Morto sul tram

Qual'è il modo giusto di reagire se si trova una persona senza vita?

Di Lukas Meyer

28.6.2021

Il 64enne è salito di prima mattina su un tram della linea 2. Immagine simbolica
Il 64enne è salito di prima mattina su un tram della linea 2. Immagine simbolica
KEYSTONE

Un uomo di 64 anni è morto sul tram mentre andava al lavoro a Zurigo. Ci sono volute sei ore prima che qualcuno se ne accorgesse. Come può accadere? A cosa bisogna fare attenzione negli spazi pubblici?

Di Lukas Meyer

28.6.2021

Un uomo di 64 anni è morto lunedì della scorsa settimana su un tram della linea 2 a Zurigo. Ha avuto un arresto cardiaco, ha detto il figlio a «20 Minuten». Alle 6:21, suo padre era salito sul tram alla stazione Micafil di Altstetten per andare a lavorare a Paradeplatz. Il video della sorveglianza mostra che si è sentito male poco prima della stazione di Lochergut, circa dieci minuti dopo.

Senza vita, ha continuato a viaggiare attraverso la città fino a mezzogiorno. Solo dopo sei ore un passeggero al capolinea di Tiefenbrunnen si è accorto che qualcosa non andava. L'azienda dei trasporti pubblici di Zurigo ha immediatamente chiamato l'ambulanza e la polizia, che ha escluso la possibilità di un coinvolgimento di terzi.

Perché nessuno ha fatto nulla?

Il figlio della persona morta è «sbalordito e rattristato», ha raccontato a «20 Minuten»: «Il coraggio civile non è purtroppo più comune». Le persone non notano quasi più il loro ambiente. Insieme a sua sorella, ora vuole attirare l'attenzione sul problema.

Tanja Walliser del progetto  «Empathie Stadt Zürich» («Empatia Città di Zurigo») mette in guardia in un'intervista a «20 Minuten» dal puntare il dito contro qualcuno: «Varie ragioni ci portano a distogliere lo sguardo in queste situazioni: stress, richieste eccessive o paura». Questo incidente è stato un'occasione per fermarsi e chiedersi quando non si è stati così presenti ed empatici.

Ma come può accadere una cosa del genere? «Capiamo che un tale incidente sembra irritante e incredibile», dice Michael Schumann, presidente dell'Associazione dei paramedici svizzeri (VRS), rispondendo alle domande di «blue News». «A essere onesti, però, la posizione del cadavere nel tram era tale che non si notava immediatamente che la persona non era cosciente». Sulle altre ragioni per cui ciò non è stato notato da nessuno, si possono solo fare delle speculazioni.

Parlare con la persona e allertare i servizi di emergenza

E come si deve reagire se si ha l'impressione che una persona abbia bisogno di aiuto? «Se c'è un tale sospetto, è meglio avvicinarsi», dice Schumann. Se non può essere svegliata ed è incosciente, bisogna chiamare subito i servizi d'urgenza tramite il numero di emergenza 144.

Se la persona non respira, bisogna iniziare subito le compressioni toraciche e, se necessario, praticare la respirazione artificiale. E continuare a farlo fino all'arrivo dell'ambulanza o fino a quando il paziente mostra segni di vita.

Se la persona è reattiva, si può cercare di scoprire se è necessario un aiuto medico facendo domande specifiche e dirette, per esempio: «Ha bisogno di aiuto?», «Ha dolore?», «Può respirare bene?». Nel fare ciò, bisogna sempre prestare attenzione a proteggersi e, in caso di dubbio, allertare sempre il servizio di soccorso o la polizia in caso di problemi non medici.