEYSTONE

Ma perché non lo fanno tutti?

Nel caso dei proprietari, tutti i costi accessori, cioè il petrolio e il gas, sono pagati con gli affitti. Per i padroni di casa è più redditizio installare un riscaldamento a olio a basso costo e far pagare agli inquilini i costosi costi accessori. Ecco perché molti di questi proprietari fanno ancora così: perché il sistema di incentivi è sbagliato.

E perché l'energia eolica sta fallendo in questo paese?

Secondo me, c'è un'alleanza infelice: gli ambientalisti estremi che non vogliono le turbine eoliche collaborano con quelli che sperano che si possa costruire di nuovo una centrale nucleare se non abbiamo l'energia eolica. Un terzo degli svizzeri ritiene ancora erroneamente che l'energia nucleare sia conveniente.

Lei ovviamente non è uno di loro.

Non so quale sia la motivazione per costruire una centrale nucleare. L'energia nucleare è semplicemente da tre a quattro volte più costosa. E non abbiamo ancora risolto il problema del deposito finale. Ho fatto i conti una volta: il deposito finale ci costerà quanto la sostituzione di tutte le centrali nucleari con impianti fotovoltaici. Sono soprattutto i giovani che dovranno pagare. Dopo tutto, gli svizzeri guardano i loro portafogli. Se ci si lascia guidare da questo, è chiaro: le energie rinnovabili sono il futuro. Inoltre, diventeremo meno dipendenti dai paesi stranieri.