«Ho pensato: dannazione, ci siamo presi tutti il Covid»

Di Anna Kappeler

7.9.2021

Una persona esegue un autotest dell'antigene del virus Corona con un tampone nasale a casa.
Una persona esegue un autotest dell'antigene del virus Sars-CoV-2 con un tampone nasale a casa.
KEYSTONE

È raro, ma succede: cosa capita se si contrae il virus nonostante la doppia vaccinazione contro il Covid? Le persone colpite ce lo raccontano.

Di Anna Kappeler

7.9.2021

I numeri delle nuove infezioni Covid non stanno diminuendo, i ricoveri sono in aumento. E le unità di terapia intensiva sono quasi piene con molti malati di Covid, la quasi totalità non vaccinati.

Ma anche i vaccinati non possono considerarsi completamente al sicuro. L'Ufficio federale della sanità (UFSP) lo conferma: «I casi nonostante la vaccinazione completa sono da aspettarsi, poiché l'efficacia del vaccino, anche se molto alta, è inferiore al 100%», ci dice un portavoce.

Le ultime cifre dell'UFSP del 2 settembre mostrano che i ricoveri confermati in laboratorio nonostante la vaccinazione completa sono in aumento, soprattutto dall'inizio di agosto. Dall'inizio del conteggio il 27 gennaio di quest'anno fino al 2 settembre, 166 persone vaccinate sono state ricoverate, su un totale di 8.836.

Il quadro è simile per i decessi. Tra coloro che erano stati immunizzati con due dosi, ce ne sono stati 33 nel periodo menzionato su 1.472.

Ciò mostra che anche coloro che sono stati vaccinati due volte possono ammalarsi di Covid, ma il decorso della malattia di solito non è pericoloso. Joel Kunz, un padre di famiglia di 34 anni che ha contratto il Covid, nonostante la doppia vaccinazione, ci racconta la sua esperienza. Lo raggiungiamo per telefono nella sua casa, dove si trova in quarantena.

«Al secondo test anche io ero positivo»

«Mia moglie e i nostri due figli sono andati a trovare i miei suoceri domenica 29 agosto. Martedì, l'asilo di nostra figlia di 5 anni ci ha chiamato dicendo che aveva la febbre. L'abbiamo presa in braccio, ma non ci abbiamo pensato molto.

Mercoledì, mia moglie l'ha preso. Non si è alzata dal letto tutto il giorno e ha continuato a vomitare. Ho pensato che fosse strano, ma dato che mia moglie è stata doppiamente vaccinata contro il Covid a maggio e io da luglio, non ho pensato, nemmeno per un secondo, al Covid.

Poi ha chiamato mia suocera. Era malata, al che è risultata positiva al test del Sars-CoV-2. E questo, anche se è doppiamente vaccinata.

Nel frattempo, nostro figlio di 3 anni aveva una brutta tosse, che suonava come uno pseudocroup, come un latrato. Di colpo mi è venuto in mente: «Dannazione, possiamo aver preso tutti il Covid».

Così sono andato in farmacia a prendere gli autotest per tutti e quattro. Li ho avuti gratis. Si è scoperto che mia moglie ed entrambi i bambini erano positivi. Solo io ero negativo. 

Corona positiva nonostante la doppia vaccinazione: i test della famiglia Kunz. Solo il padre Joel era ancora negativo a questo punto, ma un giorno dopo anche lui era positivo.
Positivi al Covid nonostante la doppia vaccinazione: i test della famiglia Kunz. Solo il padre Joel era ancora negativo a questo punto, ma un giorno dopo anche lui era positivo.
zVg

Un giorno dopo, ormai era giovedì, mi sono testato di nuovo: anche io sono risultato positivo. Il che è plausibile, perché nel frattempo mi è venuto anche un brutto raffreddore.

Il servizio di consulenza telefonica della compagnia di assicurazione sanitaria, che abbiamo chiamato, ci ha detto che dovevamo fare tutti anche i test PCR. Siccome al centro d'esame non vengono testati i bambini, ho dovuto portarli con l'auto dal loro pediatra. Tutti e quattro siamo positivi.

