«Situazione drammatica»

Pochi insetti sulla griglia del radiatore? Bene per l'auto, meno per noi

Di Anne Funk e Julian Weinberger

10.8.2022

Dopo un giro in autostrada, gli insetti si attaccano ancora all'auto, ma non così tanto come qualche anno fa.
Dopo un giro in autostrada, gli insetti si attaccano ancora all'auto, ma non così tanto come qualche anno fa.

«Una volta c'era un gran fermento, quest'anno è stato relativamente tranquillo»: in un'intervista a «blue News», un esperto mette in guardia dalle drammatiche conseguenze della mortalità degli insetti. Ma non è ancora troppo tardi...

Di Anne Funk e Julian Weinberger

10.8.2022

Che sia ad esempio per una vacanza in Italia o per una gita fuori porta nel nostro Paese, molti svizzeri usano la propria auto per trascorrere lontano da casa il periodo più bello dell'anno, ossia quello delle ferie estive.

Per quanto sia grande la gioia di arrivare a destinazione dopo un viaggio di diverse ore, è grande anche la frustrazione quando si guarda la parte anteriore della vettura, con il parabrezza e la targa che sono praticamente sempre ricoperti di insetti morti.

Ma se si osserva con più attenzione, si noterà che quest'anno la quantità di insetti spiaccicati è diventata molto più piccola di quanto non fosse, ad esempio, dieci anni fa.

Questa è anche la conclusione di uno studio britannico condotto dall'organizzazione Bugs Matter insieme al Kent Wildlife Trust, che si è basato sul cosiddetto «fenomeno del parabrezza». A centinaia di cittadini è stato chiesto di contare gli insetti morti sulle loro targhe dopo aver guidato le loro auto nell'estate del 2021.

Rispetto a un'indagine condotta nel 2004 con le stesse modalità, è emerso che sono stati contati il 65% in meno di animali in Inghilterra, il 55% in meno in Galles e il 28% in meno in Scozia.

Situazione drammatica nella Svizzera centrale

Nel nostro Paese mancano studi comparabili, ma la situazione in Svizzera è altrettanto allarmante. Un aggettivo usato dai ricercatori già nel settembre del 2021 nel rapporto sullo stato della diversità degli insetti nella Confederazione, pubblicato dal Forum sulla biodiversità dell'Accademia svizzera delle scienze.

Roland Mühlethaler
Il ricercatore Roland Mühlethaler ha un po 'di recupero da fare quando si tratta di proteggere gli insetti.
zVg

Il ricercatore Roland Mühlethaler ritiene che gli insetti debbano essere protetti.

Uno degli autori del rapporto, Roland Mühlethaler, lo ha confermato in un'intervista a blue News: «Solitamente all'inizio dell'estate, quando i tigli sono in fiore, c'è un enorme ronzio di api. Mentre quest'anno è stato relativamente tranquillo».

I dati del rapporto parlano chiaro: il 60% delle 1'153 specie di insetti è in pericolo o potenzialmente in pericolo. Dalla metà del secolo circa, in Svizzera sono state osservate «grandi perdite di diversità degli insetti a livello nazionale, regionale e locale e una diminuzione delle dimensioni delle popolazioni, soprattutto sull'Altopiano centrale».

La situazione è «drammatica», sottolinea con enfasi Mühlethaler.

Ognuno può fare qualcosa contro l'estinzione degli insetti

La pubblicazione del rapporto ha ricevuto un riscontro positivo da parte dei politici, ma l'esperto sa che «bisognerebbe fare molto di più per proteggere attivamente gli insetti». Dal punto di vista ecologico, molti di essi si trovano all'inizio della catena alimentare e «se queste reti ecologiche si rompono, ciò comporta un sacco di cose», ci dice ancora il ricercatore.

Ma le alternative artificiali non sono né una soluzione a lungo termine né una soluzione efficace dal punto di vista dei costi. Le tecnologie che potrebbero sostituire il lavoro degli insetti costerebbero «cifre folli» e, secondo Mühlethaler, vale il seguente principio: «Ciò che si è sviluppato in milioni di anni tra impollinatori e fiori non può essere risolto con la tecnologia nel giro di pochi anni».

Per cambiare qualcosa nella mortalità degli insetti a lungo termine, lo scienziato invita i politici ad assumersi le proprie responsabilità. Ma i cambiamenti legislativi e i programmi su larga scala non sono sufficienti; anche ogni singolo individuo può fare qualcosa, fa notare Mühlethaler. A cominciare dal comportamento dei consumatori: «Tutti possono pensare a quali alimenti acquistare e da dove provengono».

I periodi caldi non sono necessariamente dannosi per gli insetti

Anche l'acquisto di prodotti regionali o il sostegno alle aziende agricole biologiche vanno a vantaggio degli insetti. È possibile dare il proprio contributo anche coltivando piante o fiori nel proprio giardino, spiega l'esperto. Nel complesso, tuttavia, ritiene che ci sia ancora molto da fare per aumentare la consapevolezza del problema della mortalità degli insetti nella società in generale: «Si può dire sinteticamente che senza gli insetti noi umani non saremmo in grado di sopravvivere sulla terra».

Le attuali e frequenti ondate di calore non sono necessariamente negative per la popolazione degli insetti, che sono «animali che amano il caldo». Solo quando le specie «aliene» sostituiscono gli insetti autoctoni possono sorgere dei problemi. Inoltre, il calore favorisce la diffusione di parassiti come i coleotteri della corteccia, spiega Mühlethaler: «In questo modo si hanno più insetti, ma non quelli desiderati».

In generale, quindi, il fattore climatico non è determinante, secondo l'esperto. Più problematica è la «perdita del paesaggio e degli habitat adatti, nonché un'agricoltura troppo intensiva».

Nonostante le difficoltà, Roland Mühlethaler è ottimista sul futuro: «Penso positivamente e so che gli insetti possono riprendersi in tempi relativamente brevi. L'unica cosa è che non dobbiamo lasciare che si arrivi a un punto di non ritorno».