Covid-19, mazzata per i trasporti pubblici zurighesi

ATS

7.5.2020 - 11:51

Il coronavirus si sta rivelando una disgrazia per le casse della ZVV.
Source: KEYSTONE/WALTER BIERI

L'epidemia di Covid-19 sta dissanguando la ZVV, l'associazione delle aziende di trasporto pubblico zurighesi. I ricavi sono crollati del 75% e, secondo i primi calcoli, il deficit sarà di 100 milioni di franchi superiore a quanto preventivato.

Il lavoro da casa e il semi-confinamento da ricondurre al virus hanno avuto un effetto devastante sulla Zürcher Verkehrsverbund, compagnia che gestisce la rete zurighese. Il calo dei passeggeri ha raggiunto l'80%, comunica oggi il dipartimento cantonale dell'economia.

In tempi normali, la ZVV assicura il 70% dei propri costi, mentre il restante 30% è a carico di Cantone e comuni, che lo coprono tramite le tasse versate dai contribuenti. Non è ancora chiaro chi e in quale misura sosterrà l'ingente perdita che si profila all'orizzonte: sono in corso discussioni con la Confederazione a tal proposito, ha detto ai media la consigliera di Stato responsabile dell'economia Carmen Walker Späh (PLR).

Perlomeno, i passeggeri non dovrebbero essere gravati con ulteriori oneri, dato che non è previsto un aumento del prezzo dei biglietti. L'obiettivo è infatti quello di far tornare la gente sui mezzi pubblici e tale misura rischierebbe di essere controproducente.

Si ipotizza che il buco passi almeno da 340 a 440 milioni, ma i danni finanziari potrebbero spingersi oltre. Ciò dipenderà dal grado di ripresa della domanda nei prossimi mesi, così come da un'eventuale seconda ondata epidemica.

Le immagini del giorno

Tornare alla home page

ATS