Obbligo del certificato: la ristorazione perde il 28% del fatturato

ev, ats

15.10.2021 - 17:35

L'estensione dell'obbligo del certificato Covid incide negativamente sul fatturato della maggior parte delle imprese alberghiere e della ristorazione secondo un sondaggio di GastroSuisse (foto d'archivio)
Keystone

Da metà settembre, a causa dell'estensione dell'obbligo del certificato Covid, le attività di ristorazione in Svizzera hanno realizzato in media il 27,6% di fatturato in meno.

ev, ats

15.10.2021 - 17:35

Lo rileva un sondaggio dell'associazione di categoria GastroSuisse, precisando che il numero di cancellazioni di prenotazioni aumenta.

L'81,3% delle imprese alberghiere e della ristorazione interrogate ha registrato un calo del giro d'affari a causa dell'inasprimento della disposizione relativa all'obbligo del certificato Covid, ha comunicato oggi GastroSuisse. Ad essere maggiormente colpite sono le aziende che si trovano nelle regioni rurali per le quali la flessione media del fatturato è del 31,5%.

Tre strutture intervistate su quattro hanno anche lamentato un numero crescente di cancellazioni di prenotazioni. Solo il 3,4% delle imprese ha potuto aumentare il giro d'affari nonostante l'obbligo del certificato.

Secondo GastroSuisse, il calo delle temperature, l'ondata di cancellazioni e le riserve esaurite preoccupano molto le aziende. Anche il potenziale di conflitto è percepito come problematico. Quattro imprese su dieci hanno riferito di liti nei loro stabilimenti. Molti ristoratori sperano quindi che l'obbligo del certificato sia presto revocato.

Il presidente di GastroSuisse, Casimir Platzer, citato nel comunicato, afferma che per le imprese seriamente colpite sono urgentemente necessarie nuove indennità per i casi di rigore.

GastroSuisse ha condotto il sondaggio dal 6 all'11 ottobre tra 2337 membri.

ev, ats