Anche l'intero asilo di mia figlia è ora in quarantena. Nessuno al lavoro, fortunatamente, è dovuto andare in quarantena, dato che mi ero infortunato nell'allenamento di calcio il lunedì sera e quindi non ci sono potuto andare. Mia moglie aveva dei sintomi, quindi è rimasta a casa. Se fossi andato a lavorare, malgrado il Covid, ciò avrebbe avuto enormi conseguenze per tutti.

Nel frattempo, ci sentiamo di nuovo tutti meglio. Mia figlia ha avuto la febbre alta per diversi giorni. Ieri ho perso temporaneamente il senso del gusto, è successo a mia moglie un giorno prima.

Dobbiamo rimanere in quarantena fino all'11 settembre. Mio fratello fa la spesa per noi o compriamo il cibo online. I nostri figli sono di nuovo in forma, e ben presto demoliranno l'appartamento. Non capiscono perché devono stare in casa nonostante il tempo estivo.

Desidero ardentemente la fine della quarantena. E speriamo di essere risparmiati dal Long-Covid». 

Positivo nell'ufficio open space?

Le scoperte sulla vaccinazione della famiglia Kunz, nel frattempo, si stanno diffondendo. La responsabile della rubrica blue Entertainment Laura Hüttenmoser ha trascorso una serata con i Kunz prima del test.

Due giorni dopo, è seduta nell'ufficio open space, la newsroom, quando i suoi amici la chiamano e le dicono che hanno il Covid. Laura reagisce immediatamente, va alla farmacia più vicina e fa un rapido test. È negativo.

Ma Laura è comunque incerta su come agire. Dovrebbe incontrare delle persone? Potrebbe infettare altre persone nonostante la doppia vaccinazione? Chiama la hotline medica.

Le dicono che siccome è stata vaccinata due volte e non ha sintomi, non ha bisogno di fare un test PCR. Dovrebbe anche vivere normalmente, cioè incontrare gli amici e continuare ad andare al lavoro nell'open space. Naturalmente, deve continuare a osservare le solite regole di igiene.

Il numero di casi non segnalati è alto

Ma quanto è alto il numero di casi non segnalati tra le persone vaccinate? L'UFSP conferma che il numero di casi non segnalati è particolarmente alto tra i vaccinati. I motivi: «Le persone vaccinate hanno spesso solo sintomi lievi e quindi consultano meno spesso un medico».

Inoltre, queste persone si fanno testare nei centri di test o nelle farmacie perché non hanno bisogno di cure mediche. «In quest'ultimo caso, riceviamo il rapporto sui risultati di laboratorio, ma nessuna informazione sullo stato di vaccinazione», scrive a «blue News» l'UFSP.

«Di conseguenza, in particolare il numero di casi tra le persone completamente vaccinate, che non sono state ospedalizzate né sono morte, è sottostimato», dice un portavoce dell'UFSP quando gli viene chiesto.

Ancora mancanza di respiro settimane dopo il Covid

Il rischio di malattia di Long Covid rimane. Anche coloro che sono stati completamente vaccinati non ne sono immuni. «blue News» è a conoscenza del caso di Max Berger*. Qualche settimana fa, Berger ha avuto improvvisamente un mal di testa, un naso che colava e problemi di respirazione. Il suo test è risultato positivo, anche se è doppiamente vaccinato.

Berger presume che i suoi figli, che sono ancora troppo giovani per essere vaccinati, lo abbiano infettato. Dopo tre giorni a letto, lo spavento gli è passato.

È successo qualche settimana fa. Ma ancora oggi Berger, di tanto in tanto, soffre di mancanza di respiro e non può salire le scale senza avere il fiato molto corto. Anche il suo senso del gusto e dell'olfatto non è ancora tornato.

Naturalmente, l'arco di tempo è troppo breve per parlare di Long-Covid. Berger è tuttavia preoccupato che i sintomi possano rimanere.

* Nome noto ai redattori.