«È in queste situazioni che la polizia nel nostro Paese è letteralmente impotente»

Lukas Meyer

27.4.2021

Circa 4000 partecipanti hanno preso parte a una manifestazione non autorizzata a Rapperswil
Circa 4000 partecipanti hanno preso parte a una manifestazione non autorizzata a Rapperswil
KEYSTONE

Sabato 4'000 «corona-scettici» hanno manifestato a Rapperswil, e la polizia li ha lasciati fare. Che opzioni hanno le forze dell'ordine di fronte a una tale folla? Non molte, secondo un esperto.

Lukas Meyer

27.4.2021

Rapperswil, Sciaffusa, Altdorf: le manifestazioni non autorizzate dei «corona-scettici» sono in aumento. La polizia sta adottando approcci diversi. Ad Altdorf è riuscita a far spostare la folla dal centro della città. La settimana scorsa a Sciaffusa e sabato a Rapperswil le forze dell'ordine hanno più o meno lasciato correre, anche se le distanze sociali non erano rispettate e quasi nessuno indossava la mascherina. In ogni caso la polizia era sul posto con un grande contingente. «Con così tanta gente, non c'è niente da fare», ha detto un agente di Rapperswil, secondo il «Tages-Anzeiger».

Con così tanta gente - come alla manifestazione approvata a Liestal con 6'000 persone - la polizia è «letteralmente impotente in questo paese», dice Markus Mohler intervistato da «blue News». «Non abbiamo né i mezzi legali né quelli di fatto per controllare o disperdere tali folle», aggiunge l'ex comandante della polizia cantonale di Basilea Città.

Con mezzi che escludono il danno alle persone, la polizia non può fare nulla contro questi raduni di massa. Inoltre, le violazioni della legge - cioè la manifestazione senza permesso e le infrazioni del regolamento pandemico - erano «solo» trasgressioni, cioè reati minori, precisa Mohler. «È qui che il principio di proporzionalità non permette di interferire con l'integrità corporea».

«La repressione dura non è giustificabile secondo lo stato di diritto»

La polizia cantonale di San Gallo argomenta in modo simile: ha deciso di non interrompere la manifestazione pacifica con la forza a causa della proporzionalità, ha spiegato il portavoce Hanspeter Krüsi su Twitter.

Il comandante sul posto ha dovuto effettuare una ponderazione degli interessi. Ha dovuto, per esempio, prendere in considerazione la possibilità di grandi danni materiali e lesioni personali, così come quella di una perdita di controllo della situazione.

«È comprensibile che gli oppositori della manifestazione di oggi siano critici - una dura repressione non sarebbe stata giustificabile dal punto di vista dello stato di diritto», si legge in un comunicato stampa della polizia cantonale di San Gallo.

Le forze dell'ordine sangallesi si sono concentrate sul dialogo - un po' troppo, secondo alcuni. Un video di un manifestante senza mascherina che abbraccia un membro della squadra di dialogo della polizia e gli porge un fiore ha causato un putiferio. I «corona-scettici» celebrano la registrazione, i critici la vedono come una prova della mancanza di distacco della polizia.

Si potrebbe fare diversamente? A Zurigo c'è stata la repressione, per esempio, di una manifestazione di attiviste femministe molto più piccola. A Berna invece una manifestazione di «corona-scettici» è stata interrotta con grandi spese. Markus Mohler non può dare una risposta generale alle differenze cantonali: «Anche il peso politico delle autorità superiori gioca un ruolo in queste situazioni, in particolare per quanto riguarda il controllo delle pandemie. Anche le risorse umane disponibili hanno una grande influenza».

Determinare la proporzionalità

Per prevenire una manifestazione fin dall'inizio, sono necessarie le risorse di personale per essere in grado di far rispettare le espulsioni e le barricate e per avere un effetto di de-escalation. Se c'è prima anche l'appello alla violenza, sono possibili anche mezzi coercitivi come lacrimogeni o arresti provvisori, spiega Mohler: «Bisogna ricordare che solo le assemblee pacifiche sono coperte dalla protezione dei diritti fondamentali della libertà di riunione».

Nel decidere se interrompere una manifestazione, bisogna soppesare «da un lato l'interesse giuridico da proteggere e dall'altro gli effetti delle misure necessarie per proteggerlo». Il solo «ordine pubblico» non è sufficiente, bisogna determinare più precisamente ciò che si vuole proteggere. «Di conseguenza, la proporzionalità è determinata secondo la necessità, l'adeguatezza e la ragionevolezza delle singole misure possibili. Questo può cambiare continuamente».

Un mese fa, a Moutier, molte persone hanno festeggiato il risultato del voto sul cambiamento di cantone senza troppo tener conto delle misure anti- Covid, e le autorità non sono intervenute. In seguito, il direttore della polizia di San Gallo e presidente della Conferenza dei direttori cantonali di giustizia e polizia Fredy Fässler ha detto a «blue News» che il lavoro per le forze dell'ordine è attualmente molto impegnativo: «Indipendentemente da quello che la polizia fa, per molte persone è comunque sbagliato».