Svizzera

Nuovi droni dell'esercito operativi solo a metà 2022

ot, ats

20.3.2021 - 11:25

Il drone Hermes 900 HFE durante la sua presentazione nel 2019 all'aerodromo militare di Emmen, nel canton Lucerna (immagine d'archivio).
Keystone

I nuovi droni delle forze armate svizzere probabilmente non saranno operativi fino all'estate dell'anno prossimo. Entrerebbero così in funzione con un ritardo di circa tre anni.

ot, ats

20.3.2021 - 11:25

Il fornitore israeliano ha sottovalutato l'impegno generato da un progetto innovativo, ha indicato il capo dell'armamento Martin Sonderegger in un'intervista pubblicata oggi dalla Neue Zürcher Zeitung. Il ritardo nella consegna dipende anche dalla pandemia di Covid-19, con tre lockdown nello Stato ebraico, e dallo schianto di un drone lo scorso agosto. «Ci aspettiamo di vederli volare in Svizzera entro la fine della prima metà del 2022». Attualmente i velivoli sono fatti volare in Israele.

Inizialmente il nuovo apparecchio sarà in grado di volare solo insieme a un aereo, ha spiegato Sonderegger. Per essere usato da solo, il nuovo sistema di sensori ha ancora bisogno dell'approvazione svizzera. Questa cosiddetta tecnologia sense-and-avoid è progettata per rilevare gli ostacoli nello spazio aereo e prevenire le collisioni con aerei ed elicotteri.

I requisiti per gli adattamenti alla Svizzera sono elevati, ha detto Sonderegger. L'Autorità dell'aviazione civile israeliana, come organo di certificazione, non ha mai approvato un drone di queste dimensioni, che deve volare nello spazio aereo civile e non, come si usa altrove, solo in uno spazio aereo limitato. Inoltre, la Svizzera ha ordinato i suoi droni con motori diesel. Questi rendono i dispositivi più pesanti e richiedono modifiche alle ali.

Critiche già in occasione dell'ordinazione

Durante il dibattito sull'acquisizione dei sei velivoli alle Camere federali nel 2015 per 250 milioni di franchi, alcuni membri del parlamento avevano manifestato disagio per il fatto che era stato scelto un prodotto israeliano, che inoltre non era ancora pronto per la produzione in serie.

Sonderegger ha replicato nell'intervista che il ritardo è «il prezzo del coraggio» per un prodotto nuovo. «Se qualcosa è pronto nel momento in cui lo si ordina, si può dire di correre un rischio zero. Ma a quel punto un prodotto è di solito già obsoleto».

Sonderegger ha anche promesso una migliore comunicazione in futuro in caso di nuovi problemi. Dal 2017, il Dipartimento federale della difesa pubblica ogni anno rapporti sui progetti, in cui i ritardi sono comunicati in modo trasparente. «E vogliamo comunicare ancora più apertamente in futuro». Oltre ai droni, anche l'acquisto di un nuovo mortaio ha subito un ritardo. In questo progetto, Ruag costruisce di nuovo un pezzo d'artiglieria dopo più di vent'anni.

Attualmente la Confederazione non dispone più di droni da ricognizione. Il vecchio velivolo del tipo Ranger è stato eliminato nel 2019 dopo 20 anni di servizio. L'esercito ha ordinato sei droni Hermes 900 HFE, ciascuno lungo nove metri, al produttore israeliano Elbit. Questi apparecchi hanno un'apertura alare di 17 metri. Non è previsto che siano muniti di armi.

Il nuovo velivolo può rimanere in aria per 24 ore e rilevare aerei, droni e missili. Gli apparecchi sono anche utilizzati, tra le altre cose, per sostenere il Corpo delle guardie di confine nel monitoraggio della frontiera, per la ricerca di persone scomparse in montagna o per la valutazione della situazione dopo una catastrofe naturale.

ot, ats